02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il VenerdÌ Di Repubblica

La bottiglia ... In quel bouquet
fiori e frutti
dell’Agro Pontino ... Petit Manseng, chi è mai costui? È un vitigno guascone, alla base di due Aoc: juranon e Pacherenc-du-Vic-Bilh. Ne nascono bianchi secchi o da dessert. Nel secondo caso, i grappoli appassiscono sulla pianta grazie a una tecnica chiamata posserillage, Non più di un migliaio di ettari, in Francia, ma un vitigno che ama i viaggi: California, Ohìo, Australia. E, nel nostro caso, la provincia di Latina. La famiglia Santarelli, originaria di Amatrice, già un secolo fa vendeva vino e olio in piazza Capranica, a Roma. Dal 1985 Dino Santarelli e il figlio Antonio scommettono su un progetto di lungo respiro nell’Agro Pontino, zona mai presa in considerazione come terra da vino. Piantano una sessantina di vitigni. tra cui molti francesi. Ricerca e sperimentazione danno buoni frutti: il fuoriclasse è il Mater Matuta (Syrah e Petit Verdot) ma ogni etichetta dimostra la riuscita delle cure riservate a ogni cultivar, il Petit Manseng, vinificato in inox, color oro chiaro, ha un bouquet delizioso di frutti tropicali, fiori di campo, lievi spezie. Sapore appagante, amabilmente secco, molto ricco di sfumature aromatiche. A Milano da A&Co, a Roma da Trimani sui 10/12 euro.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli