02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
L’AGENDA DI WINENEWS

Roma capitale d’Italia e degli eventi del wine & food, dalla Fis al Pizza Romana Day 2019

In agenda tanti eventi nella città eterna, ma anche il Festival Franciacorta in Cantina, Cantine Aperte in Vendemmia e l’Enologica Montefalco n. 40

La stagione degli eventi del wine & food ha ripreso il suo regolare regime: tutto lo Stivale è ricco di iniziative, serate ed appuntamenti con protagonisti il buon bere e il buon cibo. Protagonista, in questo senso, è Roma: il 16 settembre, all’Hotel Rome Cavalieri si inaugura ufficialmente il nuovo anno sociale della Fondazione Italiana Sommelier, con una giornata ricca di iniziative che troveranno l’apice nell’incontro tra il vino e la musica di dj Claudio Coccoluto, protagonista della dancefloor italiana e internazionale, che in esclusiva per la Fis, abbinerà ad ognuno dei sei vini della griffe umbra Arnaldo Caprai, presentati in esclusiva per l’evento, e che segnano l’inizio della collaborazione tra Marco Caprai e il famoso enologo francese Michel Rolland, con una colonna sonora scelta dal dj in persona. Proprio alla cantina che ha segnato la rinascita del Sagrantino è infatti dedicata la seconda metà della giornata inaugurale del programma Fis: dopo il Forum dei Presidenti regionali e il Forum per gli aspiranti docenti n. 7, in scena la mattina, il pomeriggio è “Capray Day”.
Il 19 settembre, intanto, si inaugura l’edizione n. 8 di Taste of Roma, l’evento che ogni anno unisce il buon cibo all’amore per la condivisione. Il colore e il suo abbinamento al cibo sarà il tema di questa edizione di Taste of Roma, che prenderà vita nel piatto icona che ognuno dei 14 grandi chef della Capitale realizzerà ad hoc per raccontare l’evoluzione della propria cucina, permettendo a tutti di percorrere un viaggio che risveglierà tutti i 5 sensi. Come ogni anno, l’Auditorium Parco della Musica ospiterà per 4 giorni foodies, gourmet, appassionati e curiosi che, per l’occasione, avranno la possibilità di vivere un’esperienza unica all’insegna della grande ristorazione. Ma Taste of Roma non è solo cibo: protagonista, è anche il vino, con i 4 Wine Bar e il Salotto del vino, a disposizione di tutti coloro che desidereranno ampliare la propria conoscenza, scoprire nuove cantine e vivere un’esperienza all’insegna della grande ristorazione e del buon vino, grazie a Trimani. Proprio nei loro wine bar, sarà possibile trovare più di 60 etichette pensate per accompagnare le originali ricette che i 14 chef realizzeranno per questa edizione. Il Salotto del vino, invece, organizzato in partnership con Paolo Trimani, permetterà di salire su un vero e proprio autobus del gusto: uno spazio interamente dedicato a tutti coloro che vorranno approfondire i segreti della vigna. Al suo interno, 28 appassionati alla volta potranno assaggiare o scoprire zone, vitigni e aziende proposte da un gruppo di voci autorevoli e plurali.
Roma diventa anche capitale della birra artigianale italiana: diventato uno dei prodotti di traino nel settore del turismo legato ai piaceri della gola, il 14 e 15 settembre torna nella città eterna Birrifici Aperti, l’evento firmato FederBirra e patrocinata dal Ministero dell’Agricoltura, che costituisce uno strumento di promozione del prodotto e del suo territorio, attraverso il Beer Tourism, quale movimento inteso a valorizzare la produzione di birra nell’ambito di un contesto culturale, ambientale, storico e sociale. Così, nei birrifici e i brew pub aderenti all’iniziativa, sarà possibile degustare i prodotti brassicoli italiani, oltre a visite guidate, corsi e degustazioni.
Ancora vini ad animare Roma: dopo la pausa estiva, l’associazione Go Wine torna in pista con l’appuntamento ormai tradizionale di settembre interamente dedicato ai vitigni autoctoni italiani. Il 19 settembre al Savoy Hotel un parterre importante di cantine incontrerà direttamente il pubblico, mentre altre cantine partecipano presentando i vini in una speciale Enoteca. Al centro dell’attenzione la ricchezza del vigneto italiano, fatto di tante realtà legate per storia e cultura a diversi territori.
Infine, nella Capitale torna anche la serata tutta dedicata alla pizza: proprio oggi si accendono i forni per il Pizza Romana Day 2019, la seconda edizione dell’iniziativa organizzata da Agrodolce.it e tesa a celebrare la pizza tradizionale della Capitale. Un evento diffuso, a cui aderiscono decine di pizzerie, non solo a Roma e nel Lazio, ma anche nel resto d’Italia, dove la pizza romana è stata negli anni esportata con successo. In particolare quest’anno vogliono essere messe in risalto le tre varianti di questo storico prodotto: quindi, oltre alla pizza tonda, servita al piatto, anche quelle in teglia e alla pala, tipiche di molti forni e pizzerie al taglio, street food capitolino per antonomasia e buono per tutte le ore.

Gli eventi in Lombardia e Veneto
Da Berlucchi a Barone Pizzini, da Bellavista a Bersi Serlini, da Ca’ del Bosco a Castello Bonomi, da Cavalleri a Contadi Castaldi, da Corte Aura a Ferghettina, da La Montina a Majolini, da Tenuta Montenisa della Marchesi Antinori a Monte Rossa, da Mosnel a Ricci Curbastro, da Uberti a Villa Franciacorta: sono solo alcune delle 64 cantine protagoniste del Festival “Franciacorta in Cantina”, un weekend tutto dedicato ad uno dei territori del vino più amati e prestigiosi d’Italia, con eventi diffusi tra cantine, street food, trekking e cultura. Il 14 e il 15 settembre torna il Festival dedicato a wine lovers e foodies che vogliono andare alla scoperta delle famose bollicine italiane. E non solo: “Franciacorta in Cantina” darà anche molto spazio agli sportivi, che potranno avventurarsi tra i vigneti e le colline facendo trekking e percorrendo itinerari a piedi o in bicicletta, così come alle famiglie che avranno la possibilità di divertirsi con iniziative ludiche e pic-nic nella natura. E, percorrendo la Strada del Franciacorta, si potrà anche andare alla scoperta dei luoghi pieni di storia e cultura, tra castelli, monasteri e musei.
A Milano il 14 e 15 settembre, al Mare Culturale Urbano, torna Elementi, l’evento celebra gli elementi che compongono la pizza: farina, acqua, basilico, sale, lievito, pomodoro e mozzarella. Ognuno di essi con caratteristiche e peculiarità diverse, ma tutti parte di un’unica storia fatta di tradizione, qualità e passione, una storia che le sapienti mani dei pizzaioli hanno trasformato in arte da mettere in mostra e condividere con pizza-lovers e curiosi. E non mancano novità: Elementi aprirà per la prima volta le porte al pubblico, proponendo un cartellone di appuntamenti che non si fermano al food & drink, ma comprendono anche occasioni di confronto e approfondimento, curiosità, formazione, condivisione e intrattenimento intorno a quello che è uno dei simboli più autentici della cultura gastronomica nostrana. Specialisti della pizza provenienti da tutto il Paese rimangono i protagonisti dell’iniziativa. Non mancherà anche quest’anno, infatti, il contest di Elementi: i migliori pizzaioli si cimenteranno in sfide sensoriali, tecniche e creative affrontando prove di abilità - tra cui riconoscere l’impasto e blind tasting - di fronte a una speciale giuria di esperti che decreterà il miglior pizzaiolo professionista d’Italia.
Il 17 settembre, in esclusiva aprono le porte della prestigiosa Accademia fondata dal maestro Gualtiero Marchesi, per permettere di vedere dal vivo come nascono i piatti lasciati in eredità dal grande chef, con la possibilità di degustare uno dei suoi famosi risotti.
Dal 19 al 22 settembre, con la Monza Wine Experience, la città lombarda accoglierà cultori e appassionati di vino che desiderano degustare eccellenti vini Italiani e d’Oltralpe, portando in città i colori e i sapori tipici della vendemmia, in un viaggio simbolico nella storia, tradizione, cultura dei vigneti. Il programma della MWE prevede tante iniziative - supervisionate da FISAR Monza - in diversi punti del centro, per vivere una città diversa in cui passeggiare fra palazzi storici, Ristoranti e Boutique trasformate per l’occasione in speciali cantine.
A Cremona, invece, dal 17 settembre, l’Asti Docg, Provolone Valpadana Dop e Chianti Docg saranno i protagonisti di un programma di valorizzazione destinato al grande pubblico: 10 appuntamenti che alterneranno degustazioni guidate, show cooking, tecniche di assaggio e formazione sul mondo delle Indicazioni Geografiche del wine and food. Il progetto, promosso dai rispettivi Consorzi di Tutela con il contributo del Ministero delle Politiche Agricole permetterà ai partecipanti di scoprire e acquisire nozioni specifiche, interagendo direttamente con relatori selezionati per l’occasione. Il primo appuntamento, è ospitato al Ristorante il Violino.
Da settembre Milano diventa la capitale del noir grazie a Zacapa Noir Festival, il nuovo progetto letterario ideato dal prestigioso rum guatemalteco. Una kermesse culturale e internazionale che parte il 10 settembre e proseguirà fino a giugno 2020, con un calendario di 19 incontri e un grande parterre di scrittori tra cui Jeffery Deaver, primo ospite dell’evento, insieme a Carlo Lucarelli, Luis Sepúlveda, André Aciman, Marco Malvaldi, Alan Parks, Alicia Gimenez-Bartlett, Ryan Gattis, Miriam Toews, Maurizio de Giovanni, Tayari Jones, affiancati da moderatori come Carlo Lucarelli, Valeria Parrella, Paolo Roversi, Giacomo Papi, Nadia Terranova, Valerio Varesi e Piero Colaprico, nello scenario del MEMO Restaurant, ristorante, ex cinema-teatro, che conserva il sapore degli iconici jazz club, con una raffinata selezione di musica live che andrà ad accompagnare una cena con degustazione, prima di introdurre il talk degli ospiti della serata.
Intanto Venezia si prepara ad ospitare, il 19 e 20 settembre, la terza edizione di Urbanpromo Green, la due giorni incentrata sull’applicazione del principio della sostenibilità nella pianificazione della città e del territorio e nella progettazione e realizzazione degli interventi settembre a Palazzo Badoer, sede della Scuola di Dottorato dell’Università Iuav di Venezia. Urbanpromo Green è il primo dei tre eventi di Urbanpromo, organizzato dall’Istituto Nazionale di Urbanistica e da Urbit, a cui faranno seguito Urbanpromo social housing (12 - 13 novembre) e Urbanpromo Progetti per il Paese (12 - 15 novembre) alla Nuvola Lavazza a Torino. Saranno 20 i convegni e seminari di cui si comporrà Urbanpromo Green, a cui parteciperanno ricercatori e docenti universitari, amministratori, tecnici, responsabili e rappresentanti di aziende e di associazioni, professionisti, che porteranno il loro contributo di studio e realizzazione nella sperimentazione, nello sviluppo, nell’applicazione di esperienze, innovazioni e modelli tutti riconducibili ai temi cardine dell’evento: città accoglienti, sicure e sostenibili; il verde infrastruttura delle città; i paesaggi dell’acqua; smart communities per smart cities; sustainable mobility; energia sostenibile.
Per la Giornata Nazionale delle Cantine Aperte in Vendemmia, iniziativa promossa dal Movimento Turismo Vino, invece, il 15 settembre l’Azienda Agricola Monte Zovo accoglierà il pubblico con degustazioni, visite in cantina e passeggiate tra le viti. L’evento dal titolo Colori, Profumi, Sapori a Monte Zovo - Dal vigneto alla montagna veronese intende diffondere e sensibilizzare riguardo al tema dell’enogastronomia veronese, soddisfacendo la curiosità e i palati di appassionati e semplici buongustai. Il programma prevede diverse esperienze sensoriali tra cui scegliere, iniziando da La Cantina, che comprende la visita guidata dei locali di affinamento e l’assaggio di tre vini rappresentativi della tenuta.
Il 15 settembre sullo splendido 18 buche del Golf Club Paradiso di Peschiera del Garda si disputa l’undicesima edizione del Trofeo Lugana Riserva Sergio Zenato, che vede tutti gli anni impegnati oltre 100 golfisti provenienti non solo da diverse regioni d’Italia, ma anche da Canada, Stati Uniti, Svizzera e Finlandia. Un appuntamento ormai immancabile che vuole coniugare la bellezza del paesaggio e il rispetto della natura con rigore, cura dei dettagli e ricerca della perfezione, caratteristiche proprie sia del gioco del golf e sia della produzione vitivinicola. E quest’anno, per la prima volta saranno in esposizione pezzi storici del “Museo privato Bisagno della Storia e dell’Antiquariato del Golf”, che raccoglie 2000 bastoni dal 1850 ad oggi, oltre 8000 palline logate, tutte catalogate, fotografie, libri e documenti rari, risalenti addirittura al 1450.

In Emilia Romagna
Il 12 settembre, è il giorno in cui Fico, il parco dedicato al cibo a firma Eataly, presenterà il suo nuovo progetto, il Luna Park a tema contadino: in pieno stile Fico, lo scopo è sempre quello di diffondere cultura agricola e del cibo attraverso il divertimento, soprattutto per raggiungere i bambini e più giovani. Durante la conferenza stampa di presentazione, ci sarà anche una visita guidata al cantiere appena avviato del luna park.
Creare sinergie e lavorare insieme è il metodo migliore per promuovere il territorio: questo lo spirito che anima il Valtidone Wine Fest, giunto quest’anno all’edizione n. 10. La più grande rassegna del vino piacentino vede la partecipazione di 4 comuni e oltre 50 cantine, pronti a unire le proprie forze per una manifestazione itinerante ricca di appuntamenti. Che l’8 settembre approderà a Ziano Piacentino, per poi arrivare, il 15 settembre, ad Alta Val Tidone, e infine a Pianello Val Tidone, il 22.
Dal 13 al 15 settembre, invece, torna a Modena, Carpi e Sassuolo il Festival filosofia: quest’anno il tema è “persona”. Tullio Gregory, noto filosofo e gourmet scomparso a marzo, sin dalla prima edizione del festival ha firmato la sezione “cucina filosofica”, ideando percorsi gastronomici per declinare il tema della manifestazione. In questa edizione alle porte per rendergli omaggio sono stati scelti otto menu tra i più significativi da lui proposti in passato: verranno serviti per tre giorni in più di 70 ristoranti ed enoteche di Modena, Carpi e Sassuolo. Tradizione, ironia e buona cucina ispirano anche la “razionsufficiente”, il cestino del festival per pranzare e cenare a soli 5 euro.

In Piemonte e Liguria
Intanto ad Asti continua l’edizione n. 53 del Salone nazionale di vini “Douja d’Or” organizzata anche quest’anno dall’Azienda speciale della Camera di commercio di Asti in collaborazione con numerosi partner pubblici. Per questa edizione del Salone della Douja, dal 6 al 15 settembre, il centro storico di Asti si trasformerà come sempre in una coloratissima “città del vino” all’interno della quale verranno presentati, in degustazione e in vendita, tutti i vini Doc, Docg e Igp premiati al Concorso enologico nazionale Premio “Douja d’Or 2019” n. 47: 268 le etichette selezionate, rappresentative di 164 aziende di tutta Italia, in cui svetta il Piemonte, premiato con ben 109 vini, seguito a distanza da Sicilia (18) e Veneto (17). Sul podio delle province piemontesi, Asti con 52 etichette premiate, seguita da Cuneo (40) e Alessandria (11). 29 i vini che sono riusciti a ottenere il prestigioso Oscar Douja d’Or.
Protagonista degli eventi wine & food è Eataly: a Torino, in piazza Fronte, a Eataly Lingotto, va in scena la CompEATition, la sfida tra i migliori cibi di strada. Dal 3 al 24 settembre tutti i martedì il protagonista è lo street food: il 10 settembre è la volta del secondo episodio. Per ogni episodio, 3 tra i più famosi interpreti del cibo da strada sotto la Mole si sfideranno con il loro piatto più rappresentativo in Piazza Fronte Eataly davanti a Eataly Lingotto. I piatti saranno giudicati dal pubblico e da una giuria tecnica composta da tre tra chef e personaggi di spicco del settore gastronomico.
Il vigneto-collezione è un museo a cielo aperto che custodisce un tesoro estremamente prezioso: oltre 500 vitigni del patrimonio genetico dell’Italia Nord Occidentale, tra cui molti minori, rari e a rischio di estinzione. Il 13 settembre la collezione ampelografica di Grinzane Cavour apre le porte ai visitatori. L’idea è dei ricercatori Cnr Anna Schneider e Stefano Raimondi, impegnati da anni a creare quel vigneto ai piedi del Castello, oggi più di un ettaro dove, accanto a varietà di uve nazionali e internazionali, sono presenti i vitigni del passato ormai rari o addirittura scomparsi ma talora di potenzialità interessanti: dal Baratuciàt alla Malvasia moscata, dalla Slarina alla Barbarossa, dal Pignolo spano al Cascarolo solo per citarne alcuni.
A Genova, va in scena il 12 settembre Tutto il Gavi a Genova, l’incontro tra Piemonte e Liguria, due Regioni vicine sia geograficamente che enoicamente. A fare da fil rouge sarà infatti una degustazione di “vini del mare”, seguendo la linea che da Gavi arriva a Genova, rinnovando così un antico legame storico, gastronomico, ambientale e enologico. Con Tutto il Gavi a Genova, alla sua terza edizione, il Consorzio Tutela del Gavi ripercorre la via del mare che dal Piemonte, terra del Cortese giunge alle colline del Vermentino, del Pigato, dell’Albarola e della Bianchetta, attraverso una degustazione che avrà come protagonisti questi vitigni a bacca bianca, discussi e approfonditi a più voci.

In Toscana e Umbria
Nel cuore del Chianti Classico, a Panzano, dal 12 al 15 settembre tornerà Vino al Vino, l’appuntamento settembrino dell’Unione Viticoltori di Panzano, che festeggia quest’anno il traguardo dell’edizione n. 25. Ad essere celebrati, i prestigiosi vini che qui nascono, e che hanno reso il territorio uno dei più conosciuti e amati del mondo, ma anche l’intera tradizione del Chianti, i prodotti tipici della gastronomia, attraverso esclusive cene e degustazioni, come quella sulla “Retrospettiva 1999 e 2009, Panzano si misura con il tempo”.
Gli eventi che festeggiano la vendemmia sono tanti, e i più disparati, in tutta Italia: ogni cantina o tenuta, trova il suo modo, più o meno originale, di celebrare uno dei momenti più importanti dell’anno, coinvolgendo sempre di più enoappassionati e wine lovers, per diffondere la conoscenza e la cultura enoica, ma anche per tramandare le tradizioni più radicate. L’azienda La Ciarliana, tra le colline dove nasce il Nobile di Montepulciano, ha deciso di rendere l’enoturista sempre più protagonista in cantina, lanciando i “Wine Learnings Games”. Il turista non è più spettatore passivo ma diventa il principale protagonista dell’attività ludico-istruttiva in cantina: si mette letteralmente in gioco, attraverso blind tasting, quiz e accostamenti.
La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare un’esclusiva esposizione a Palazzo Antinori, a Firenze, dal 19 settembre al 10 novembre, che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci. La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio.
Anche a Montalcino, patria del Brunello, è tempo di vendemmia, e puntualmente torna un altro grande classico del Movimento del Turismo del Vino, un evento che da decenni muove milioni di enofili in ogni parte d’Italia. La Fattoria Dei Barbi, come sempre partecipa a Cantine Aperte in Vendemmia, il 14 e 15 settembre, aprendo le porte agli appassionati di vino e di vita in campagna, per festeggiare e onorare la vendemmia in corso.
