02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
L’AGENDA DI WINENEWS

Tartufo in asta, grandi vini al Merano Wine Festival, gli appassionati in cantina: tutti gli eventi

20 anni di Asta Mondiale del bianco d’Alba. Tornano il “salotto” di Merano e Cantine Aperte a San Martino. 100 anni de La Scolca e il Premio Batasiolo

Dal Castello di Grinzane Cavour tra i vigneti delle Langhe in Piemonte ad Hong Kong, Mosca e, per la prima volta, Singapore, da 20 anni si rinnova un appuntamento imperdibile per i gourmet e collezionisti da una parte all’altra del mondo: l’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba, evento benefico che nel tempo ha saputo conciliare la promozione delle eccellenze del territorio con la destinazione internazionale di ingenti fondi a cause solidali - arrivando a raccogliere oltre 4,4 milioni di euro, ndr - di scena il 10 novembre nel Castello Patrimonio Unesco e sede dell’Enoteca Regionale Piemontese Cavour, in collegamento con le tre grandi metropoli, alla presenza di vip e personaggi famosi, dall’engastronomia all’imprenditoria, allo spettacolo, dal tristellato chef Umberto Bombana (il cui ristorante 8 1/2 Otto e Mezzo Bombana è la location dell’Asta ad Hong Kong) allo chef Davide Corso del Bosco Cafe di Mosca (in diretta dai Magazzini Gum nell’iconica Piazza Rossa), dallo stellato Beppe De Vito (proprietario di 5 ristoranti a Singapore, in collegamento dalla National Gallery) agli chef stellati Massimiliano Alajmo e Yong Zhang neo “Ambasciatori del Tartufo Bianco d’Alba nel Mondo”, alla coppia Caterina Balivo e Enzo Iacchetti nelle vesti di battitori, affiancati dallo scrittore e giornalista Paolo Vizzari. All’incanto, in collaborazione con l’Ente Fiera Internazionale del Tarufo Bianco d’Alba, lotti straordinari di tartufo bianco di notevole pezzatura, in abbinamento ai grandi formati di Barolo e Barbaresco dei produttori del Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani, con i fondi raccolti che saranno destinati all’Istituto Mother’s Choice, associazione benefica che aiuta bambini senza famiglia, vulnerabili ed in difficoltà. Ecco uno degli eventi segnalati nell’agenda di WineNews. Nella quale i grandi vini, invece, sono protagonisti anche di uno degli eventi più attesi, il Merano Wine Festival a Merano (da oggi al 12 novembre), tra i vigneti dell’Alto Adige, il “salotto buono” del vino italiano creato dal Wine Hunter Helmuth Köcher, tra grandi degustazioni, a partire dai vini premiati dal “The WineHunter Award”, e verticali, forum, approfondimenti e molto altro, tra la cornice del Kurhaus e la GourmetArena.
Per tutti gli eno-appassionati l’appuntamento è con Cantine Aperte a San Martino (9-10 novembre), l’appuntamento autunnale promosso in Italia dal Movimento Turismo del Vino nei giorni dell’estate di San Martino: degustazioni di Novello ma anche di vecchie annate, passeggiate nei vigneti, assaggi di prodotti di stagione, riscoperta di antichi mestieri, merende, pranzi e cene con i vignaioli, corsi di cucina, musica, arte, laboratori per bambini, dal Veneto al Friuli, dalla Lombardia al Piemonte, dalle Marche all’Umbria, dal Lazio all’Abruzzo, dalla Campania alla Calabria fino in Puglia. Ma a San Martino cade anche, come da tradizione, la Festa dell’Orto in Condotta di Slow Food (11-18 novembre), all’edizione n. 12 con 21.000 studenti, dai 3 ai 14 anni, di 860 classi di circa 250 plessi in tutta Italia per cambiare il mondo lottando contro il cambiamento climatico a partire dalle piccole azioni che si possono fare nell’orto e non solo.
Tra gli eventi da segnalare ci sono anche una storica ricorrenza ed un premio. Il 9 novembre al Convention Center La Nuvola, capolavoro firmato dall’archistar Massimiliano Fuksas a Roma, all’Excellence Roma Food Exhibition si celebra “La Scolca: 100 anni di passione enologica”, la più antica cantina del Gavi, il bianco “cortese” del rosso Piemonte, con Chiara Soldati, discendente del grande maestro Mario Soldati alla guida dell’azienda di famiglia i cui vini nel tempo hanno deliziato i palati di Sophia Loren e Colin Firth, Valentino e Giorgio Armani, ma anche di Elton John, Tom Cruise e Roger Federer, accanto a Capi di Stato come la Regina Elisabetta e Barack Obama. Excellence Roma Food Exhibition (9-11 novembre) che è l’evento della Capitale dedicato all’enogastronomia organizzato dai fratelli editori Pietro e Claudio Ciccotti, con una vera e propria parata di stelle dell’alta cucina, con ben 100 chef pronti a esibirsi dando libero sfogo al proprio estro - Roy Caceres, Angelo Troiani, Cristina Bowerman, Paolo Gramaglia, Marcello Trentini, Iside De Cesare, Oliver Glowig, Massimo Viglietti e Arcangelo Dandini, Anthony Genovese, Gianfranco Pascucci e Francesco Apreda, Paolo Trippini, Luciano Monosilio, Dino De Bellis e Faby Scarica - e 100 aziende con i loro prodotti in degustazione, tra cooking show, tavole rotonde, degustazioni, talk show, incontri B2B e B2C. Spazio anche ai Premi Excellence 2019, assegnati, tra gli altri, al tristellato Mauro Uliassi (Premio alla Carriera), Arcangelo Dandini (Chef Excellence - Omaggio ai maestri della cucina italiana), Paola Colucci (Ricetta di Donna), Isphere (Food Innovatio), Riso Buono (Azienda), Pier Daniele Seu (Comunicazione Social) e Berlucchi (We Love Tasting). E dove Alex Revelli Sorini e Susanna Cutini, gastrosofi e docenti dell’Università San Raffaele di Roma risponderanno alle domande “esiste la felicità alimentare? E soprattutto cos’è?” con la presentazione del loro “Manuale di Gastrosofia, approccio multidisciplinare alla felicità alimentare” , edito da Alieno Editrice (10 novembre), con lo chef di Uno Mattina Shady Hasbun e la giornalista di La Repubblica Manuela Zennaro. E con Mercato Mediterraneo, la fiera in contemporanea dedicata ai cibi del Mediterraneo (Fiera di Roma, 9-12 novembre), l’evento è cuore pulsante anche del Mare Nostrum e chiama a raccolta aziende, buyer nazionali e internazionali, rappresentanti istituzionali, studiosi ed esperti di livello mondiale per accendere i riflettori sulle produzioni dei Paesi che si affacciano su questo grande bacino, con narratori come Paolo De Castro, primo vice èresidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Ue, Alexandra Devarrenne, fondatrice dell’associazione Calathena e di Olive Oil Alliance in California-Yale University, Kyriakides Tassos e Vasilis Vasiliou dell’Università di Yale, Educational Department, Emanuele Dughera, di Slow Food International, e Michele Bungaro, capo comunicazione Consiglio Olivicolo Internazionale.
In concomitanza con l’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba nella cantina Beni di Batasiolo a La Morra della famiglia Dogliani (famiglia di imprenditori soprattutto nel settore delle costruzioni, e realizzatori anche della Pedemontana, ndr), il 10 novembre sarà di scena invece il “Premio Batasiolo”, che, con il bando universitario, insieme all’Accademia della Medicina di Torino, sul tema del “Cibo, microbiota e salute”, finanzierà due ricerche sul tema, con un investimento di 80.000 euro (“Potere pro-Infiammatorio della dieta sulla composizione del microbiota intestinale e relazione con la malattia cardiovascolare ischemica” il tema del progetto di ricerca del team guidato dal dottor Andrea Baragetti del Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Molecolari dell’Università di Milano, “Valutazione dell’associazione prebiotico-farmaco biotecnologico per il trattamento delle malattie infiammatorie intestinali” il tema del progetto di ricerca del team del professor Carlo Riccardi del Dipartimento di Medicina dell’Università di Perugia). E, per la prima volta, verrà istituito anche un premio che ogni anno andrà a giornalisti che si sono distinti per la divulgazione del patrimonio dei migliori territori italiani, secondo il “Comitato per la divulgazione scientifica delle ricerche”, presieduto da Riccardo Cotarella. In questa prima edizione, i giornalisti selezionati per il Premio sono Luciano Ferraro (“Corriere della Sera”), Alessandro Regoli (direttore WineNews), Anna Scafuri (Rai1) e Pamela Raeli (Food & Travel). Nella premiazione, anche un approfondimento sui temi della salute, del vino e del cibo, dal titolo “Le Langhe fanno bene: vino, cibo e salute”, moderato dal giornalista Nicola Porro, cui prenderanno parte come relatori docenti universitari, e il convegno “Sinergia fra pubblico e privato per la ricerca scientifica”.
E il pregiato tartufo è protagonista anche alla Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, la numero 89, che fino al 24 novembre porta nel cuore delle Langhe appassionati e foodies, alla scoperta, o riscoperta, di tutte le anime del tartufo, nelle Marche con la Fiera Nazionale del Tartufo Bianco di Acqualagna n. 54 (9-10 novembre), e da questo weekend anche in Toscana. Alla Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco di San Miniato (9-24 novembre) e alla Mostra-Mercato del Tartufo Bianco delle Crete Senesi a San Giovanni d’Asso nel Comune di Montalcino, patria del Brunello (9-17 novembre) con tanti eventi nell’evento, come un convegno nel Castello voluto dall’Associazione Tartufai Senesi per sensibilizzare i consumatori sulla realtà italiana dei prodotti alimentari che riportano in etichetta elementi che rimandano direttamente al tartufo, ma che in verità contengono, in massima parte, un idrocarburo ricavato dal petrolio che conferisce un aroma simile a quello dei pregiati funghi ipogei, con ospite Cecilia Bacci, giornalista di Report che ha dedicato un’inchiesta alla problematica (9 novembre), e, sempre nel Castello, una degustazione di vini Orcia promossa dal Consorzio e guidata da Gabriele Gorelli, esperto di vino candidato a diventare primo Master of Wine italiano, accompagnata da piatti a base di tartufo (19 novembre). Oltre alla possibilità di raggiungere San Giovanni d’Asso con il Treno Natura, un convoglio d’epoca sospinto da una locomotiva a vapore. Per chi non si muove dalla città, a Milano è il Four Seasons Hotel a rendere omaggio proprio alla meravigliosa e variegata storia di due prodotti italiani eccezionali come il tartufo e il vino, con il nuovo Executive Chef Fabrizio Borraccino che propone al ristorante La Veranda un nuovo inedito menu con Savini Tartufi e Montevertine Vini (da oggi al 7 dicembre).
Infine un evento solidale: torna l’edizione n. 13 del Wine Day, il 12 novembre al Reale Circolo Canottieri Tevere Remo a Roma, con prestigiosi vini all’asta per sostenere le missioni chirurgiche di Emergenza Sorrisi in Somalia, iniziativa organizzata dalla Ong con la collaborazione ed il sostegno di prestigiose aziende vinicole di tutta Italia - tra cui Volpe Pasini, Donnafugata, Caparzo - Borgo Scopeto, Mandrarossa, Barone di Serramarrocco, Talamonti - che hanno aderito all’iniziativa donando preziose bottiglie di vino e distillati, accanto a vip-vignerons come il cantante Sting e il ciclista Moser. Conduttore dell’asta, Luciano Carnaroli, per vent’anni alla casa londinese Christie’s, ad accompagnarla una degustazione dei vini di Casale del Giglio.

Gli eventi in tutta Italia: dal Trentino Alto Adige al Veneto
I formaggi di malga a marchio Trentino di Malga incontrano i vini dei vignaioli con “Malghe in fermento” & “#siamovignaioli”, dal 7 al 9 novembre a Palazzo Roccabruna a Trento, sede dell’Enoteca Provinciale del Trentino, l’evento dedicato, il primo ai formaggi di alpeggio, arricchito della presenza dei vignaioli del Trentino - con una degustazione in esclusiva del Trentino Doc Vino Santo - e con la partecipazione dei vignaioli del Collio friulano e sloveno, oltre a proiezioni di documentari e laboratori. E fino al 24 novembre a Naturno, in Alto Adige, è di scena l’edizione n. 15 delle Giornate del Riesling, una vera e propria kermesse dedicata alla “regina delle uve bianche”, vitigno tra i più prestigiosi al mondo, capace di esprimere al meglio il carattere dei terroir in cui cresce, senza mai tradire la sua forte individualità. Durante le cinque settimane delle Giornate del Riesling si potranno degustare vini locali e internazionali o prendere parte a cene tematiche firmate da rinomati chef, accompagnate da ottime bottiglie di Riesling oltre ad assistere al Concorso nazionale del Riesling che il 9 novemr>bre premierà i migliori produttori, nel corso della 14a edizione di questa manifestazione e con una giuria di qualificati degustatori italiani e stranieri che analizzerà i prodotti provenienti da tutta Italia.
A Verona torna puntuale Versi in Bottega la rassegna organizzata dall’Antica Bottega del Vino e le Famiglie Storiche, quest’anno con sei incontri dedicati alla cultura e alla curiosità, tra poesia, sport, mito e leggenda, ai quali parteciperanno di volta in volta esperti sul tema, oltre a Luca Nicolis, oste in veste di narratore, e l’attore teatrale di Casa Shakespeare Solimano Pontarollo, con musica a cura di Fabio Casarotti. Il 28 novembre incontro dedicato all’eroe nazionale scozzese William Wallace, spazio poi alla musica con Omar Pedrini il 19 dicembre e ad un argomento sportivo con l’indimenticabile coppia Coppi-Bartali il 30 gennaio; quindi il 27 febbraio la poesia, con Alda Merini a 10 anni dalla sua scomparsa, e, infine, il 26 marzo, il vino, argomento caro alla Bottega e il suo ruolo nella sacralità con l’incredibile storia di Dom Perignon.

Da Milano al Piemonte, con un salto in Liguria
A Milano ritorna il Puglia Top Wines Road Show, “tour metropolitano” dei vini pugliesi organizzato dal Movimento Turismo del Vino Puglia per promuovere le eccellenze vitivinicole della Regione (11-17 novembre) con cantine come Carvinea e Claudio Quarta, Mottura e Rivera, Tormaresca e Varvaglione per citarne alcune, in un fitto calendario di eventi per una Puglia Tasting Week a tema nei templi del vino della città, dalle degustazioni ai laboratori sensoriali curati da esperte sommelier del vino e dell’olio extravergine d’oliva dedicati ai vitigni autoctoni e cultivar del territorio: Cotti, Enoclub, El vinatt, Enoteca Diapason, La cantina di Franco, VinoVino dal 1921, Enoteca Wineria, Ronchi Ricciardi, Gran Cru, Enoteca Hic, Vini & Sapori, Enoteca Wine e Wine O’Clock. A dare il via l’11 novembre il “Puglia Brunch al Ponte” al ristorante Al Pont de Ferr di Maida Mercuri con la presentazione riservata alla stampa e agli addetti ai lavori degli eventi milanesi, e, al The Westin Palace Hotel di Milano, “Degusta la Puglia”, un evento walk arounfd tasting per i wine lovers, un seminario riservato a giornalisti, trader e sommelier, per un approfondimento dei vini e delle terre di Puglia attraverso i suoi grandi vitigni autoctoni - Primitivo, Negroamaro, Nero di Troia - condotto da Sergio Libanore con Maria Teresa Basile Varvaglione e Vittoria Cisonno, e “IndoVino”, la blind tasting condotta dal vicedirettore del Movimento Turismo del Vino Puglia Daniele Cirsone che metterà alla prova i partecipanti, invitandoli ad abbinare i descrittori olfattivi ai relativi vitigni autoctoni pugliesi, realizzati in collaborazione con Ais-Associazione Italiana Sommelier Lombardia. Il 14 novembre, invece, nell’hub internazionale di Identità Golose, è di scena un cooking show, presentato da Eleonora Cozzella, con la chef Martina Caruso dell’Hotel Signum di Malfa e Monograno Felicetti alla scoperta della pasta italiana. Da settembre Milano è anche la capitale del noir grazie a Zacapa Noir Festival, il nuovo progetto letterario ideato dal prestigioso rum guatemalteco. Una kermesse culturale e internazionale partita il 10 settembre e che proseguirà fino a giugno 2020, con un calendario di 19 incontri e un grande parterre di scrittori tra cui Jeffery Deaver, primo ospite dell’evento, insieme a Carlo Lucarelli, Luis Sepúlveda, André Aciman, Marco Malvaldi, Alan Parks, Alicia Gimenez-Bartlett, Ryan Gattis, Miriam Toews, Maurizio de Giovanni, Tayari Jones, affiancati da moderatori come Carlo Lucarelli, Valeria Parrella, Paolo Roversi, Giacomo Papi, Nadia Terranova, Valerio Varesi e Piero Colaprico, nello scenario del Memo Restaurant, ristorante, ex cinema-teatro, che conserva il sapore degli iconici jazz club, con una raffinata selezione di musica live che andrà ad accompagnare una cena con degustazione, prima di introdurre il talk degli ospiti della serata. Un salto in Valtellina per il Valtellina Wine Trail, spettacolare gara di trail tra i vigneti e le cantine della Valtellina che raduna ogni anno 2.500 trail runner da tutto il mondo (9 novembre) tra i terrazzamenti di Nebbiolo, lungo le tappe d’elezione per la produzione del Valtellina Superiore, e che offre anche l’occasione di “assaggiare” un territorio ancora poco conosciuto a livello turistico e enogastronomico, con prodotti che sono l’espressione di un saper fare centenario, dalla bresaola ai formaggi, dai pizzoccheri di grano saraceno, conditi con il Valtellina Casera Dop alle confetture, fino alle mele disidratate. Ed è proprio per raccontare questa ricchezza che lo sponsor Rigamonti ha scelto di inserire lungo tutto il percorso di gara alcuni scatti dell’alpinista Roberto Ganassa che ritraggono 5 luoghi simbolo di queste Alpi. Ci si sposta poi a Cremona, il 12 novembre, al Ristorante il Violino dove il Consorzio Tutela Provolone Valpadana, il Consorzio per la Tutela del Vino Asti ed il Consorzio Vino Chianti si raccontano in Dop Wines And Cheese Communication, una serata di carattere culturale con spunti legati al cibo nella letteratura, nel cinema e nella musica, condotta dal giornalista radiofonico e televisivo Lapo De Carlo, ed i tre celebri prodotti nel piatto.
All’Enoteca Regionale del Barbaresco, a Barbaresco, torna l’evento autunnale più atteso da tutti gli amanti del Barbaresco, che quest’anno si ripresenta con una nuova formula di degustazione. Lo storico banco d’assaggio continuerà ad essere l’immancabile fulcro della rassegna, ma sarà suddiviso in più date al fine di incoraggiare il confronto diretto tra il produttore e gli eno-appassionati. Fino al 17 novembre, verranno infatti ospitati nei locali dell’Enoteca 8 diversi produttori (4 al sabato e 4 alla domenica) che metteranno in degustazione e vendita fino a 3 Barbaresco differenti. Una degustazione più intima che si svolgerà all’interno di quella che è a tutti gli effetti la casa del Barbaresco e che offrirà agli enoappassionati l’occasione di legare ai profumi e ai sapori dei vini le parole di chi li ha prodotti e di conoscere meglio il vino, il territorio e la tradizione che l’hanno reso grande. Ci si sposta a Torino per CompEATion, la sfida tra i migliori cibi di strada della città che ritorna da Eataly per la gran finale, il 13 novembre, a suon dei migliori street food. Eataly Lingotto dove con Cioccolatò (9-10 e 16-17 novembre), il weekend è dedicato anche al cioccolato, tra assaggi, merende e corsi di cucina con i Maestri cioccolatieri, e La Notte del Cioccolato (16 novembre).
L’8, il 9 e il 10 novembre torna a Quiliano (Savona) “Granaccia & Rossi di Liguria - Un viaggio tra vigneti, vini e tradizioni”, rassegna promossa e organizzata dalla Proloco di Quiliano insieme alle associazioni Vite in Riviera e Fisar, con un ricco programma di eventi dedicati ai vini e prodotti del territorio ligure. “OliOliva” ad Imperia (8-10 novembre), invece, oltre ad offrire un ricco programma di eventi e di attività in cui l’olio extravergine appena franto è il protagonista, sarà anche palcoscenico per analizzare la candidatura della cultura olivicola a patrimonio immateriale Unesco (8 novembre, Auditorium Camera di Commercio), con, tra gli altri, le Città dell’Olio, il Ministero delle Politiche Agricole, Coi e personalità del mondo universitario e delle associazioni internazionali dell’olio. Infine “Fattore Comune”, incontri fra Dop e Igp domani al Teatro di Sori (Genova), è l’evento dedicato alle eccellenze agroalimentari tutelate dalla Unione Europea promosso dal Consorzio della Focaccia di Recco con Consorzio Castelmagno Dop, Consorzio Riso di Baraggia Dop, Consorzio Gavi Docg, Consorzio Salame d’oca di Mortara Igp e Consorzio dei Salumi Dop Piacentini, che si confronteranno in un incontro moderato da Federico Quaranta di Decanter Radio2, e presenteranno in degustazione i loro prodotti al ristorante Manuelina, insieme al Consorzio Basilico genovese Dop, Consorzio Olio Dop riviera Ligure e l’Enoteca regionale della Liguria.

Dall’Emilia Romagna alla Toscana
Al Majestic, hotel 5 stelle di Bologna, torna uno dei “riti” più amati dai bolognesi, i brunch della domenica, occasione per scoprire un menù appositamente ideato, spesso ispirato a un tema, nella cornice affrescata del ristorante I Carracci. Prossimi appuntamenti il Brunch Mari del Nord (24 novembre) e il Brunch di Natale (l’8 e il 22 dicembre).
Il 9 novembre all’Istituto Istruzione Superiore B.Ricasoli di Siena è di scena l’evento “Calici d’Autunno”, con presentazione e degustazione di vini accompagnata da assaggi di prodotti del territorio con i ragazzi dell’Istituto Tecnico Agrario e dell’Istituto Enogastronomico di Colle Val d’Elsa e la consegna dei diplomi di Enotecnico. Tra gli eventi da non perdere c’è uno storico compleanno: 20 anni fa apriva le porte l’Osteria di Passignano, nata nel 2000 in uno dei borghi più suggestivi del Chianti Classico, accanto all’abbazia medievale di Badia a Passignano, grazie all’incontro tra Marcello Crini, grande conoscitore e appassionato della cultura enogastronomica toscana e chef del gruppo Jre, e la Antinori, storica famiglia del vino italiano e toscano, proprietaria dei vigneti circostanti l’abbazia, dai quali produce il Chianti Classico Gran Selezione “Badia a Passignano”, affinato nelle storiche cantine di invecchiamento sottostanti il monastero. Per celebrare la storica ricorrenza c’è un programma di eventi promosso dal ristorante, stella Michelin dal 2007 e che vede oggi ai fornelli lo chef Nicola Damiani, insieme alla famiglia Antinori, fino al 30 ottobre 2020 ricco di cene con chef stellati di fama internazionale, dai fratelli Nicola e Luigi Portinari de La Peca di Lonigo (19 novembre) a Gennaro Esposito de La Torre del Saracino di Vico Equense (2 marzo), due Charity Dinner servite all’interno della Badia di Passignano per il completamento del restauro del complesso monastico e dell’affresco del Ghirlandaio conservato al suo interno in collaborazione con Dario Cecchini dell’antica Macelleria Cecchini e con la partecipazione di Carlo Giusti, primo produttore del Prosciutto di Piccione in Italia (a marzo e settembre), ma anche “Incontriamoci”, un’iniziativa per gli under 35 con menù degustazione limited edition dedicato per tutto l’anno con degustazione dei vini delle tenute Antinori ad un prezzo privilegiato (50 €). A seguire cene degustazione dedicate ad importanti Maison di Champagne (a dicembre Moon Import, a marzo Perrier Jouët, con la guida del responsabile di sala Simone Caccia), un programma di corsi di cucina in collaborazione con la Scuola di Arte Culinaria Cordon Bleu, e la partecipazione all’iniziativa Ristoranti contro la fame, con il piatto rappresentativo dello chef Nicola Damiani dedicato alla raccolta fondi per la campagna di azione contro la fame dei bambini nel mondo. E dopo l’apertura dei festeggiamenti il 30 ottobre con la cena “Come eravamo” che ha visto il ritorno in cucina dei due chef che hanno ottenuto insieme la stella Michelin nel 2007, Damiani e Matia Barciulli (oggi coordinatore Tecnico F&B di Marchesi Antinori), in un percorso nei piatti che hanno fatto la storia del ristorante accompagnati da una degustazione di vecchie annate di Badia a Passignano Chianti Classico Docg Gran Selezione di Antinori, il gran finale sarà la cena “Come Siamo”, dedicata all’identità ed alla brigata attuale della cucina di Osteria. La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare un’esclusiva esposizione invece a Palazzo Antinori, a Firenze, fino al 10 novembre, che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci. La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio.
Tra Borghi e Cantine ha preso il via con il gusto e l’eleganza della cucina toscana abbinata ai vini di Montepulciano e alla Doc Orcia. Prossimo appuntamento il 15 novembre a Castellina in Chianti, all’Antica Trattoria la Torre con i vini Chianti Classico dell’Azienda Agricola Pomona. Con “Girogustando” invece tutta l’Italia del gusto s’incontra in cucina: nelle terre di Siena torna il calendario di appuntamenti che nasce da veri e propri “gemellaggi gastronomici”. Protagonisti 14 cuochi con esperienze e percorsi professionali differenti che saranno impegnati a mettere in dialogo la loro creatività, per costruire sette differenti menù ciascuno dei quali sarà realizzato a quattro mani. Un modo insolito anche per scoprire alcuni dei borghi e degli angoli più belli della terra di Siena, dove il 15 novembre il ristorante l’Angolo di Acquaviva di Montepulciano ospiterà Bocon Divino di Camposampiero (Padova). Nuova tappa nel cuore di Siena il 20 novembre con il ristorante Gallo Nero che accoglierà il ristorante San Giorgio di Genova. “Girogustando 2019” si concluderà quindi il 28 novembre a Pienza, dove il ristorante Dal Falco proporrà un menù ideato con il Konnubio di Arenzano (Genova). E il 1 novembre è partita dalla Toscana anche la sfida annuale e globale Challenge Vegetariana lanciata dall’associazione culturale italiana senza scopo di lucro Italian Dining Summit e ideata dal professor italo-australiano Armando Cristofori con lo chef toscano Paolo Baratella. Per partecipare basta caricare nel gruppo Facebook Italian Dining Summit Vegetarian Members & Friends una foto/slideshow, o video/Gif che mette in mostra un piatto vegetariano consumato/preparato a casa o in un’attività ristorativa, facendosi poi votare a suon di “Mi Piace”, “Commenti” e “Condivisioni”. A partire dal 17 dicembre 2019 fino al 17 novembre 2020 verranno premiati i 10 vincitori mensili a livello globale, in collaborazione con enti locali nel territorio di provenienza del vincitore.

Dall’Umbria fino in Sicilia, passando per il Lazio
Dal 14 al 17 novembre Orvieto ospita la Challenge Internazionale Euposia, concorso dedicato agli spumanti Metodo Classico e Champagne, in collaborazione col Consorzio Tutela Vini Orvieto Doc: si attendono oltre 200 campioni provenienti da Spagna, Regno Unito, resto d’Europa, Americhe, Asia ed Oceania, Sud Africa, più Metodo Classico provenienti da tutta Italia, dalle Regioni alpine alla Sicilia, che saranno sottoposti ad una giuria di enologi e giornalisti provenienti da tutto il mondo presieduta dal presidente degli enologi mondiali ed italiani, Riccardo Cotarella. Fuori Challenge, in una masterclass riservata, il panel dei giurati degusterà anche l’Orvieto spumante Metodo Martinotti 2018 ed i vini oggetto di sperimentazione del Consorzio derivati dalla vinificazione del Trebbiano T34 derivante da 4 territori del comprensorio orvietano diversi per composizione chimica-fisica dei suoli. A presiedere questa nuova degustazione del Challenge sarà l’enologo Roberto Cipresso.
Il 14 novembre verrà proiettato in Confagricoltura a Roma, a Palazzo della Valle, il docufilm “AmalaTerra” che racconta il dramma causato dalla Xylella, malattia che nell’ultimo decennio ha colpito gli ulivi del Salento mettendo a dura prova l’economia pugliese, e già presentato nei più prestigiosi festival internazionali. realizzato da Kreiamo Production con la firma del regista Gabriele Greco. Ad intervenire Pantaleo Greco, presidente Fnp Olio di Confagricoltura, il regista, Giuseppe L’Abbate, Sottosegretario alle Politiche Agricole, e Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura. Far conoscere storie, tradizioni e luoghi storici della comunità sono gli obiettivi della celebre Festa dell’Olio e Vino Novello che da 20 anni è di scena a Vignanello (Viterbo, 8-10 e 1517 n-ovembre) tra visite guidate, degustazioni e itinerari folkloristici, immersi in un’atmosfera fiabesca tra vicoli e cantine scavate nel tufo e il castello Ruspoli con il suo suggestivo giardino all’Italiana che aprirà in questa occasione le porte al pubblico per visite guidate alle sale, e pranzi e cene nelle sue segrete.
Fino al 9 novembre la Strada del Vino e dei Sapori dell’Etna è a Divino a Verona, evento dedicato alla Wine Hospitality a Villa Quaranta Tommasi Wine Hotel 6 Spa, un’occasione per far conoscere le aziende associate e le tante attività che si svolgono sull’Etna, e a seguire è alla regia di Crossing Etna, un Educational Tour pensato e realizzato dalla per la promozione del territorio e che prevede il coinvolgimento di 20 tra tour operator stranieri e giornalisti direttamente sul vulcano.

Gli eventi in tutta Italia. E uno sguardo oltreconfine
Torna il TheFork Festival, evento web organizzato da TheFork, app numero uno in Europa per cercare e riservare il ristorante online. Fino al 30 novembre - per oltre un mese - 2.000 ristoranti in tutta Italia offrono sconti del 50% alla cassa, bevande comprese e niente coupon. Oltre alle insegne a metà prezzo, una rosa di ristoranti d’autore propone una formula speciale: sono infatti disponibili a seconda dei ristoranti un menù da 49 euro e 69 euro: in base al prezzo cambia anche il numero di portate, ma l’utente può scegliere quelle che più preferisce, senza che vi sia un percorso gastronomico già predefinito.
Diffondere la cultura del vino e del bere bene dando spazio ad eccellenti artigiani che con il loro lavoro stanno tracciando una direzione importante per il mercato vinicolo italiano. Mentre il mese della vendemmia giunge quasi al termine e in attesa di avere dati e conferme su qualità e quantità dell’annata 2019, Eataly trasforma la sua grande cantina diffusa, 14 enoteche in Italia con 8.700 mq complessivi che contano oltre 5.000 etichette e 52 addetti, in una cassa di risonanza dedicata a quel modo di fare vino che sta riportando al centro del discorso enologico il ruolo del produttore stesso come vignaiolo e come artigiano del vino. Fino al 10 novembre, in tutte le enoteche, “Storie di viti e di vite” racconterà gli artigiani del vino. Una grande famiglia che riunisce quei vignaioli, custodi del territorio in cui vivono e in cui coltivano le loro vigne, che producono numeri limitati di bottiglie per annata, lavorando in modo individuale e non seriale, garantendo il controllo di tutta la filiera, impegnandosi in prima persona in ogni fase della produzione con grande rispetto per il ciclo della natura e per la sostenibilità ambientale.
Il cammino lungo 100 anni di Nino Franco, l’azienda emblema del Prosecco di Valdobbiadene Superiore fondata nel 1919 sulle Colline di Valdobbiadene oggi Patrimonio Unesco, si intreccia a quello di Aspi - Associazione della Sommellerie Professionale Italiana. Le due icone del vino e della sommellerie italiani, annunciano la collaborazione che vedrà le produzioni della centenaria cantina protagoniste di diverse attività formative e degustative organizzate da Aspi, con l’obiettivo di far conoscere a professionisti e appassionati in tutta Italia un pezzo della storia del grande vino italiano. Ultima masterclass “Un viaggio attraverso 100 anni di Prosecco” il 18 novembre a Pozzuoli (Napoli), in cui sarà possibile degustare, guidati dagli esperti sommelier Aspi Manuele Pirovano e Gennaro Buono, diverse etichette di Nino Franco - di cui due proposte in tre annate per comprendere appieno la capacità evolutiva del Prosecco -, per un totale di 8 vini, con la presenza di Silvia Franco che affianca il padre Primo in tutte le scelte produttive, strategiche e commerciali.
Infine uno sguardo oltreconfine: il Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Docg chiude il 2019 con l’ormai consueto appuntamento internazionale che porta le celebri bollicine (di cantine come L’Antica Quercia, Bellenda, Il Colle, Spagnol - Col Del Sas, Tenuta 2Castelli, Val D’Oca e Villa Sandi) e il territorio Patrimonio Unesco in estremo Oriente, dal 7 al 9 novembre ad Hong Kong dove sarà uno dei protagonisti della Hong Kong International Wine & Spirits Fair (con le aziende Biancavigna, Il Colle, L’Antica Quercia, Masottina, Spagnol - Col Del Sas), mentre 20 etichette di altrettante aziende saranno in degustazione al banco d’assaggio istituzionale gestito da Carrie Wong, wine educator e giornalista, oltre che Italian Wine Ambassador riconosciuta da Vinitaly.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019