02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Venerdì Di Repubblica

La bottiglia ... Il tempo ritrovato 2015 Podere Veneri Vecchio Castelvenere (Benevento)... Raffaele Annichiarico, laureato in Scienze agrarie, diventa vignaiolo dopo molti anni di laboratorio in un centro di ricerca agroalimentare. Casa a Napoli, figli piccoli, compra un casolare in campagna. Qui trova antichi vitigni, viti vecchie da 25 a 60 anni, e decide che le uve, fin lì cedute alle cantine sociali, saranno lavorate in proprio. Ha capito che quelle piante raccontano la stona dei luoghi e che prendersene cura, in sintonia con la natura, equivale a ritrovare un tempo interiore. Farà il suo vino senza i consigli di un enologo, solo quelli dei vecchi contadini, e senza uso di chimica. Trattamenti solo con macerazione di piante spontanee (ortica, equiseto, borraggine), stop anche a rame e zolfo. Dai due ettari di proprietà, bianchi (Bella ciao Awstinella, Bianco tempo, Tempo dopo tempo) e rossi (Perdersi e ritrovarsi, Rutilum, Nigrum, Frammenti di terra). Noi abbiamo scelto Il tempo ritrovato, etichetta di sapore proustiano. Nasce da Gneco (non Greco) e Cerreto, in pari misura. Lungo contatto con le bucce, 12 giorni, poi maturazione e affinamento in botti dì castagno e ciliegio per 8 mesi, infine bottiglia. Buon vino artigianale, bel paglierino carico, bouquet che sì muove tra fiori di campo, erbe aromatiche, frutti a polpa bianca. Al palato è fresco e sapido, si assaggia e riassaggia e ogni sorso sembra diverso. A Milano da Vinoir, a Telese Terme (Benevento) da Mostovino sui 15 euro.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli