02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
L’AGENDA DI WINENEWS

A Bra Cheese, a Roma Taste, a San Vito Lo Capo il Cous Cous Fest: il cibo al centro degli eventi

Al via tre eventi gastronomici che, in comune, hanno la visione del cibo come mezzo di integrazione. Intanto, continua Cantine Aperte in Vendemmia

Dal formaggio al cous cous, passando per street food e tradizione: protagonista dell’Agenda di WineNews è il cibo, come strumento e mezzo per affrontare temi socio-politici come la diversità, l’integrazione, il colore, il climate change. Si parte da Bra, in Piemonte, dove Slow Food si prepara a dare il via a Cheese n. 22, che dedica, dal 20 al 23 settembre, un fitto cartellone di eventi, incontri, tavole rotonde, degustazioni inedite e street food da tutto il mondo, al formaggio. Non solo i celebri Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Mozzarella di Bufala campana o Gorgonzola, celebri ed ospiti fissi, ma anche e soprattutto i formaggi meno conosciuti, e quindi più a rischio, delle montagne, nelle valli dove allevare e produrre è un atto eroico d’amore per la tradizione, dalle Alpi Liguri ai monti Tatra della Slovacchia, dai territori intorno al Monviso al Québec, in Canada, dalla Valle Varaita al Cilento. Ma Cheese non è solo assaggi e abbinamenti particolari: nella tre giorni firmata Slow Food, tanti i temi importanti affrontati tra convegni e tavole rotonde, dal climate change e l’impatto che su di esso ha la produzione di cibo, alla preservazione degli allevamenti e produzioni di montagna, passando dalla lotta ai produttori industriali, dall’integrazione attraverso il cibo e alla conoscenza e l’apprezzamento della diversità, con viaggi (caseari) intorno al mondo.
Oggi, intanto, si inaugura l’edizione n. 8 di Taste of Roma, l’evento che ogni anno unisce il buon cibo all’amore per la condivisione. Il colore e il suo abbinamento al cibo sarà il tema di questa edizione di Taste of Roma, che prenderà vita nel piatto icona che ognuno dei 14 grandi chef della Capitale realizzerà ad hoc per raccontare l’evoluzione della propria cucina, permettendo a tutti di percorrere un viaggio che risveglierà tutti i 5 sensi. Come ogni anno, l’Auditorium Parco della Musica ospiterà per 4 giorni foodies, gourmet, appassionati e curiosi che, per l’occasione, avranno la possibilità di vivere un’esperienza unica all’insegna della grande ristorazione. Ma Taste of Roma non è solo cibo: protagonista, è anche il vino, con i 4 Wine Bar e il Salotto del vino, a disposizione di tutti coloro che desidereranno ampliare la propria conoscenza, scoprire nuove cantine e vivere un’esperienza all’insegna della grande ristorazione e del buon vino, grazie a Trimani. Proprio nei loro wine bar, sarà possibile trovare più di 60 etichette pensate per accompagnare le originali ricette che i 14 chef realizzeranno per questa edizione. Il Salotto del vino, invece, organizzato in partnership con Paolo Trimani, permetterà di salire su un vero e proprio autobus del gusto: uno spazio interamente dedicato a tutti coloro che vorranno approfondire i segreti della vigna. Al suo interno, 28 appassionati alla volta potranno assaggiare o scoprire zone, vitigni e aziende proposte da un gruppo di voci autorevoli e plurali.
A San Vito lo Capo, in provincia di Trapani, invece, ci si prepara per il Cous Cous Fest, il Festival internazionale dell’integrazione culturale, arrivato all’edizione n. 22, in scena dal 20 al 29 settembre. Degustazioni, sfide di cucina, cooking show, concerti e spettacoli all’insegna dello scambio e del dialogo tra i popoli attraverso il cous cous, piatto tipico di molti Paesi orientali, ma che in realtà si è fatto simbolo di piatto “giramondo”, di contaminazione. Una festa di sapori e civiltà che promuove un confronto tra paesi dell’area euro-mediterranea e non solo. Il primo fine settimana della rassegna è dedicato al Campionato italiano Bia CousCous: sei gli chef, provenienti da tutta Italia e pre selezionati sul web, che si sfideranno il 20 e il 21 settembre a colpi di cous cous. In palio il titolo di “Miglior chef italiano” e la possibilità di entrare a far parte della squadra “azzurra” che gareggerà al Campionato del mondo di cous cous. Il Campionato del mondo di cous cous è il cuore dell’evento, la gara gastronomica internazionale dedicata al cous cous, quest’anno all’insegna del motto “Make cous cous not walls”. Chef provenienti da Israele, Italia, Marocco, Palestina, Senegal, Stati Uniti e Tunisia si confronteranno a tavola, dal 26 al 29 settembre, per celebrare la pace e l’integrazione tra popoli. I piatti saranno valutati da una giuria popolare e di una giuria di esperti presieduta da Enzo e Paolo Vizzari, il tutto presentato da Federico Quaranta, voce storica di Decanter in coppia con la food blogger italo-marocchina Siham Lamoudni. In programma anche lezioni di cous cous, cooking show con grandi protagonisti della cucina tra cui Sergio Barzetti, Andy Luotto, Chiara Maci, Filippo La Mantia e Giorgione, ma anche spettacoli e concerti sotto le stelle: si comincia il 20 con Noemi, poi il giorno seguente sarà il turno dei Boomdabash, e tra i tanti altri, anche il vincitore di Sanremo 2019 Mahmood, il 27 settembre.
Intanto, in tutta Italia, continua l’evento diffuso firmato Movimento Turismo del Vino, “Cantine Aprte in Vendemmia”, dedicato appunto alla vendemmia, protagonista della scena enoica italiana per più di due mesi, come momento nevralgico per il business del vino, ma anche come rito regionale e contadino, tra le tradizioni più belle e affascinanti dell’agricoltura, dove il lavorare duramente tutto il giorno viene in qualche modo allietato dalla convivialità, fatta di racconti, storie, canti, danze e rituali di buon auspicio, radicati in certi casi molto indietro nella storia. I week end di settembre, fino ad ottombre, wine lovers, famiglie e curiosi sono chiamati alla scoperta di questo momento magico, con le cantine del Belpaese, dal Piemonte alla Sicilia, che aprono le proprie porte anche in un periodo così delicato.

Gli eventi a Milano e in Lombardia
Il 24 settembre, la griffe toscana Banfi, simbolo del successo internazionale del Brunello di Montalcino, presenterà la nuova Cuvée Tout de Blanc in Edizione Limitata della Maison Joseph Perrier, al Ristorante Acanto, insieme alla famiglia Fourmon e alla talentuosa artista Lauren Collin, che ha ideato il progetto. A Villa Necchi Campigli, invece, il 25 settembre andrà in scena una giornata tutta dedicata al genio di Leonardo Da Vinci: prima una conferenza presenterà il progetto che vuole presentare il lato da wine lover e wine maker del genio toscano della Leonardo Da Vinci Spa, e poi sarà inaugurata la mostra “Il mondo di Leonardo e il vino”, con una selezione di opere d’arte che dimostrano il suo legame col succo di Bacco. A chiudere la giornata, una speciale cena firmata dalla chef stellata Cristina Bowerman.
Il cammino lungo 100 anni di Nino Franco, l’azienda emblema del Prosecco di Valdobbiadene Superiore fondata nel 1919 sulle Colline di Valdobbiadene oggi Patrimonio Unesco, si intreccia a quello di ASPI - Associazione della Sommellerie Professionale Italiana. Le due icone del vino e della sommellerie italiani, annunciano la collaborazione che vedrà le produzioni della centenaria cantina protagoniste di diverse attività formative e degustative organizzate da ASPI, con l’obiettivo di far conoscere a professionisti e appassionati in tutta Italia un pezzo della storia del grande vino italiano. Già in programma “Un viaggio attraverso 100 anni di Prosecco”, le masterclass in tre tappe - il 23 settembre a Milano, il 7 ottobre a Roma e il 18 novembre a Pozzuoli (NA) -, in cui sarà possibile degustare, guidati dagli esperti sommelier ASPI Manuele Pirovano e Gennaro Buono, diverse etichette di Nino Franco - di cui due proposte in tre annate per comprendere appieno la capacità evolutiva del Prosecco -, per un totale di 8 vini. Non solo: a raccontare le produzioni e la storia dell’azienda interverrà, a Milano e a Roma, proprio Primo Franco, il titolare della cantina che, attualizzando tecnologia e metodi di lavoro, ha conferito all’azienda l’impostazione moderna che la distingue oggi, a 100 anni dalla sua fondazione. Sarà invece presente all’ultima tappa di Pozzuoli, la figlia Silvia che affianca il padre in tutte le scelte produttive, strategiche e commerciali.
Ancora Prosecco, ancora Milano: le strade della capitale meneghina sono animate dalla fashion week, e la griffe Zonin coglie l’occasione per presentare, il 19 settembre, la collezione PLEASEDONTBUY disegnata da TWINSET, accompagnata da un aperitivo in Corso Vittorio Emanuele.
Il 24 settembre invece, al Maio Bar & Bistro, sarà la volta della Famiglia Cecchi, ormai sinonimo di grandi vini di Toscana, che presenterà una speciale degustazione delle sue etichette simbolo, abbinati ad un’accurata selezione di appetizers.
Uscendo dai confini di Milano, e spostandosi sul Lago di Como, a Cernobbio dove, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio del 21 settembre il Comune di Cernobbio, andrà in scena Qui c’è campo - Assaggi d’autunno, durante la quale apriranno le porte del Museo di Villa Bernasconi. Con la visita alla splendida architettura Liberty della Villa, unita alle decorazioni di fiori e foglie, l’ospite sarà “deliziato” dalla degustazione di due calici di vino. All’ora dell’apertitivo, infatti, si terrà l’incontro organizzato da Slow Food di Como con la guida del Sommelier Matteo Longhi, per conoscere e analizzare pregi e virtù di un vino del Lago e di un vino delle colline della Brianza.

Gli eventi in Veneto
Dal 19 al 22 settembre, con la Monza Wine Experience, la città lombarda accoglierà cultori e appassionati di vino che desiderano degustare eccellenti vini Italiani e d’Oltralpe, portando in città i colori e i sapori tipici della vendemmia, in un viaggio simbolico nella storia, tradizione, cultura dei vigneti. Il programma della MWE prevede tante iniziative - supervisionate da FISAR Monza - in diversi punti del centro, per vivere una città diversa in cui passeggiare fra palazzi storici, Ristoranti e Boutique trasformate per l’occasione in speciali cantine.
Da settembre Milano diventa la capitale del noir grazie a Zacapa Noir Festival, il nuovo progetto letterario ideato dal prestigioso rum guatemalteco. Una kermesse culturale e internazionale che parte il 10 settembre e proseguirà fino a giugno 2020, con un calendario di 19 incontri e un grande parterre di scrittori tra cui Jeffery Deaver, primo ospite dell’evento, insieme a Carlo Lucarelli, Luis Sepúlveda, André Aciman, Marco Malvaldi, Alan Parks, Alicia Gimenez-Bartlett, Ryan Gattis, Miriam Toews, Maurizio de Giovanni, Tayari Jones, affiancati da moderatori come Carlo Lucarelli, Valeria Parrella, Paolo Roversi, Giacomo Papi, Nadia Terranova, Valerio Varesi e Piero Colaprico, nello scenario del MEMO Restaurant, ristorante, ex cinema-teatro, che conserva il sapore degli iconici jazz club, con una raffinata selezione di musica live che andrà ad accompagnare una cena con degustazione, prima di introdurre il talk degli ospiti della serata.
Intanto Venezia si prepara ad ospitare, il 19 e 20 settembre, la terza edizione di Urbanpromo Green, la due giorni incentrata sull’applicazione del principio della sostenibilità nella pianificazione della città e del territorio e nella progettazione e realizzazione degli interventi settembre a Palazzo Badoer, sede della Scuola di Dottorato dell’Università Iuav di Venezia. Urbanpromo Green è il primo dei tre eventi di Urbanpromo, organizzato dall’Istituto Nazionale di Urbanistica e da Urbit, a cui faranno seguito Urbanpromo social housing (12 - 13 novembre) e Urbanpromo Progetti per il Paese (12 - 15 novembre) alla Nuvola Lavazza a Torino. Saranno 20 i convegni e seminari di cui si comporrà Urbanpromo Green, a cui parteciperanno ricercatori e docenti universitari, amministratori, tecnici, responsabili e rappresentanti di aziende e di associazioni, professionisti, che porteranno il loro contributo di studio e realizzazione nella sperimentazione, nello sviluppo, nell’applicazione di esperienze, innovazioni e modelli tutti riconducibili ai temi cardine dell’evento: città accoglienti, sicure e sostenibili; il verde infrastruttura delle città; i paesaggi dell’acqua; smart communities per smart cities; sustainable mobility; energia sostenibile.

In Toscana
Gli eventi che festeggiano la vendemmia sono tanti, e i più disparati, in tutta Italia: ogni cantina o tenuta, trova il suo modo, più o meno originale, di celebrare uno dei momenti più importanti dell’anno, coinvolgendo sempre di più enoappassionati e wine lovers, per diffondere la conoscenza e la cultura enoica, ma anche per tramandare le tradizioni più radicate. L’azienda La Ciarliana, tra le colline dove nasce il Nobile di Montepulciano, ha deciso di rendere l’enoturista sempre più protagonista in cantina, lanciando i “Wine Learnings Games”. Il turista non è più spettatore passivo ma diventa il principale protagonista dell’attività ludico-istruttiva in cantina: si mette letteralmente in gioco, attraverso blind tasting, quiz e accostamenti.
La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare un’esclusiva esposizione a Palazzo Antinori, a Firenze, dal 19 settembre al 10 novembre, che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci. La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio.
Una cantina giovane e moderna, una realtà enoica aperta alla sperimentazione e alle contaminazioni: questa è Monteverro, tenuta della Toscana del sud, da cui si snoda l’itinerario di Arte&Vino, un connubio speciale che quest’anno ha portato da Monteverro, Bruno Pellegrino, artista dall’animo e dalla vita poliedrica, “ricamatore di suggestioni” che trovano espressione in una lingua artistica, ardita manifestazione del suo modo di vedere il mondo. Fino al 30 settembre, sarà possibile ammirare le due installazioni d’ispirazione faunistica: un cavallo in lastre di metallo sovrapposte dalle linee spigolose ma dall’insieme armonioso e dalla colorazione blu elettrico e un toro, stessa tecnica, in versione rossa, entrambe le tonalità accese che spiccano sui colori verdi dorati della campagna maremma nel periodo estivo. Un vero e proprio percorso creativo diretto a consacrare la stretta relazione tra la cultura del vino e quella dell’arte.
A Radda in Chianti, dal 25 maggio ogni week end fino ad ottobre, arriva il Rural Market, in una ex officina meccanica recuperata, “casa” per le materie prime della biodiversità agricola. Una sosta obbligata per ricaricarsi con gusto, tra ordinati vigneti e caratteristici paesaggi collinari, con specialità a rotazione, frutto del lavoro degli agricoltori e allevatori custodi Rural di Toscana, Emilia-Romagna e Liguria. Si potranno riscoprire il pane di grani antichi, la marocca di Casola, i formaggi monorazza biologici da latte crudo intero di vacche di razze antiche, il latte fresco di asina, le uova di gallina Romagnola, le carni e i salumi di Cinta Senese e quelli di maiale Nero allevato all’aperto sulle colline parmensi, i testaroli della Lunigiana al farro, la farina di mais Formenton Otto File e di castagne della Lunigiana, la passata biologica di pomodoro Riccio di Parma, la confettura di uva Termarina, il miele biologico del Parco Barboj, la patata Quarantina, la zucchina Trombetta di Albenga, il Fiaschetto di Sangiovese, il Sidro di mele di montagna e tanto altro.
Pedalare tra vigneti, uliveti e spiagge di sabbia bianca, brindare nelle cantine della Toscana, terra di vini impareggiabili, godersi gli ultimi scampoli della bella stagione. L’Andana, resort di lusso di Castiglion della Pescaia, per il week end del 20, 21 e 22 settembre, propone il Bike & Wine, un weekend dedicato all’esplorazione in bicicletta di sentieri tra le colline e il mare, alla scoperta delle cantine toscane. Ancora vino e bici, ma questa volta in un altro grande territorio del vino toscano, il Chianti Classico: il 22 settembre, tra le colline del Gallo Nero, andrà in scena la gara organizzata dal Consorzio Vino Chianti Classico e dalla Ciclistica Grevigiana, l’edizione n. 7 della Granfondo del Gallo Nero.
Tutto pronto a Siena per “La Fattoria in Fortezza”: il 21 e 22 settembre, andrà in scena la due giorni fra didattica e territorio, natura e animali, percorsi, storia, prodotti tipici, dimostrazioni, spettacoli, visite guidate e mostre.

Gli eventi in tutta Italia: dal Piemonte alla Sicilia, passando da Umbria, Lazio, Campania e Marche
Dal 20 al 22 settembre Canelli, antico borgo in cui nacque lo spumante italiano nel 1865 incastonato fra le colline Patrimonio Unesco del Monferrato, celebrerà la stagione della vendemmia con un fine settimana all’insegna dell’alta cucina, dello spettacolo e dell’intrattenimento per grandi e piccoli. Durante il weekend, nel centro cittadino, andrà infatti in scena “Canelli Città del Vino VinCanta”, una tre giorni organizzata dal Comune di Canelli in collaborazione con l’Enoteca Regionale di Canelli e dell’Astesana con un ricco programma di appuntamenti non solo enogastronomici, ma anche musicali e d’intrattenimento, tra trascinanti esibizioni, rappresentazioni teatrali, dj set e concerti dal vivo con grandi nomi della musica italiana.
Protagonista degli eventi wine & food è Eataly: a Torino, in piazza Fronte, a Eataly Lingotto, va in scena la CompEATition, la sfida tra i migliori cibi di strada. Dal 3 al 24 settembre tutti i martedì il protagonista è lo street food: il 10 settembre è la volta del secondo episodio. Per ogni episodio, 3 tra i più famosi interpreti del cibo da strada sotto la Mole si sfideranno con il loro piatto più rappresentativo in Piazza Fronte Eataly davanti a Eataly Lingotto. I piatti saranno giudicati dal pubblico e da una giuria tecnica composta da tre tra chef e personaggi di spicco del settore gastronomico.
Ci sono i vini ad animare Roma: dopo la pausa estiva, l’associazione Go Wine torna in pista con l’appuntamento ormai tradizionale di settembre interamente dedicato ai vitigni autoctoni italiani. Il 19 settembre al Savoy Hotel un parterre importante di cantine incontrerà direttamente il pubblico, mentre altre cantine partecipano presentando i vini in una speciale Enoteca. Al centro dell’attenzione la ricchezza del vigneto italiano, fatto di tante realtà legate per storia e cultura a diversi territori.
Abiti da sera e capi prêt-à-porter realizzati in tessuti bio e tinti con ortaggi, frutta, radici, bacche, foglie e fiori: è la moda 100% naturale, come nella collezione dell’eco-stilista Eleonora Riccio, al centro dell’evento di Donne in Campo, l’associazione al femminile di Cia-Agricoltori Italiani, che si terrà a Roma il 24 settembre alla terrazza dell’Auditorium Giuseppe Avolio. La sfilata etica sarà il momento clou dell’iniziativa “Agritessuti: Paesaggi da indossare - Le Donne in Campo coltivano la moda”, una giornata dedicata al connubio tra agricoltura e abbigliamento sostenibile. L’obiettivo è creare una filiera italiana del tessile completamente ecofriendly, con tessuti da fibre vegetali e animali e tinture green realizzate con prodotti e scarti agricoli.
Proseguono le celebrazioni del vino umbro più famoso e apprezzato, il Sagrantino: “Montefalco nel bicchiere” nasce per scoprire le eccellenze vitivinicole attraverso un percorso sensoriale da vivere in uno dei borghi più belli d’Italia. L’iniziativa, dedicata a turisti, operatori e appassionati che faranno tappa nel comune umbro, è promossa dal Consorzio Tutela Vini Montefalco. Ogni sabato, fino al 26 ottobre, nella sede del Consorzio in Piazza del Comune, sarà possibile partecipare ad una degustazione guidata da un esperto sommelier di quattro vini prodotti nel territorio di Montefalco: si tratta di un’occasione utile per poter approfondire lo straordinario legame che esiste tra questa terra e i suoi vini.
Il 27, 28 e 29 settembre, a Senigallia invece, torna Pane Nostrum - il Salone Nazionale dei Lievitati, che per l’edizione n. 19 ha una veste nuova. Tre giorni dedicati a pane, pizza e pasticceria con masterclass didattiche, incontri a tu per tu con i grandi esperti del settore e tante dimostrazioni dei Maestri italiani, show cooking con degustazioni e shop. Ospiti illustri come lo chef stellato e Presidente FIPE Confcommercio Marche Centrali Moreno Cedroni, Elis Marchetti chef, personaggio televisivo e regista dell’evento, e la ben nota Sara Papa. Tra le novità di quest’anno anche la location, il cuore pulsante del Salone sarà infatti il Foro Annonario con i suoi luoghi clou: piazza, ex pescheria e Biblioteca Antonelliana.
L’aeroporto di Napoli si trasforma in corner dedicato alla merenda tradizionale italiana, con “Pane&Olio al volo”: un viaggio nel gusto tra salute e tradizione, con la classica fetta di pane con l’olio, ambasciatrice nel mondo dell’agroalimentare italiano e della Dieta Mediterranea. Per la prima volta, in un aeroporto italiano si celebra proprio la Dieta Mediterranea con un evento ad hoc, in cui l’importanza della sana e corretta alimentazione si sposa ai sapori della tradizione gastronomica italiana e la promozione del turismo. Ideato e organizzato da ASSITOL, l’Associazione Italiana dell’Industria Olearia, e AIBI - Associazione Italiana Bakery Ingredients, che rappresenta i prodotti semilavorati di panificazione, pasticceria e pizzeria, il progetto conta sulla collaborazione di Gesac, la società di gestione dell’Aeroporto Internazionale di Napoli e dell’Università “Federico II” di Napoli. Fino al 20 settembre, quindi, ad un corner dedicato nella sala partenze dell’aeroporto, sarà possibile degustare pane fresco artigianale abbinato all’olio extra vergine d’oliva, alla presenza di rappresentanti dell’Associazione e dei nutrizionisti dell’Università di Napoli, che spiegheranno ai passeggeri-visitatori i benefici nutrizionali dei due alimenti, essenziali per l’equilibrio del nostro organismo.
Planeta, griffe simbolo della Sicilia del vino, torna per il secondo anno a impegnarsi nella promozione della cultura siciliana, con “Planeta e i tesori”, una serie di “eventi dentro l’evento”, il più grande “Le vie dei tesori, storica manifestazione che quest’anno, dal 13 settembre al 3 novembre, porterà cultura e arte al centro degli eventi di 15 città sicule (Palermo, Catania, Messina, Trapani, Siracusa, Caltanissetta, Ragusa, Acireale, Marsala, Modica, Noto, Scicli, Sciacca, Sambuca di Sicilia, Naro) aprendo e valorizzando palazzi, case private, chiese, e tutti quei luoghi di interesse che normalmente sono chiusi e inaccessibili. Planeta, parteciperà legando al territorio protagonista della visita, un suo vino, sottolineando il forte legame che c’è, da sempre, tra produzione enoica e cultura e territorio.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019