02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Venerdi Di Repubblica

Recioto, un dolce controllato. Ma se lo conosci lo ami ... Una piccola azienda della Valpolicella usa le stesse uve per produrre il celebre Amarone e questo rosso, da relax... Una piccola azienda familiare, in Valpolicella. Di una bella famiglia: giovanissimi nonni. Odino e Pia, poi Alberto, tecnico agrario, e la moglie Mara, che cura l’amministrazione (e organizza la giornata di quattro bambini piccoli). Casa e cantina in un convento dei ‘600 restaurato con rispetto. Vigneto specializzato, con le varietà canoniche (Corvina, Rondinella, Molinara) per produrre Valpolicella, Amarone e Recioto. Ad Alberto, quando parla di Recioto, brillano gli occhi: “È il nostro simbolo dell’ospitalità. A farlo, ci si mette il cuore. Chi lo conosce lo ama”. Tutto vero, ma mentre l’Amarone (che la leggenda vuole nato dall’errore di un cantiniere) è diventato star mondiale, il dolce Recioto, che usa le stesse uve passite, risulta meno considerato (almeno dal mercato). Probabilmente ha ragione Alberto: per apprezzare il Recioto bisogna conoscerlo. Ecco la vendemmia 2003 (nel 2002 e 2004 non è stato prodotto). Colore rubino profondo, bouquet variegato con mille sfumature di frutti, fiori, confetture, spezie. Sapore ampio e caldo, elegante. La dolcezza è controllata, l’armonia avvolgente. Più che da dessert, o da formaggi, da relax con amici. A Bergamo all’enoteca San Tommaso, a Ercolano (Napoli) da Viva Lo Re, sui 18 euro la bottiglia da mezzo litro.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli