02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VINO E TERRITORI

Trasparenza in etichetta: i vini di Alsazia indicano il grado zuccherino sui loro vini fermi

La novità introdotta dal “Conseil Interprofessionnel des Vins d’Alsace” per “facilitare le scelte dei consumatori”

Sempre più trasparenza e informazione al consumatore in etichetta. Lo chiedono i consumatori stessi, lo impongono le regole, e tutti, anche nel mondo del vino, più o meno rapidamente, si adattano. E lo fanno anche i vini di Alsazia, territorio francese meno blasonato di altri come Borgogna, Bordeaux e Champagne, ma tra regioni vinicole più popolari di Francia, e denominazione che mette insieme più di 15.000 ettari di vigneto, per oltre 3.700 produttori. Un territorio. E che, nel suo percorso di crescita, ha deciso che da “quest’anno, infatti, una menzione del grado zuccherino dovrà figurare su tutti i vini Aoc - Appellation d’Origine Contrôlée “Alsace” o “Vin d’Alsace”.
La filiera del vino alsaziano, spiega una nota del “Conseil Interprofessionnel des Vins d’Alsace” https://www.vinsalsace.com/fr/, ha segnato “un punto cruciale che sarà anche una caratteristica determinante che faciliterà le scelte dei consumatori, aiuterà i professionisti meno esperti a scoprire l’offerta dei vini della regione o ancora renderà più semplici gli abbinamenti con le proposte gastronomiche. Questa novità è la dimostrazione concreta che l’Alsazia si muove, evolve ed è sempre più vicina alle aspettative dei consumatori di oggi”.
Concretamente, d’ora in poi, tutti i vini d’Alsazia dovranno obbligatoriamente menzionare il grado zuccherino sulla retroetichetta, così come definito dal regolamento europeo. Questa nuova indicazione dovrà essere chiara e uniforme e ciascun produttore potrà utilizzare due opzioni. Ovvero l’utilizzo di quattro parole (“sec” se il grado zuccherino non è superiore a 4 grammi per litro, “demi-sec” se è sopra a 4 ma sotto ai 12, “moelleux” se è sopra i 12 ma sotto ai 45 grammi litro, “doux” se è superiore ai 45 grammi), oppure di una scala grafica che indica il grado zuccherino tramite una freccia dell’esatta grammatura.
Una norma che riguarderà i vini fermi d’Alsazia, visto che gli spumanti come il Cremant già indicano il grado zuccherino da tempo. “Questa importante indicazione, attesa sia dai consumatori sia dai professionisti - spiega ancora “Vin d’Alsace” verrà applicata non solo alle etichette delle bottiglie di vino alsaziano, ma anche alle pubblicità (stampa e online), ai materiali di comunicazione (ad esempio dépliant, volantini, listini prezzi). L’introduzione di questa menzione è un passo in avanti per la filiera nella sua globalità. Questa novità permetterà di fare ancora più chiarezza al momento dell’acquisto di un vino d’Alsazia. La novità va nella direzione delle iniziative già perseguite negli anni scorsi che avvicinano i produttori alsaziani al loro pubblico. Un esempio positivo che dimostra come l’Alsazia voglia avanzare in maniera collettiva e concreta su alcune tematiche attese da anni”.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli