02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
PREMI

Trophy e medaglie d’oro: il meglio dell’Italia alla “International Wine Challenge“

Capezzana, Santa Sofia, Tenuta Aquilaia e Belisario al top, 17 le medaglie d’oro. Francia lontana, i “Champions” svelati il 30 giugno
AQUILAIA, BELISARIO, CAPEZZANA, INTERNATIONAL WINE CHALLENGE, SANTA SOFIA, Mondo
“International Wine Challenge“, uno dei più autorevoli concorsi enoici del mondo

Il Vinsanto Riserva 2013 di Capezzana (Italian Sweet Trophy), l’Amarone Della Valpolicella Riserva 2012 di Santa Sofia (Italian Red Trophy), il Vermentino Maremma Toscana di Tenuta Aquilaia 2020 (Tuscan White Trophy e Italian White Trophy) e il Verdicchio di Matelica Vigneti B. 2019 di Belisarsio (Verdicchio di Matelica Trophy): ecco il top dell’Italia enoica agli International Wine Challenge(Iwc) 2021 di Londra, uno dei più longevi ed autorevoli concorsi enoici del mondo. Non ci sono ancora i “Champions” del 2021, che verranno svelati solo il 30 giugno, dopo un ulteriore sessione di assaggio tra i vincitori dei singoli “Trophy”.
Per il Belpaese, in tutto, sono 17 le medaglie d’oro: oltre ai vincitori delle singole categorie, la Vernaccia di Oristano Riserva 2006 di Silvio Carta, il Pecorino Terre di Chieti 2020 di Vinicola Tombacco, il Cartizze Prosecco di Colesel, il Brunello di Montalcino Seconda Stella a Destra 2016 de La Togata, l’Amarone della Valpolicella 2017 di Cantina di Soave, la Vernaccia di San Gimignano Riserva 2016 di Panizzi, il Barolo Patres 2017 di Cantine San Silvestro, il Brunello di Montalcino Riserva Poggio alle Mura 2015 di Banfi, il Mandrarossa Bertolino Soprano 2018 di Cantine Settesoli, l’Andy’19 2019 di Agricola Fiorini, il Docet 2014 di Conti Di San Bonifacio, il Valpolicella Rispasso 2018 di Cantina di Valpantena e un Vermouth, il Cinzano Classico.
Per l’Italia anche 166 medaglie d’argento e 446 medaglie di bronzo, ma è la Francia ad issarsi in vetta tra i Paesi produttori più premiati, con 77 medaglie d’oro, 419 d’argento e 681 di bronzo. La sola Borgogna si è aggiudicata 33 medaglie d’oro, ed i “Trophy” per il miglior Pinot Nero ed il miglior Chardonnay. Altre 282 medaglie, invece, sono finite in Champagne, dove l’annata 2008 di Piper-Heidsieck si è imposta come la migliore bollicina della Regione. Tra i territori emergenti, la Tasmania, che produce appena l’1% del vino australiano, ma con vette qualitative sempre più importanti. La Spagna mette in fila 966 medaglie, di cui 38 d’oro, meno solo di Francia e Australia, a quota 49.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli