02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
DANNI

Dopo le gelate, la grandine, l’oidio e la peronospora: la Borgogna perde il 60% del raccolto

Il maltempo non dà tregua ai vignaioli, e le malattie della vite colpiscono in modo grave il 30% del vigneto
Mondo
Le vigne di Borgogna dopo la grandine

Dopo le gelate di aprile, che hanno colpito i vigneti di Italia e Francia, la minaccia numero uno, che incombe e in alcuni casi si è già abbattuta sui grappoli ormai invaiati, è la grandine. Un pericolo costante ormai da molte estati, con i picchi di calore sempre più frequenti che ne facilitano la formazione, specie in Borgogna, il territorio che più di ogni altro con la grandine ha dovuto imparare a fare i conti. Anche in questa ultima campagna, ennesimo flagello abbattutosi su una produzione già decimata, come detto, dalle gelate primaverili, oltre che dalle malattie, peronospora e oidio su tutte, con incidenze diverse ma senza risparmiare nessuno o quasi, specie chi ha puntato solo sullo zolfo, spazzato via dalle piogge che hanno lavato le uve nelle scorse settimane. Il risultato, stando alle stime dell’enologo e consulente Eric Pilatte, riportate dal magazine d’Oltralpe “Vitisphere”, è un calo dei raccolti nella Regione del 60%. Restando sul dato numerico, gli attacchi gravi di peronospora e oidio, secondo Benoît Bazerolle, della Camera dell’agricoltura della Côte d’Or, hanno coinvolto il 20-30% del vigneto di Borgogna. Un vero e proprio dramma vitivinicolo.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli