02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
L’AGENDA DI WINENEWS

Dai Gran Galà delle Guide ai “Versi in Bottega” (del Vino), ai Vins Extrêmes: ecco gli eventi

Aspettando le Feste con il Trentodoc. La mostra: “Muvit Mamo Moo - Un filo rosso tra arte e vino”. E c’è anche il Ricettario del grande Ugo Tognazzi

Tra gli eventi più glamour del mondo del wine & food, tanto da assegnare ufficialmente gli Oscar del Vino alle donne e agli uomini che accanto alla produzione hanno fatto grande il nome del vino italiano nel mondo, e già sold out, la cerimonia di “Bibenda 2020”, edizione n. 22 della guida curata dalla Fondazione Italiana Sommelier (Fis) diretta da Franco Ricci, torna il 30 novembre nella cornice dell’Hotel Rome Cavalieri a Roma, di fronte ad una platea di oltre 1.000 ospiti-commensali della cena di gala firmata dallo chef Gianfranco Vissani, con l’assegnazione dei “5 Grappoli” ai migliori 665 vini top di tutta Italia. È questo uno degli eventi wine & food segnalati in agenda da WineNews. Dove a proposito di guide, sempre il 30 novembre e sempre a Roma, all’Hotel Westin Excelsior, Cucina & Vini nello Sparkle Day presenta Sparkle 2020, edizione n. 18 della guida ai migliori spumanti secchi d’Italia, con degustazione di oltre 220 etichette di spumanti di 75 aziende italiane. Stesso giorno anche per l’Ais-Associazione Italiana Sommelier, guidata da Antonello Maietta, che il 30 novembre presenta la Guida ai Vini di Sicilia 2020 a cura dell’Ais Sicilia - quasi 1.000 vini di 140 cantine con 20 vini cui è stato assegnato il massimo riconoscimento, i 4 Triscele (simbolo della Sicilia) - tra prestigiose degustazioni e masterclass, e non solo, nella cornice unica e particolarissima del Parco botanico Radicepura, a Giarre (Catania, ci sarà anche una guidata ai giardini d’artista del Garden Festival 2019). Si torna nella Capitale, il 2 dicembre, anche per la cerimonia di premiazione di 50 Top Italy, la guida on-line dei Migliori Ristoranti Italiani 2020, al Teatro Eliseo. E poi a Milano, per la presentazione della Guida Cantine d’Italia 2020 di Go Wine, il 3 dicembre all’Hotel Michelangelo, con 766 cantine che valgono il viaggio e 230 “Impronte d’eccellenza” per l’Enoturismo, 7 premi speciali a Resort e Tavole aziendali d’eccellenza, vini “storici” e “autoctoni”, enoarchitetture, e un talk con la globetrotter gourmet Adua Villa, Gianni Fabrizio, redattore della Guida ai vini del Gambero Rosso, il giornalista di Tg2 Eat Parade Bruno Gambacorta e Massimo Corrado presidente Go Wine, moderati dal giornalista Antonio Paolini.
Alla viticoltura estrema è dedicato Vins Extrêmes 2019 (30 novembre-1 dicembre), l’evento di scena al Forte di Bard in Valle d’Aosta con il meglio dei vini d’alta quota, di montagna e delle piccole isole italiani, da rari vitigni autoctoni, scrigno di biodiversità e con peculiarità uniche, italiani.e stranieri, da Andorra alla Palestina, quasi 300 etichette ai banchi d’assaggio premiate al Mondial des Vins Extrêmes 2019. Le amate bollicine sono invece le protagoniste di “Trentodoc: Bollicine sulla città” a Trento (fino all’8 dicembre), la kermesse dedicata al TrentoDoc, la Denominazione che raccoglie le prestigiose bollicine italiane di montagna, tra incontri nella città ed itinerari tra le più importanti case spumantistiche del territorio, con Palazzo Roccabruna, sede dell’Enoteca Provinciale del Trentino cuore della kermesse e delle degustazioni, “Happy Trentodoc. L’aperitivo 100% trentino” del Consorzio TrentoDoc e “Trentodoc in Cantina”.
A Verona è tornata puntuale Versi in Bottega, la rassegna organizzata dall’Antica Bottega del Vino e le Famiglie Storiche, quest’anno con sei incontri dedicati alla cultura e alla curiosità, tra poesia, sport, mito e leggenda, ai quali parteciperanno di volta in volta esperti sul tema, oltre a Luca Nicolis, oste in veste di narratore, e l’attore teatrale di Casa Shakespeare Solimano Pontarollo, con musica a cura di Fabio Casarotti. Stasera incontro dedicato all’eroe nazionale scozzese William Wallace, spazio poi alla musica con Omar Pedrini il 19 dicembre e ad un argomento sportivo con l’indimenticabile coppia Coppi-Bartali il 30 gennaio; quindi il 27 febbraio la poesia, con Alda Merini a 10 anni dalla sua scomparsa, e, infine, il 26 marzo, il vino, argomento caro alla Bottega e il suo ruolo nella sacralità con l’incredibile storia di Dom Perignon.
L’occasione per visitare o tornare a visitare uno dei luoghi più belli del mondo del vino, il Muvit-Museo del Vino di Torgiano della famiglia Lungarotti, la offre la Fondazione Lungarotti che cura l’originale mostra “Muvit Mamo Moo - Un filo rosso tra arte e vino” dell’artista Massimiliano MaMo Donnari tra le oltre 3.000 opere che raccontano 5.000 anni di storia del vino (fino al 12 gennaio; una selezione di opere di MaMo è esposta in contemporanea anche alla Banca Generali a Perugia).
Un evento da non perdere? Il ricettario di Ugo Tognazzi, gastronomo e “cuoco prestato al cinema”, come lo stesso attore amava definirsi, in un concentrato amarcord di scene di vita quotidiana fuori dal set, rivive il 30 novembre in un evento rievocativo, a La Tognazza, la casa vitivinicola oggi guidata dal figlio Marco Tognazzi, a Velletri, nel cuore dei Castelli Romani. Ai fornelli, lo chef Danilo Pelliccia, custode della cucina romana che reinterpreterà le ricette dell’attore scomparso agli inizi degli anni Novanta, dando vita a “Amici Miei-Situescion II”, format artistico e multisensoriale che unisce enogastronomia e musica, dedicato al valore dell’amicizia.

Uno sguardo agli eventi del 2020? Ecco le segnalazioni a WineNews, da Aspettando Radici del Sud a VitignoItalia, da Grandi Langhe a Buy Wine & Anteprime di Toscana, fino all’Anteprima Sagrantino
A partire da novembre e fino alla fine di maggio torna la rassegna Aspettando Radici del Sud, una serie di appuntamenti pensati per approfondire la conoscenza dei vini da vitigni autoctoni del Meridione per prepararsi all’edizione di Radici del Sud, in programma al Castello Normanno Svevo di Sannicandro di Bari (9-15 giugno): dal 17 al 19 dicembre, tra Sannicandro di Bari e Minervino Murge, si svolgerà la rassegna itinerante “Storia, Geografia, Scienze sociali del vino e del cibo del Sud” con laboratori, attività e dibattiti per rilanciare il tema dell’alimentazione sostenibile anche dal punto di vista del rapporto tra dieta e salute, e una degustazione dei 75 vini autoctoni del Meridione d’Italia premiati al Salone del vino di Radici del Sud 2019, abbinati a piatti tipici realizzati dai cuochi della Masseria Barbera e di Aromi Bistrot di Sannicandro di Bari. Restando al Sud, torna l’appuntamento con VitignoItalia 2020, il Salone dei Vini e dei Territori Vitivinicoli Italiani in programma nella suggestiva cornice di Castel dell’Ovo a Napoli (24-26 maggio).
A dare il via ufficialmente alla lunga stagione delle Anteprime del vino italiano sarà Grandi Langhe 2020, l’evento dedicato alle nuove annate di Docg e Doc di Langhe e Roero, a partire dal Barolo 2016, Barbaresco 2017 e Roero 2017, di scena il 27 e 28 gennaio al Palazzo Mostre e Congressi di Alba (che ospiterà anche seminari di approfondimento sulle MeGA-Menzioni Geografiche Aggiuntive di Barolo, Barbaresco, Roero, Dogliani e Diano, condotti da Alessandro Masnaghetti), e che da questa edizione n. 5 diventa annuale. In regia due Consorzi di tutela: il Consorzio del Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani e il Consorzio Tutela Roero. E anche nel 2020, Grandi Langhe si allea e segue a ruota Nebbiolo Prima, l’anteprima organizzata dall’Albeisa - Unione Produttori Vini Albesi per la stampa specializzata. A seguire, compie 10 anni il format Buy Wine, il principale evento business italiano per la promozione del vino toscano, con 250 aziende vitivinicole che si confronteranno con 230 buyer provenienti da tutto il mondo a Firenze (Fortezza da Basso, 7-8 febbraio). E dopo una settimana, il 15 febbraio, sempre a Firenze si inaugureranno le Anteprime di Toscana, evento di presentazione delle nuove annate dei Consorzi toscani del vino che scelgono di presentarsi tutti assieme, con PrimAnteprima, e, a seguire, da Firenze ai territori, debuttano sulla scena le nuove annate di Chianti, Chianti Classico, Vernaccia di San Gimignano, Nobile di Montepulciano e Brunello di Montalcino. Ci si sposta poi, come da tradizione, in Umbria per l’Anteprima Sagrantino del Consorzio Tutela Vini Montefalco e la presentazione dell’annata 2016 a Montefalco (24-25 febbraio), tra il tasting e le visite in cantina, le Masterclass ed i concorsi per sommelier professionisti “Gran Premio del Sagrantino” e per giovani fumettisti “Etichetta d’Autore”.
Tornando in Toscana, tra gli eventi da non perdere c’è un altro storico compleanno: 20 anni fa apriva le porte l’Osteria di Passignano, nata nel 2000 in uno dei borghi più suggestivi del Chianti Classico, accanto all’abbazia medievale di Badia a Passignano, grazie all’incontro tra Marcello Crini, grande conoscitore e appassionato della cultura enogastronomica toscana e chef del gruppo Jre, e la Antinori, storica famiglia del vino italiano e toscano, proprietaria dei vigneti circostanti l’abbazia, dai quali produce il Chianti Classico Gran Selezione “Badia a Passignano”, affinato nelle storiche cantine di invecchiamento sottostanti il monastero. Per celebrare la storica ricorrenza c’è un programma di eventi promosso dal ristorante, stella Michelin dal 2007 e che vede oggi ai fornelli lo chef Nicola Damiani, insieme alla famiglia Antinori, fino al 30 ottobre 2020 ricco di cene con chef stellati come Gennaro Esposito de La Torre del Saracino di Vico Equense (2 marzo), due Charity Dinner servite all’interno della Badia di Passignano per il completamento del restauro del complesso monastico e dell’affresco del Ghirlandaio conservato al suo interno in collaborazione con Dario Cecchini dell’antica Macelleria Cecchini e con la partecipazione di Carlo Giusti, primo produttore del Prosciutto di Piccione in Italia (a marzo e settembre), ma anche “Incontriamoci”, un’iniziativa per gli under 35 con menù degustazione limited edition dedicato per tutto l’anno con degustazione dei vini delle tenute Antinori ad un prezzo privilegiato (50 €). A seguire cene degustazione dedicate ad importanti Maison di Champagne (a dicembre Moon Import, a marzo Perrier Jouët, con la guida del responsabile di sala Simone Caccia), un programma di corsi di cucina in collaborazione con la Scuola di Arte Culinaria Cordon Bleu, e la partecipazione all’iniziativa Ristoranti contro la fame, con il piatto rappresentativo dello chef Nicola Damiani dedicato alla raccolta fondi per la campagna di azione contro la fame dei bambini nel mondo. E dopo l’apertura dei festeggiamenti il 30 ottobre con la cena “Come eravamo” che ha visto il ritorno in cucina dei due chef che hanno ottenuto insieme la stella Michelin nel 2007, Damiani e Matia Barciulli (oggi coordinatore Tecnico F&B di Marchesi Antinori), in un percorso nei piatti che hanno fatto la storia del ristorante accompagnati da una degustazione di vecchie annate di Badia a Passignano Chianti Classico Docg Gran Selezione di Antinori, il gran finale sarà la cena “Come Siamo”, dedicata all’identità ed alla brigata attuale della cucina di Osteria. E il 1 novembre è partita dalla Toscana anche la sfida annuale e globale Challenge Vegetariana lanciata dall’associazione culturale italiana senza scopo di lucro Italian Dining Summit e ideata dal professor italo-australiano Armando Cristofori con lo chef toscano Paolo Baratella. Per partecipare basta caricare nel gruppo Facebook Italian Dining Summit Vegetarian Members & Friends una foto/slideshow, o video/Gif che mette in mostra un piatto vegetariano consumato/preparato a casa o in un’attività ristorativa, facendosi poi votare a suon di “Mi Piace”, “Commenti” e “Condivisioni”. A partire dal 17 dicembre 2019 fino al 17 novembre 2020 verranno premiati i 10 vincitori mensili a livello globale, in collaborazione con enti locali nel territorio di provenienza del vincitore.

Gli eventi dal Nord al Sud del Belpaese: in Friuli & Veneto
Il 1 dicembre, a Sutrio, incantevole borgo della Carnia ai piedi del monte Zoncolan, si celebrano i salumi e i formaggi di malga, tradizionali di queste incontaminate montagne del Friuli Venezia Giulia, con “Fums, profums, salums”, vero e proprio laboratorio di sapori e profumi con degustazioni e mercato, e “Formandi - Sapori e formaggi di montagna” con mostra, degustazione e Asta di formaggi di malga, che darà la possibilità di aggiudicarsi anche forme particolarmente pregiate e solitamente introvabili, a Cjase dal Len, un’antica segheria sapientemente restaurata, in abbinamento ai vini friulani.
Se dopo la seconda acqua alta più grande di sempre che ha colpito Venezia e la laguna, l’Osteria Contemporanea e il Wine Resort di Venissa e Casa Burano hanno riaperto subito i battenti, il progetto di ospitalità a 360 gradi della famiglia Bisol torna alla normalità anche con un calendario di eventi con cene a tema come quella delle Ostriche (Venissa è l’ambasciata italiana di quelle di Bretagna, 14 dicembre), aspettando Natale e Capodanno, ma anche una Mostra di Andrea Tagliapietra, artista emergente di Burano (fino al 6 gennaio). Sempre in Veneto, torna “Porcomondo!”, il festival “suin generis”, unico nel settore, per fornire una panoramica sul mondo del maiale, focalizzando l’attenzione sulle piccole produzioni e dei prodotti di nicchia, ideato dalla “Ingorda Confraternita del Musetto” dedicato al maiale, a Riese Pio X, nel trevigiano, dal 30 novembre al 2 dicembre negli spazi del Centro culturale “Casa Riese” e dell’Istituto Agrario Sartor, tra degustazioni ed esposizioni di prodotti, master class, spettacoli, convegni, ospiti legati alla figura di “Sua Maestà il Maiale” e con tanto di “Processo al maiale Atto II - che giustizia sia fatta!”, che vede nel ruolo di giudice il magistrato Carlo Nordio. Il 5 e 6 dicembre farà il suo esordio, invece, Aspettando il Bassano Wine Festival, serate degustazioni a tema che anticiperanno il Bassano Wine Festival, la mostra mercato, con 70 cantine provenienti da tutta Italia nella nuova location di Villa Morosini Cappello, a Cartigliano (Vicenza, 7-8 dicembre). Proprio qui lo Champagne sarà il protagonista del primo evento con una selezione di bollicine d’Oltralpe in una masterclass condotta da Gianpaolo Giacobbo, e, a seguire, ci sarà, Vespaiolo & Baccalà, con i piatti a base di bacalà alla vicentina preparati da Antonio Chemello del Ristorante Da Palmerino di Sandrigo abbinati ai vini della cantina IoMazzucato.

A Milano & Torino
Il Four Seasons Hotel di Milano rende omaggio alla meravigliosa e variegata storia di due prodotti italiani eccezionali come il tartufo e il vino, con il nuovo Executive Chef Fabrizio Borraccino che propone al ristorante La Veranda un nuovo inedito menu con Savini Tartufi e Montevertine Vini (fino al 7 dicembre). Milano che ospita anche la seconda edizione di The Milan Coffee Festival (Superstudio Più, 30 novembre-2 dicembre). Restando in Lombardia, stare insieme, giocare, fare e ascoltare musica per difendere l’ambiente, promuovere il territorio e combattere la produzione eccessiva di plastica e i danni che provoca all’ecosistema, è l’obiettivo di #LaSfida, roadshow di Sorrisi e Canzoni Tv, che vede tra i partner il Grana Padano Dop, con tappa all’Elnos Shopping di Brescia il 30 novembre.
A Torino i ristoranti di Eataly Lingotto ospitano un ciclo di cene tematiche dedicate interamente all’autunno, ai sapori del bosco e alla grande tradizione piemontese: stasera torna l’appuntamento con la Cena con il produttore con il tema “Nebbiolo Roc(K)!”, non può mancare poi la Cena del Bollito, domani, fino alla Cena al buio il 4 dicembre. E gli appuntamenti enogastronomici di alto livello non si esauriscono con la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba: il 2 dicembre nel Relais Villa d’Amelia di Benevello (Cuneo) l’Ente Fiera organizza un grande evento culinario dedicato alla Nocciola Piemonte Igp delle Langhe in abbinamento al Tartufo Bianco d’Alba, da un’idea di Damiano Nigro, chef stellato del Relais, inventore di una “festa della nocciola” chiamando numerosi chef da tutto il mondo per mettere il proprio estro a disposizione della tonda gentile (saranno 24, da Pino Cuttaia ad Edoardo Fumagalli, da Andrea Ribaldone allo spagnolo e tristellato Quique Dacosta). Evento nell’evento la presentazione del nuovo volume “Enciclopedia della Nocciola”, di Clara e Gigi Padovani edito da Mondadori, tappa di un tour per la celebre coppia di autori enogastronomici che proseguirà a Salerno (Libreria Feltrinelli, 3 dicembre), Torino (Circolo dei Lettori, 5 dicembre), e al #NocciolaDay a Fico Eataly World a Bologna (7-8 dicembre).

Dall’Emilia Romagna alla Toscana, fino in Puglia
Il 1 dicembre le cantine del Consorzio Vini Colli Bolognesi ospiteranno la prima edizione di “CantiNE di Natale”, offrendo degustazioni, assaggi e proposte regalo: non solo vini, ma anche olio, farine, prodotti a km0 e artigianali per chi è in cerca di idee da mettere sotto l’albero.
Con “Girogustando” tutta l’Italia del gusto s’incontra in cucina: nelle terre di Siena torna il calendario di appuntamenti che nasce da veri e propri “gemellaggi gastronomici”. Protagonisti 14 cuochi con esperienze e percorsi professionali differenti che saranno impegnati a mettere in dialogo la loro creatività, per costruire sette differenti menù ciascuno dei quali sarà realizzato a quattro mani. Un modo insolito anche per scoprire alcuni dei borghi e degli angoli più belli della terra di Siena, dove si conclude stasera a Pienza, con il ristorante Dal Falco che proporrà un menù ideato con il Konnubio di Arenzano (Genova). Siena che, da domani al 1 di dicembre, sarà la capitale dell’olio italiano in occasione delle celebrazioni dei 25 anni delle Città dell’Olio, veri e proprio stati generali del mondo dell’olio extravergine di oliva nel Complesso Museale di Santa Maria della Scala, attorno al tema “Olio 2030: cultura, identità, territorio, qualità e sviluppo sostenibile”, con i massimi esperti italiani in materia - da Roberta Garibaldi, docente di Marketing e Tourist Management Università di Bergamo, a Mauro Agnoletti, coordinatore gruppo Paesaggio Ministero delle Politiche Agricole, da Alberto Mattiacci, docente di Marketing e Business Management UniSapienza Roma, a Marino Niola, antropologo, scrittore e giornalista, dal giornalista enogastronomico Paolo Massobrio a Riccardo Garosci, presidente del Comitato per l’Educazione Alimentare del Ministero dell’Istruzione - chiamati a coordinare panel tematici da cui emergeranno idee, proposte e strategie concrete atte a divenire contenuti per l’Agenda 2030 delle Città dell’Olio. Ma ci saranno anche tanti eventi in città, con degustazioni, mostre, laboratori, vetrine a tema e menu ad hoc nei ristoranti. Ci sarà anche una degustazione molto particolare, tra le novità che Ais Toscana per Food & Wine in Progress, evento promosso con l’Unione Regionale Cuochi Toscani dal 30 novembre al 1 dicembre. Ci si sposta al Museo della Fondazione Scienza e Tecnica di Firenze per visitare la mostra “Cacao tra Cielo e Terra” (fino al 13 aprile), un viaggio nella storia del cibo più amato con un approfondimento dell’Accademia dei Georgofili - accanto alla collaborazione di Accademia della Crusca, Biblioteca Medicea Laurenziana e Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella, aspettando il Congresso Cacao & cioccolato, dolcezze per la salute che si terrà sempre a Firenze il 14 dicembre - con un ricco calendario di eventi fino ad aprile con la partecipazione di alcuni celebri Maestri cioccolatieri, tra cui Mirco Della Vecchia. Si resta a Firenze, il 1 dicembre nel quartiere Campo di Marte, per “Cento Stelle di Natale”, l’evento promosso dal comitato dei negozianti del Ccn Le 100 Stelle di San Gervasio che lo animerà all’insegna del ritorno alla vecchia vita di quartiere, con tutti i negozi aperti, mercati, giochi e un ricco calendario di laboratori per far rivivere il vero spirito del quartiere, quello della comunità, delle relazioni tra vicini e delle attività di prossimità, a cura di Genuino.Zero, tutti legati da un unico tema: la sostenibilità. Con Cortona Gourmet da oggi Creta Osteria dei Tenimenti D’Alessandro e lo chef Mirko Marcelli ospitano alcuni dei ristoranti più interessanti e contemporanei d’Italia ed i loro piatti “firma”, che hanno saputo conquistare clienti e critica: si parte con l’arrivo da Lucca a Cortona del Ristorante Giglio, una stella Michelin, guidato non da uno, bensì da 3 chef giovanissimi, e si prosegue il 12 dicembre quando dalla Capitale arriverà la cucina di Santo Palato e della chef Sarah Cicolini che ha portato il quinto quarto nella contemporaneità.
Il 1 dicembre il Relais Monastero Santa Teresa, elegante palazzo baronale di Nardò (Lecce) risalente al XIII secolo, ospita il Movimento Turismo del Vino Puglia e l’evento “Nero Nero - Negroamaro a Nardò”, una degustazione per scoprire il Negroamaro nelle diverse interpretazioni di oltre 20 vignaioli del Salento in abbinamento ai prodotti tipici del territorio.

Un evento in tutta Italia
In tutta Italia, infine, continua il TheFork Festival, evento web organizzato da TheFork, app numero uno in Europa per cercare e riservare il ristorante online. Fino al 30 novembre - per oltre un mese - 2.000 ristoranti in tutta Italia offrono sconti del 50% alla cassa, bevande comprese e niente coupon. Oltre alle insegne a metà prezzo, una rosa di ristoranti d’autore propone una formula speciale: sono infatti disponibili a seconda dei ristoranti un menù da 49 euro e 69 euro: in base al prezzo cambia anche il numero di portate, ma l’utente può scegliere quelle che più preferisce, senza che vi sia un percorso gastronomico già predefinito.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019