02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VINO E ACQUISIZIONI

Il big del lusso Lvmh punta sui rosati di Provenza con l’acquisto della griffe Château d’Esclans

I consumi di rosato crescono in tutto il mondo, ed il gruppo di Yquem e Cheval Blanc scommette sul principale esportatore nel mercato Usa
CHATEAU D'ESCLANS, LVMH, Provenza, ROSATO, Mondo
La griffe del rosato di Provenza Château d’Esclans

Dopo la rumorosa acquisizione, per 16,2 miliardi di dollari, dell'icona dei gioielli Tiffany, il gruppo Lvmh - Louis Vuitton Moet Hennessy allarga ancora il suo già smisurato portafoglio vino, dove al fianco di alcuni dei brand più prestigiosi del vino di Bordeaux e Champagne, come Château d’Yquem e Château Cheval Blanc, ma anche Moët & Chandon, Dom Perignon e Krug, arriva la griffe della Provenza Château d’Esclans, uno dei maggiori esportatori di rosato sul mercato Usa. Un vero “colpo”, in un mercato che ha visto crescere i consumi mondiali di vino rosato del 7% negli ultimi dieci anni, con il 28% delle bottiglie stappate che arriva dalla Francia, di gran lunga il primo produttore, con l’Italia solo al quarto posto (10%), dietro a Usa (17%) e Spagna (15%), come ricordano i dati della ricerca “Vino rosato italiano, mercato e trend” di Wine Monitor - Nomisma, presentata qualche mese fa, che torna oggi di stringente attualità.

Il 36% del rosato viene bevuto ancora oggi dai francesi, il 15% dagli statunitensi, il 7% dai tedeschi e il 5% dagli italiani. Italia che supera però i cugini francesi se si guarda all’export, almeno in quantità, con una quota del 16% del mercato, contro il 14% dei transalpini, ma dietro la Spagna, che detiene quasi la metà del totale (42%). L’acquisizione portata a termine dalla Lvmh, commenta la Coldiretti, dimostra ancora una volta come l’agroalimentare sia diventato un settore privilegiato di investimento, a partire dal vino.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli