02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LO STATO DELL’ARTE

Italia e Argentina al top per qualità dei vini sfusi. Mercato: cresce il volume, ma giù i valori

“World Bulk Wine Exhibition”, di scena ad Amsterdam (22-23 novembre): i premi e i dati. Nel 2021 ripresa degli scambi, ma scendono i prezzi
ITALIA, MERCATO, vino, VINO SFUSO, WORLD BULK WINE EXHIBITION, Mondo
Un tasting dalle passate edizioni della “International Bulk Wine Competition”

Il Primitivo di Puglia 2021 Igp della Compagnia Mediterranea del Vino di Cellino San Marco, e il Juviar Merlot 2021 della cantina argentina Juviar: ecco i migliori vini sfusi del mondo, ovvero i soli due “Grand Gold”, assegnati dalla “International Bulk Wine Competition”, il più importante premi di categoria firmata dalla “World Bulk Wine Exhibition”, di scena ad Amsterdam (22-23 novembre).
Tra gli ori, domina la Spagna, con l’Italia rappresentata dal solo Rossissimo - Dark Red Wine Ancellotta 2021 della Cantina Sociale di San Martino in Rio, in Emilia Romagna, mentre sono 5 gli argenti tricolori, firmati dalla realtà friulana Cantina Rauscedo (con lo Chardonnay 2021 ed il Sauvignon Blanc 2021), dalla siciliana Colomba Bianca (con il Nero d’Avola Biologico 2021) e la veneta Ca’ di Rajo Terre di Rai (con il Prosecco Doc Treviso Extra Day Cà di Rajo 2020). Premi al meglio della qualità di un segmento di mercato che sembra non aver agganciato la ripartenza come il resto della produzione enoica.
Secondo i dati del “Bulk Wine Club”, nel primo semestre 2021, il mercato mondiale dei vini sfusi è tornato a crescere in volume del +4,5% sul 2020 (per 17,9 milioni di ettolitri), ma ha perso il 3,4% in valore (per un totale di 1,2 miliardi di euro), a causa di un prezzo medio sceso del 7,6% (da 75 a 69 centesimi al litro).

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli