02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Venerdi Di Repubblica

La bottiglia. Dedicato a Walter, un rosso tutto di cuore… Sarà sempre il primo vino aziendale, questo dedicato a Walter. Per ragioni sentimentali, innanzitutto. Walter Allegrini non c’è più, ma certo lo avrebbe voluto proprio così. Lui e i fratelli Franco e Marilisa pur impegnatissimi con i loro cru in Valpolicella (Amarone e dintorni) pensavano di mettersi alla prova anche altrove. In Toscana, per esempio. Folgorati da Bolgheri, nel 2001 acquistano Poggio al Tesoro, una atenuta con quattro appezzamenti di vigna (al momento 42 ettari, raggiungeranno i 60 a impianto completato) con illustri vicini di casa. Partner dell’avventura è Leonardo Lo Cascio, selezionatore guru dei vini italiani negli Usa. In vigna, varietà bordolesi. Arriveranno anche Vermentino e Sirah, anzi Syrah e congiunti (Mondeuse noir e Terrano). Due i vini pronti da gustare, 2003. Il Sondraia, taglio bordolese, muscoli e calore, e il Dedicato a Walter, che fin dal debutto si è aggiudicato il “sole” veronelliano. Cabernet franc in purezza, rosso di cuore, incanta con profondità e gentilezza (non c’è traccia di erbaceo), fruttato e speziato, potenza e velluto, lunghezza e armonia. A Chiavenna (Sondrio) da Marino del Curto, a Padova all’enoteca Severino, a Bolgheri all’enoteca Rognoni, sui 28/30 euro.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli