02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Venerdi Di Repubblica

Se questo vi sembra un secondo vino: il fratello minore dell’Ornellaia che in cinque anni si è già fatto conoscere. E apprezzare ... Sarà in enoteca dal 15 ottobre la vendemmia 2001 di Le Serre Nuove, della Tenuta dell’Ornellaia. Quinta annata di produzione, già molti gli aficionados. La Doc è Bolgheri, nome caro al Carducci e ambito da produttori-investitori e cultori del grande vino. Qui sono nate le etichette italiane più famose all’estero: Sassicaia, Ornellaia, Solaia. L’Ornellaia, dopo anni di ottimi piazzamenti, è risultato primo nella classifica mondiale 2001 di Wine Spectator. Le Serre Nuove viene definito dalla proprietà (Mondavi e Frescobaldi) un secondo vino. La pratica della “cadetteria” è diffusa nel Médoc. Chateaux prestigiosi (Cheval Blanc, Margaux, Latour) da tempo propongono un “secondo vino”. Che non significa un piccolo vino. Il Serre Nuove è fatto con le stesse uve (Cabernet Sauvignon e Merlot) dell’Ornellaia, ma raccolte da vigne più giovani. Uguale, ma di diversa durata, la tecnica di vinificazione e affinamento. E’ pronto prima dell’Ornellaia e ha un prezzo più contenuto. All’assaggio, il commento più comune è: “Se questo è un secondo vino…”. Color rubino brillante e fondo, bouquet di frutti rossi, sapore vivo, elegante e calda persistenza ...

Le Serre Nuove 2001 - Tenuta dell'Ornellaia - Bolgheri (Livorno)

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli