02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Venerdì Di Repubblica

Da Trento brindisi secchi e raffinati ... Breve la sigla, Cavit, di questa cantina sorta nel 1950. Grandi i numeri: un esercito di viticoltori associati (4.500), un vigneto di 5.500 ettari complessivi, una produzione che raggiunge i 70 milioni di bottiglie, suddivise in varie linee: dai Masi a Bottega Vini ai Vernacoli. Ossia dal vino più semplice e quotidiano a quello per le grandi occasioni. L’80% della produzione e Doc, così come 80% del fatturato arriva dall’export, Usa in prima fila. Insomma un colosso. Importanti collaborazioni per la ricerca: con la Fondazione Edmund Mach, ex Istituto agrario di San Michele all’Adige, e con il gruppo di “preparatori d’uva” di Simonit&Sirch. Alla prima cantina si è aggiunta nel ‘93 quella dedicata esclusivamente agli Spumanti Trento Doc (metodo classico) e Charmat. Portabandiera il Graal, ben 72 mesi sui lieviti, elegante matrimonio tra Chardonnay e Pinot nero. Questo Altemasi millesimato è invece ottenuto da sole uve Chardonnay e rimane sui lieviti fino a 48 mesi. Paglierino lucente, perlage fitto e minuto, bouquet variegato tra frutti a polpa bianca, tropicali, agrumi, nocciola. Il sapore è secco, fragrante. di raffinato equilibrio. A Bologna all’Enoteca Italiana, a Roma da Costantini sui 12-13 euro.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli