02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il VenerdÌ Di Repubblica

La bottiglia ... un Moscato aromatico dà armonia al Natale ... Rovigo non è provincia tra le più
care a Bacco e non è frequente
che si rinunci a una camera
televisiva per occuparsi di vigne.
Ma questa in sintesi è la stona
controcorrente di Elisa Dilavanzo,
nata a Rovigo,appassionata
di vino, diplomata sommelière,
presentatrice di un programma Rai e poi, sempre in Veneto, totalmente assorbita dal progetto Maeli. In una zona dei Colli Euganei chiamata Tre valli dei venti ha rilevato nel 2010 una vigna di 9 ettari, semiabbandonata, tra cespugli e rovi, ma con viti vecchie anche di 40 anni che continuavano a dare frutti. Maeli sta per mama e limo, componenti
suolo vulcanico. Elisa propone
etichette di bianco e di rosso, ma
il prodotto di cui va più fiera, il fiore
all’occhiello è il Maeli, ossia un
Moscato Fior d’Arancio Spumante.
Ecco il 2014: paglierino chiaro e
brillante, naso di immediata armonia
tra fioriture bianche, agrumi, spezie, canditi. Al palato arrivano sia la dolcezza dell’uva sia la fragranza dell’acidità, in una piacevolissima sensazione di balsamico. Elisa lo consiglia su stuzzichini salati, ma secondo noi s’accompagna bene anche ai dolci della tradizione natalizia. Ad Abano Terme (Padova) da Bernabei, a Roma da Bleve, a San Severo (Foggia) ai Cinque sensi sui 13/14 euro.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli