02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
SOTTO IL MARTELLO

I Sodi di San Niccolò, Monfortino e Masseto tra i top lot dell’asta londinese di Christie’s

La 15 litri della 2017 di Castellare di Castellina battuta a 4.655 sterline. Bene anche Gaja, Sassicaia, Soldera, Quintarelli e Dal Forno

Ci sono anche due grandi formati - una Nebuchadnezzar (15 litri) e una Melchior (18 litri) - de “I Sodi di San Niccolò2017 di Castellare di Castellina, battuti, rispettivamente, a 4.655 sterline e 2.695 sterline, tra i top lot dell’asta firmata Christie’s di scena il 2 e 3 dicembre a Londra. Un risultato, quello della Nebuchadnezzar (che celebra le 40 vendemmie della griffe del Chianti Classico, guidata dal giornalista ed editore Paolo Panerai), che migliora il valore raggiunto della recente asta di Pandolfini, durante la quale lo stesso lotto è stato battuto per 4.800 euro.

Allargando l’analisi ai tanti lotti del Belpaese, molti dei quali hanno ampiamente superato le quotazioni pre-asta, da segnalare 12 bottiglie di Barolo Monfortino Riserva 2001 di Giacomo Conterno, assegnate a 11.600 sterline, cinque lotti da 12 bottiglie di Masseto 2006 assegnati tra le 10.400 e le 11.000 sterline, due lotti di Masseto 2001 aggiudicati a 6.700 sterline, quattro lotti da 12 bottiglie di Amarone Classico Selezione Giuseppe Quintarelli 2000 battuti tra le 6.700 e le 8.000 sterline, due lotti da 6 magnum di Alzero 1997 di Quintarelli a 4.900 euro, tre bottiglie di Sassicaia 1968 a 5.500 sterline, 6 bottiglie di Brunello di Montalcino 2006 di Case Basse - Soldera a 3.920 sterline, 6 magnum di Sorì Tildin 1998 di Gaja a 2.940 sterline e una 9 litri di Amarone Monte Lodoletta 2012 di Dal Forno a 2.695 sterline.

Tra i 1.156 lotti sotto il martello, l’aggiudicazione più alta la spuntano 11 bottiglie di Romanée-Conti 1971 del Domaine de la Romanée-Conti, a 269.500 sterline. La griffe di Borgogna, in effetti, domina tutte le prime posizioni, e si deve scendere un po’ per trovare le mitiche 6 bottiglie di Château Mouton-Rothschild 1945, aggiudicate a 91.875 sterline. Da segnalare anche le 9 bottiglie di Quinta Do Noval 1931, che, da una stima massima di 18.000 sterline, sono state acquistate per ben 98.000, quotazione notevole per uno dei Porto più preziosi. Ancora più unica la bottiglia di Perrier-Jouët Brut Millésimé 1874, battuta a 42.875 sterline, da una quotazione di 15.000 sterline, ma guardando ancora alle vecchie annate, fa bene anche la magnum di Château Cheval-Blanc 1947 (26.950 sterline).

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli