02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
L’AGENDA DI WINENEWS

Dalle Anteprime di Toscana a San Valentino tra i vigneti, gli eventi celebrano il vino e la passione

Al via con BuyWine la Tuscany Wine Week. Déblocage per gli innamorati del Valtènesi Chiaretto. L’Ornellaia svela la nuova “Vendemmia d’Artista”

Dopo le Langhe e la Valpolicella, la prossima meta per scoprire le sorprese che riservano nel calice le nuove annate dei più grandi vini italiani, non può che essere la Toscana: con BuyWine (Fortezza da Basso, 8-9 febbraio), la più importante iniziativa commerciale per il settore vitivinicolo del territorio, organizzata da Regione Toscana e PromoFirenze, con 200 buyer da 44 Paesi per conoscere le nuove annate di oltre 200 aziende, e con la PrimAnteprima (Fortezza da Basso, 9 febbraio) dedicata ad una collettiva di 10 Consorzi in ascesa - Carmignano, Colline Lucchesi, Maremma Toscana, Montecarlo di Lucca, Montecucco, Orcia, Pitigliano e Sovana, Val di Cornia, Valdarno di Sopra e Terre di Pisa - nell’agenda degli eventi segnalati da WineNews prende il via la “Tuscany Wine Week”, la settimana delle Anteprime di Toscana 2019. In occasione della quale, sempre il 9 febbraio, una tavola rotonda metterà a confronto ospiti ed esperti sui vini toscani, con l’assessore all’Agricoltura della Regione Toscana Marco Remaschi e il sommelier Andrea Gori, a partire dalla presentazione degli ultimi dati Ismea su produzione e mercati e uno studio dell’Università di Pisa sul modello commerciale di BuyWine, e a proposito di cambiamenti climatici, del legame tra cantine e design, e di come e dove si parla di vino toscano online nel mondo grazie ad una ricerca realizzata ad hoc.
Un intenso programma che accende i riflettori sulle produzioni top della Regione, che prosegue sempre a Firenze con la Chianti Lovers 2019 (Fortezza da Basso, 10 febbraio, aperta anche al pubblico), con le nuove annate del Chianti Docg 2018 e della Riserva 2016 di oltre 150 aziende del Consorzio Vino Chianti, e, insieme, quelle del Morellino di Scansano, con 25 cantine del Consorzio Tutela Morellino di Scansano. La novità è un seminario degustazione dedicato ad oltre 30 buyer stranieri di Buy Wine, per approfondire storia, produzione e peculiarità del Chianti Docg. A seguire, l’edizione n. 26 della Chianti Classico Collection (Stazione Leopolda, 11-12 febbraio) con le anteprime da botte 2018 e l’annata 2017, la Riserva 2016 e Gran Selezione 2015 e 2014 del Gallo Nero presentate dal Consorzio Vino Chianti Classico a 230 giornalisti da 30 Paese e non solo. Collection che, all’edizione n. 26, per la prima volta, apre le porte al pubblico che potrà degustare quasi 800 vini delle 197 aziende protagoniste (12 febbraio). Momenti di approfondimento saranno dedicate alle Dop dell’Olio Chianti Classico, del Prosciutto e del Pecorino Toscano, mentre un seminario avrà per protagonista il Vinsanto e sarà guidato da Doctor Wine Daniele Cernilli (11 febbraio). Incontri e degustazioni anche in partnership con Aicig-Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche, con eccellenze come il Parmigiano-Reggiano, Mozzarella di Bufala, Aceto Balsamico di Modena e Pomodoro Pachino.
Ci si trasferisce a San Gimignano, per l’Anteprima della Vernaccia del Consorzio del Vino Vernaccia di San Gimignano (Museo di Arte Moderna e Contemporanea De Grada, 10 e 13 febbraio), annata 2018 e Riserva 2017, per 100 etichette di 40 produttori pronte per l’assaggio di pubblico ed operatori. E, poi, a Montepulciano per l’Anteprima del Vino Nobile di Montepulciano (nella Fortezza Medicea e nell’Enoliteca restaurate dai produttori, 9 e 10 febbraio per i wine lovers, l’11 febbraio per gli operatori e il 14 febbraio per oltre 100 giornalisti da tutto il mondo con l’assegnazione delle Stelle all’annata 2018) con la regia del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano che presenta l’annata 2016 (a 4 Stelle) e la Riserva 2015 di 50 cantine. Infine, ultima tappa a Montalcino, come da format, con l’edizione n. 27 di Benvenuto Brunello (Complesso di Sant’Agostino, 15-18 febbraio), con il Consorzio del Vino Brunello di Montalcino e l’arrivo sulla scena del Brunello 2014, della Riserva 2013 e del Rosso di Montalcino 2017, accanto al Moscadello e al Sant’Antimo, aspettando l’assegna delle stelle alla vendemmia 2018, celebrate nella tradizionale piastrella d’autore. E che, per la prima volta, ha scelto di darsi un titolo “Eleganza alla prova”, attorno al quale sviluppare un calendario di incontri condotti dal giornalista Luciano Ferraro al Teatro degli Astrusi: la tavola rotonda “Super Vini e Super Prezzi - Il Brunello e i Francesi” (15 febbraio) con il giornalista Federico Quaranta, Giampiero Bertolini, ad della Tenuta Greppo-Biondi Santi, l’enologo di Château Giscours e Château Du Tertre Lorenzo Pasquini e Jerome Gautheret, corrisponde dall’Italia per Le Monde e proprietario della Maison Louis Latour, e l’incontro “Il racconto del vino in Tv” con i giornalisti Marcello Masi e Rocco Tolfa di Rai2, Gioacchino Bonsignore del Tg5 e Monique Soltani dell’emittente americana Wine Oh Tv. Il 16 febbraio ci sarà anche la premiazione del Premio Giulio Gambelli al giovane enologo italiano che più incarna il modo “gambelliano” di fare vino.
Ma, dalla passione per il vino a quella che il vino suscita tra gli innamorati, è tempo anche di San Valentino: il vino lo celebra, a partire da tanti eventi per due tra i vigneti, in wine resort di charme come il Castello di Semivicoli della griffe abruzzese Masciarelli (14 e 17 febbraio), tra un corso di cucina per due e cena nelle nobili sale della dimora a Casacanditella (Chieti), o in luoghi dove si sono scritte pagine di storia tra i boschi veneti del Montello e i vigneti dell’Asolo Prosecco al Country House della cantina Giusti Wine (14 febbraio) dove si trova l’Abbazia di Sant’Eustachio a Nervesa della Battaglia (Treviso), uno dei centri culturali più significativi d’Italia che ha ospitato personaggi illustri come i letterati Pietro Aretino e Monsignor Giovanni Della Casa che qui scrisse il Galateo. A Canelli, invece, luogo natio delle bollicine italiane con le sue cantine Cattedrali Sottorranee patrimonio dell’Unesco dove oggi nasce l’Asti Spumante, da Bosca a Gancia, da Coppo a Contratto, gli innamorati possono festeggiare, il 16 e 17 febbraio, con “Canelli Sparkling Love”, un’installazione artistica di fronte all’Enoteca Regionale di Canelli e dell’Astesana, in cui incidere iniziali, nomi o e messaggio d’amore sui tipici “tappi a fungo” dello spumante, per poi “incastonarli” in giro per la città affacciata sulle colline del Monferrato. Anche Fico Eataly World festeggia gli innamorati fino al 17 febbraio a Bologna, tra degustazioni come il “San Valentino afrodisiaco con ostriche e vino” o il “Giro del cioccolato e dei dolci”, cene, corsi e sfide di coppia come il contest “100 calici per 100 coppie”, che permette di testare la conoscenza enologica tra fidanzati nel segno della dolcezza, e il Fic-Nic, il primo pic-nic invernale per un anticipo di primavera sul grande prato verde del parco (17 febbraio). E per gli amanti del gelato il Gelato Museum Carpigiani ad Anzola dell’Emilia trasforma San Valentino in un appuntamento ancora più dolce con un laboratorio dedicato alle coppie, il 9 febbraio, per creare insieme la Gelato Heart Cake a forma di cuore da portare a casa e condividere.
Un evento speciale per gli innamorati? Il déblocage di San Valentino dell’ultima vendemmia del Valtènesi Chiaretto, il 14 febbraio al Museo Diocesano di Brescia, quando, come da tradizione il rosè della riviera bresciana del Lago di Garda torna sul mercato ed in tavola con la nuova annata 2018 (oltre 2 milioni di bottiglie), proponendosi come brindisi ideale per la festa degli innamorati: le cantine del Consorzio Valtnèsi protagoniste stapperanno in simultanea la prima bottiglia di Chiaretto dell’anno.

Scorrendo l’agenda degli eventi con WineNews
A Milano
Appuntamento da Sotheby’s a Palazzo Serbelloni a Milano, domani, con la presentazione di Ornellaia 2016 e dell’edizione n. 11 del progetto di mecenatismo artistico e culturale della celebre Tenuta dell’Ornellaia “Vendemmia d’Artista” e di una ricerca realizzata dal Censis, con il Marchese Ferdinando Frescobaldi e Giovanni Geddes da Filicaja, presidente e ad Ornellaia, Bartolomeo Pietromarchi, curatore d’arte Ornellaia Vendemmia d’Artista, Stephen Mould, senior director, head of European Wine Department Sotheby’s, Filippo Lotti, ad Sotheby’s Italia, e Giulio De Rita, ricercatore del Censis. L’8 febbraio anche i 14 produttori del Consorzio del Buttafuoco Storico, vino portatore di cultura, ideale ambasciatore dei valori originali dell’Oltrepò Pavese, approdano a Palazzo Bovara a Milano per festeggiare il loro compleanno n. 23, con una conferenza stampa-dibattito e un banco d’assaggio aperto al pubblico. Tra gli interventi, moderati da Gene Gnocchi, Gian Marco Centinaio, Ministro delle Politiche Agricole Alimentari, i giornalisti Marco Gatti e Paolo Massobrio, Marco Maggi, presidente Club del Buttafuoco Storico, Marco Barbieri, segretario generale Confcommercio di Milano, Lodi e Monza Brianza, Luigi Gatti, presidente Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese, e Federico Gordini, presidente Milano Wine Week. Ed è tempo di Bit, la Borsa Internazionale del Turismo a Fiera Milano (10-12 febbraio), evento di riferimento con operatori turistici e viaggiatori da tutto il mondo, punterà i riflettori, che punterà i riflettori con tanti eventi nell’evento sul fenomeno tutto italiano, ed in crescita, del turismo enogastronomico. Sempre a Milano prosegue anche un evento particolare: il vino e la cucina sono legati non solo al piacere, quanto anche agli affari e al modo in cui la tavola può diventarne mediatrice e luogo ideale, nasce così “Vino e cucina. Dal piacere agli affari”, format-evento innovativo di incontri esclusivi al Neff Collection Brand Store c/o DesignElementi a Milano con cooking class a cura della Joia Academy tenute dal direttore didattico Sauro Ricci, e chef executive del ristorante stellato Joia di Milano, alla scoperta della Sicilia attraverso i piatti del ristorante e i vini di Planeta accompagnati dai racconti di Francesca Planeta e Antonio di Mora, direttore e sommelier del ristorante. Ogni lezione di cucina, a cui i partecipanti (non più di 14 alla volta) prendono parte attivamente, ha un tema diverso legato alla Sicilia e all’incontro tra le etichette della storica azienda siciliana e l’alta cucina vegetariana stellata del ristorante e della scuola di cucina fondati dalle chef Pietro Leemann, e si conclude con una cena per condividere i piatti preparati insieme e accompagnati dai vini e dall’olio di Planeta (19 febbraio e 19 marzo). E sono ripartiti gli eventi anche alla Cantina Urbana, la prima cantina in pieno centro a Milano aperta da Michele Rimpici, sul Naviglio Pavese, con serate settimanali di Wtf - Wine Tasting Friends tra vino, food e dj set (ogni mercoledì), gli appuntamenti del Wine Collective, che vedranno protagonisti produttori di vino e di eccellenze gastronomiche regionali insieme alle loro storie di successo (dal 15 febbraio con il vigneron molisano Rodolfo Gianserra, il 28 febbraio con “Il Trippaio di Gavinana. Leonardo Torrini” da Firenze, il 7 marzo con il produttore siciliano Filippo Mangione, il 21 marzo con Chiara Onida del caseificio Il Boscasso dall’Oltrepò Pavese, il 4 aprile con Giuliano Iuorio e il progetto Langa Style, il 18 aprile con Gentile Thogan dell’omonimo salumificio di Varzi in Oltrepò), e gli esclusivi percorsi di degustazione “Tour & Tasting” e “Crea il tuo Blend”.

A Torino e nelle Langhe
A Torino, torna la degustazione dedicata al concorso letterario nazionale “Bere il Territorio. Raccontare il vino attraverso il viaggio”, all’edizione n. 18 promosso da Go Wine (con la possibilità di partecipare inviando un testo-racconto in forma libera che abbia per tema un viaggio in un territorio del vino italiano fino al 12 marzo) e che sarà di scena domani allo Starhotels Majestic con la consegna del Premio Speciale “Vino d’Autore” e un banco d’assaggio con i vini delle aziende italiane che compongono il comitato e sostengono il concorso. “Il Barolo si snoda a Torino”, il 10 e il 17 febbraio, è invece un doppio evento-degustazione organizzato dalla Strada del Barolo e Grandi Vini di Langa negli spazi di Snodo alle Ogr-Officine Grandi Riparazioni, e dove 15 produttori di Barolo si alterneranno per offrire al pubblico etichette di alto livello in cru e annate diverse, al “Dopolavoro”, il cocktail bar, preceduti dall’anteprima per chi intende approfondire la conoscenza di questi grandi vini “I Volti, Le Mani, Le Persone …”, un salotto degustazione con il sommelier Sandro Minella e il giornalista Danilo Poggio. Restando in città, l’esigenza di fare un’informazione di qualità sarà l’argomento sul tavolo del Festival del Giornalismo Alimentare 2019, edizione n. 4 (Torino Incontra, 21-23 febbraio), appuntamento di riferimento e riflessione sulla comunicazione del wine & food che riunisce un panel internazionale di professionisti, giornalisti, blogger, aziende, funzionari di amministrazioni pubbliche, professionisti della sicurezza alimentare, uffici stampa e rappresentanti di associazioni con i loro interventi, i loro spunti e le loro testimonianze, di interesse anche per il pubblico. Spostandosi nelle Langhe, “Stelle & Calici”, evento promosso da Vite in Riviera, con una serie di cene di chef stellati con i migliori prodotti liguri di stagione e Presìdi Slow Food, in abbinamento ai vini Dop e Igp della Riviera Ligure di Ponente, prosegue con lo chef Gianpiero Vivalda all’Antica Corona Reale a La Morra (28 febbraio), e poi con Marco Sacco al Piccolo Lago a Verbania (28 marzo).

In Veneto
Il 12 febbraio la Tenuta Sant’Antonio ad Illasi, ospita la presentazione del volume “Il vino capovolto: la degustazione geosensoriale e altri scritti” di Sandro Sangiorgi con Jacky Rigaux, edito da Porthos. A Verona, fino al 28 marzo, nella storica Bottega del Vino prosegue la rassegna “Versi in Bottega”, con un nuovo format e con la voglia di raccontare, anche in maniera canzonatoria e informale, diversi temi nel cuore degli organizzatori, nella speranza di appassionare e suscitare la curiosità del pubblico, dall’oste della Bottega Luca Nicolis all’attore teatrale di Casa Shakespeare Solimano Pontarollo: il 28 febbraio sarà la volta di un personaggio controverso, geniale, di cui forse si conosce poco, come Nikola Tesla, e il 28 marzo di un omaggio a Peppino Impastato: un uomo che non dovremmo dimenticare mai. E dopo la prima edizione torna il Premio Maculan, la sfida, ideata da Fausto Maculan insieme alle figlie Angela e Maria Vittoria, con presidente di giuria Nicola Portinari, chef del ristorante due stelle Michelin La Peca di Lonigo, lanciata fino al 28 febbraio a chef di tutte le età, professionisti e non, per creare il miglior abbinamento di un vino dolce ad un piatto salato, che sarà svelato alla Cantina Maculan a Breganze il 25 marzo con l’assegnazione del Premio Maculan, un’opera realizzata dall’artista friulano Giulio Menossi, celebre per i suoi mosaici.

Dall’Emilia Romagna agli altri eventi in Toscana
Introvabili o quasi e prodotti da piccoli vigneron, ma capaci di incuriosire sempre di più gli amanti del buon bere per il loro essere buoni per il palato ma anche per l’ambiente, anche i vini naturali hanno il loro Salone dedicato: Sorgentedelvino Live, l’appuntamento con i vini nati nel rispetto della terra, delle tradizioni e delle persone che torna a Piacenza Expo dal 9 all’11 febbraio, con 150 vignaioli da tutta Italia e dall’Europa che hanno scelto l’agricoltura biologica e biodinamica in vigna e metodi di vinificazione tradizionali in cantina. L’11 febbraio il Teatro Verdi di Cesena diventa invece il palcoscenico delle bollicine del Belpaese, con “Cesena In Bolla”: oltre 150 effervescenti etichette di 60 cantine di terroir diversi, Franciacorta e Trentodoc in testa, specialità gourmet organizzate in corner food, con la regia di Taste Production e i riflettori accesi anche sui progetti innovativi del territorio come il Club dei Bianchi in Romagna.
A Firenze, il Four Seasons Hotel, il 9 febbraio, ospita una degustazione delle nuove annate dei vini di Monteraponi e Montevertine (Pian del Ciampolo 2017 ed il Chianti Classico 2017, Montevertine 2016 e Chianti Classico Riserva il Campitello 2016, Le Pergole Torte 2016 e Baron’ Ugo Toscana Rosso 2015, Chianti Classico 2009 e Pian del Ciampolo 2009, Chianti Classico Riserva Il Campitello 2009 e Montevertine 2009, Chianti Classico Riserva Baron’ Ugo 2009 e Le Pergole Torte 2009), con i proprietari Michele Braganti e Martino Manetti, accompagnata dai piatti dello chef stellato Vito Mollica de Il Palagio. A Lucca torna invece l’edizione n. 7 di Extra Lucca, la mostra mercato sugli oli d’oliva extravergini nuovi, ideata dal “Maestrod’olio” Fausto Borella, dal 9 all’11 febbraio al Teatro del Giglio, con 40 tra le migliori aziende olivicole d’Italia ai banchi d’assaggio accanto ad artigiani del gusto di tutto il Belpaese, e la presentazione della guida Terred’Olio 2019 con la premiazione delle Corone Maestrod’olio con special guest Neri Marcorè (9 febbraio). E con il nuovo anno, arriva “vinmare 2019” a Livorno (Fortezza Vecchia, 12-14 febbraio), evento professionale ideato da Made in Toscanamare-Made in Maritime Tuscany con Ais-Associazione Italiana Sommelier e Italia all Ways, dedicato ai produttori di vino delle 5 Province che si affacciano sul mar Tirreno (la toscanamare: Massa, Lucca, Pisa, Livorno, Grosseto, Isole comprese), pensato per indirizzare l’attenzione dell’importante numero di Buyers internazionali ed italiani, già presenti in quei giorni in Toscana per le Anteprime verso la conoscenza diretta e l’apprezzamento delle aziende della costa toscana, grazie anche a masterclass e una Convention sulle biotecnologie applicate al vino.

A Roma e nel Lazio
Domani a Roma si brinda made in Italy con i vini di Carpineto al Capodanno Cinese, la Rome Chinese New Year Celebration, alla Galleria Borghese con il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese, e una art live performance del fotografo e body painter LiuBolin. Lo stesso giorno si celebrano anche il National Fettuccine Alfredo Day e le originali Fettuccine Alfredo, un piatto nato nei primi anni del secolo scorso e diventato famoso grazie ai divi del cinema muto di Hollywood Douglas Fairbanks e Mary Pickford, con la charity dinner Un Gesto d’Amore al ristorante Alfredo alla Scrofa per Every Child is My Child Onlus, l’associazione senza scopo di lucro ideata dall’attrice Anna Foglietta, con attori e registi come Max Bruno, Martina Colombari, Paola Cortellesi, Andrea Bosca, Paolo Genovese, Edoardo Leo e Vittoria Puccini e il tradizionale derito dell’apertura della forma e della donazione allo storico ristorante di una forma di Parmigiano Reggiano da parte del Consorzio. “Sostenibilità ambientale, alla base della viticoltura del futuro” è invece il tema del convegno che VinNatur, l’associazione viticoltori naturali, ha organizzato il 23 febbraio alle Officine Farneto nella Capitale, per la due giorni dedicata ai vini naturali (23-24 febbraio), con 90 produttori provenienti da Italia, Francia e Slovenia, protagonisti di un evento che non vuole essere un semplice banco d’assaggio, ma un’occasione per avvicinarsi ad una forma di coltivazione rispettosa della natura e della terra.
Spostandosi a Latina, il 9 e 10 febbraio Palazzo M ospita “Expo: Salone dell’Olio, delle Olive e dei Sapori Pontini”, vetrina delle eccellenze enogastronomiche, olivicole ed olearie del territorio, a cura della Comunità Montana Lepini e Ausoni, e con il Concorso “L’Olio delle Colline”.

Eventi in tutta Italia
In tutta Italia, cucina gourmet, territorialità e prezzi pop sono gli ingredienti dell’iniziativa che per il settimo anno consecutivo si propone di valorizzare il moderno ristorante e il territorio, strizzando l’occhio alla clientela più giovane o timorosa: è quella firmata InGruppo, il progetto che vede 22 chef e patron - per 14 stelle - di alcuni dei più importanti ristoranti italiani far conoscere le meraviglie della cucina di qualità e promuovere il “Piacere a tavola” fino al 30 aprile offrendo menu, vini compresi, al costo prestabilito di 60 euro a persona (con il “Diritto di tappo”, grazie al quale è possibile portare le proprie bottiglie con un costo extra di 10 euro per il servizio), 120 euro dagli stellati A’Anteprima dello chef Daniel Facen, allo storico tristellato Da Vittorio dei fratelli Cerea, al Mudec dello chef superstellato Enrico Bartolini e dallo stellato Sadler dello chef Claudio Sadler. E il 28 febbraio, nella Giornata Internazionale delle Malattie Rare, i ristoranti devolveranno 15 euro per ogni menu all’Istituto Mario Negri, da oltre 20 anni impegnato nella loro ricerca.

Dopo Langhe, Valpolicella e Toscana, la stagione delle Anteprime proseguirà in Umbria: è la volta del Sagrantino. L’evento internazionale: il debutto di Wine Paris
Le Langhe, la Valpolicella e, dopo la Toscana, sarà la volta dell’Umbria di ospitare la prossima tappa delle Anteprime dei più grandi vini italiani, con l’Anteprima Sagrantino 2015 di scena a Montefalco (18-20 febbraio) con il Consorzio Tutela Vini Montefalco. Quindi, sarà di scena “Vini ad Arte”, l’Anteprima del Romagna Sangiovese del Consorzio Vini di Romagna a Faenza, con oltre 50 produttori che presenteranno le anteprime dei vini Romagna Sangiovese ed Albana a partire del Romagna Sangiovese Riserva 2016 (Mic-Museo Internazionale delle Ceramiche, 17 con apertura al pubblico e 18 febbraio). Il 17 febbraio ci sarà anche il “Master del Sangiovese 2019-Trofeo Consorzio Vini di Romagna”: concorso riservato ai sommelier con l’Ais-Associazione Italiana Sommelier per promuovere gli ambasciatori del Sangiovese.
Il 3 e il 4 marzo torna anche Terre di Toscana, appuntamento per operatori, stampa ed appassionati all’edizione n. 12 all’Una Hotel Versilia a Lido di Camaiore, con 130 grandi vignaioli toscani ed oltre 600 vini - con tante vecchie annate - rappresentativi di tutta la Toscana, promosso dalla testata acquabuona.it, che celebra 20 anni con la novità di due degustazioni guidate “Sangiovese & Co” con alcuni dei suoi più fedeli alleati, e “La Nuova Tradizione” dedicata ai vitigni internazionali, con i giornalisti Fernando Pardini ed Ernesto Gentili (evento nell’evento ci sarà anche Golosizia, con i cooking show di celebri chef toscani). E con l’arrivo della primavera, torna l’Anteprima del Chiaretto a Lazise (Dogana Veneta, 10 e 11 marzo) organizzata dal Consorzio di Tutela del Chiaretto e del Bardolino, in collaborazione con il Consorzio Valtènesi, con l’annata 2018 di oltre 120 vini di 60 cantine delle Doc della riviera veronese e bresciana del Lago di Garda. Ma anche de “I grandi terroir del Barolo”, evento ideato da Go Wine all’edizione n. 10 a Monforte d’Alba (Ristorante Moda Venue, 23-24 marzo) con banchi d’assaggio, degustazioni guidate, ma anche visite in cantina, con protagoniste le nuove annate di Barolo. Si prosegue con Campania Stories, con il meglio della produzione della terra dell’Aglianico, del Taurasi, della Falanghina e dei vini del Sannio a Napoli (28-31 marzo), due appuntamenti ancora con i grandi vini piemontese: Taste Alto Piemonte, il più importante evento dedicato alle eccellenze vinicole e gastronomiche, dei territori delle 4 Provincie di Novara, Biella, Vercelli e Verbano Cusio Ossola promosso dal Consorzio Tutela Nebbioli Alto Piemonte al Castello Visconteo Sforzesco di Novara (30-31 marzo e 1 aprile), con walk-around tasting e seminari tecnici di approfondimento sulle Denominazioni per operatori ed appassionati; e i Roero Days, la rassegna itinerante del Consorzio di Tutela del Roero dedicata ai grandi vini della Denominazione Roero, di scena quest’anno a Bologna (Palazzo Re Enzo, 31 marzo-1 aprile), con le prime bottiglie di 60 cantine uscite in commercio che riportano in etichetta i nomi delle diverse Mga, le Menzioni Geografiche Aggiuntive.
Quindi è tempo di Sicilia en Primeur, con le tante declinazioni enoiche dell’isola-continente con la regia di Assovini, dell’Anteprima dei vini della Costa Toscana con “I Grandi Cru della Costa Toscana” a Lucca (Real Collegio, 4-5 maggio), e, sempre a maggio, del gran finale con la Soave Preview firmata dal Consorzio di Tutela del Soave.
Infine, nel calendario dei grandi eventi internazionali, se da domani all’8 febbraio torna il Pink Rosè Festival, l’unica kermesse professionale dedicata all’enologia in rosa, di scena al Palais des Festivals a Cannes, si resta oltralpe per un debutto attesissimo: quello di “Wine Paris”, frutto dell’unione di ViniSud, storico salone dei vini dei Paesi del Mediterraneo, tradizionalmente di scena a Montpellier, e Vinovision Paris, evento già parigino, che rafforza così la propria portata, di scena, dall’11 al 13 febbraio, a Parigi al Paris Expo Porte de Versailles.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018