Una cantina giovane e moderna, una realtà enoica aperta alla sperimentazione e alle contaminazioni: questa è Monteverro, tenuta della Toscana del sud, da cui si snoda l’itinerario di Arte&Vino, un connubio speciale che quest’anno ha portato da Monteverro, Bruno Pellegrino, artista dall’animo e dalla vita poliedrica, “ricamatore di suggestioni” che trovano espressione in una lingua artistica, ardita manifestazione del suo modo di vedere il mondo. Fino al 30 settembre, sarà possibile ammirare le due installazioni d’ispirazione faunistica: un cavallo in lastre di metallo sovrapposte dalle linee spigolose ma dall’insieme armonioso e dalla colorazione blu elettrico e un toro, stessa tecnica, in versione rossa, entrambe le tonalità accese che spiccano sui colori verdi dorati della campagna maremma nel periodo estivo. Un vero e proprio percorso creativo diretto a consacrare la stretta relazione tra la cultura del vino e quella dell’arte.
A Radda in Chianti, dal 25 maggio ogni week end fino ad ottobre, arriva il Rural Market, in una ex officina meccanica recuperata, “casa” per le materie prime della biodiversità agricola. Una sosta obbligata per ricaricarsi con gusto, tra ordinati vigneti e caratteristici paesaggi collinari, con specialità a rotazione, frutto del lavoro degli agricoltori e allevatori custodi Rural di Toscana, Emilia-Romagna e Liguria. Si potranno riscoprire il pane di grani antichi, la marocca di Casola, i formaggi monorazza biologici da latte crudo intero di vacche di razze antiche, il latte fresco di asina, le uova di gallina Romagnola, le carni e i salumi di Cinta Senese e quelli di maiale Nero allevato all’aperto sulle colline parmensi, i testaroli della Lunigiana al farro, la farina di mais Formenton Otto File e di castagne della Lunigiana, la passata biologica di pomodoro Riccio di Parma, la confettura di uva Termarina, il miele biologico del Parco Barboj, la patata Quarantina, la zucchina Trombetta di Albenga, il Fiaschetto di Sangiovese, il Sidro di mele di montagna e tanto altro.
Tre giorni dedicati ai grandi vini del territorio di Montefalco, tra gastronomia d’eccellenza, cultura del buon vivere, degustazioni, trekking tra filari e olivi e laboratori. È “EnologicaMontefalco”, evento promosso e organizzato da Consorzio Tutela Vini Montefalco, Comune di Montefalco e Associazione Strada del Sagrantino, giunto alla sua edizione n. 40, in programma dal 13 al 15 settembre a Montefalco, uno dei borghi più belli d’Italia, in un momento dell’anno - a ridosso della vendemmia - in cui il territorio esprime tutta la sua bellezza. Tantissime le iniziative in calendario, dagli approfondimenti sui grandi vini del territorio, a partire dal Montefalco Sagrantino Docg, fino ai cooking show e alle passeggiate, per arrivare alla suggestiva e tradizionale festa della vendemmia. Celebrazioni, a cui non può mancare il programma di Lungarotti, una delle cantine di riferimento del territorio, protagonista dal 13 al 15 settembre all’edizione 2019 di Enologica Montefalco, ma anche dell’evento torgianese della Sagra Musicale Umbra (7-22 settembre) n. 74 per il concerto d’archi del Quartetto Berlin-Tokyo (il 14 settembre).
Montefalco, che intanto prosegue le celebrazioni del vino regionale più famoso e apprezzato, il Sagrantino: “Montefalco nel bicchiere nasce per scoprire le eccellenze vitivinicole attraverso un percorso sensoriale da vivere in uno dei borghi più belli d’Italia. L’iniziativa, dedicata a turisti, operatori e appassionati che faranno tappa nel comune umbro, è promossa dal Consorzio Tutela Vini Montefalco. Ogni sabato, fino al 26 ottobre, nella sede del Consorzio in Piazza del Comune, sarà possibile partecipare ad una degustazione guidata da un esperto sommelier di quattro vini prodotti nel territorio di Montefalco: si tratta di un’occasione utile per poter approfondire lo straordinario legame che esiste tra questa terra e i suoi vini.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019