02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
ELETTO OGGI A PARIGI

Luigi Moio è il nuovo presidente dell’Organisation Internationale de la Vigne et du Vin (Oiv)

Con il docente, accademico e produttore (con la cantina Quintodecimo) l’Italia è alla guida dell’“Onu del vino”
ITALIA, LUIGI MOIO, OIV, vino, Mondo
Luigi Moio nella foto di Mauro Fermariello/Winestories

Non si fermano i successi internazionali per l’Italia, dal calcio al vino: è l’italiano Luigi Moio, professore ordinario di enologia nel Dipartimento di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, produttore con la cantina Quintodecimo, in Irpinia, e già vicepresidente dell’Oiv, il nuovo presidente dell’Organisation Internationale de la Vigne et du Vin. L’elezione è avvenuta pochi minuti fa, nell’assemblea de “l’Onu del vino”, andata in scena in presenza ed in forma ibrida a Parigi. Moio è stato eletto superando il competitor australiano, Tony Battaglene, che ha ritirato la propria candidatura dopo una prima votazione che vedeva in netto vantaggio lo stesso Moio, sotto di pochissimi punti al quorum richiesto dal regolamento Oiv. Un riconoscimento importante per l’Italia del vino e per il professor Luigi Moio, considerato una delle massime autorità nel mondo della ricerca e della scienza applicata al vino, e già, tra le altre cose, Accademico dei Georgofili e dell’Accademia Italiana della Vite e del Vino, autore di numerose pubblicazioni tra cui “Il Respiro del Vino”, diventato in pochi anni uno dei testi di riferimento mondiale sul tema degli aromi.

Focus - Luigi Moio
Luigi Moio è professore ordinario di enologia presso il Dipartimento di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. Dopo la laurea in Scienze Agrarie e un dottorato di ricerca in Scienze e Tecnologie Alimentari, si è specializzato al Laboratoire de Recherches sur les Arômes dell’Institut National de La Recherches Agronomique di Dijon, in Borgogna, dove ha lavorato per 4 anni. Nominato nel 1998 esperto scientifico per il Ministero delle Politiche Agricole per la commissione Enologia presso l’OIV (Organisation Internationale de la Vigne et du Vin) con sede a Parigi, nel 2015 ne è stato eletto Presidente.
Accademico dei Georgofili e dell’Accademia Italiana della Vite e del Vino, è presidente del Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia e del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Enologiche dell’Università degli Studi di Napoli oltre ad essere responsabile della Sezione di Scienza della Vigna e del Vino e membro del Consiglio Scientifico della Scuola di Dottorato in Scienze Agrarie e Agroalimentari della medesima Università.
Da più di 25 anni si occupa degli aspetti sensoriali, biochimici e tecnologici dell’aroma del vino, prestando particolare attenzione agli aspetti tecnologici di base rivolti ad esaltare e preservare l’originalità varietale del vino. È autore e co-autore di 250 pubblicazioni scientifiche. Considerato uno dei maggiori esperti italiani del settore enologico, i suoi studi hanno contribuito in maniera determinante al recupero ed alla valorizzazione di numerosi vitigni autoctoni del Mezzogiorno. A novembre del 2016 pubblica per Mondadori il libro “Il Respiro del Vino”.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli