02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
SETTORE AGROALIMENTARE

Un accordo tra Italia e Regno Unito per rilanciare l’export di cibo made in Italy (calato del -8%)

Lo annuncia l’Ambasciatrice britannica in Italia Jill Morris. Coldiretti: a pesare burocrazia legata alla Brexit e chiusura della ristorazione
agroalimentare, AMBASCIATRICE UK, BREXIT, Coldiretti, EXPORT, JILL MORRIS, UK, Mondo
L’export del food italiano in UK

Un accordo di cooperazione bilaterale entro la fine del 2021 tra Italia e Regno Unito per stimolare l’export agroalimentare Made in Italy, calato dell’8%, e superare gli ostacoli provocati dalla Brexit e dal Covid: lo ha annunciato l’Ambasciatrice britannica in Italia, Jill Morris, durante l’audizione alla Commissione Esteri della Camera dei Deputati. “In futuro i due Paesi rimarranno senza dubbio alleati e amici - ha detto Morris - con la responsabilità di guidare la comunità internazionale verso un futuro più prospero, resiliente, sostenibile e inclusivo”.
Ad applaudire alle parole dell’Ambasciatrice britannica è la Coldiretti, che sottolinea come a pesare sull’export alimentare siano state le difficoltà burocratiche ed amministrative legate alla Brexit e gli effetti della pandemia con la chiusura della ristorazione. Le criticità maggiori, per chi esporta verso il Regno Unito, interessano le procedure doganali e riguardano anche l’aumento dei costi di trasporto dovuti a ritardi e maggiori controlli. Dopo il vino, con il Prosecco in testa, al secondo posto tra i prodotti agroalimentari italiani più venduti in Gran Bretagna ci sono i derivati del pomodoro, ma rilevante è anche il ruolo della pasta, dei formaggi, salumi e dell’olio d’oliva e il flusso di Grana Padano e Parmigiano Reggiano. Un patrimonio del valore di 3,4 miliardi all’anno messo a rischio, conclude la Coldiretti, dalle difficoltà di circolazione delle merci e delle persone ma anche dal pericolo di contraffazioni ed imitazioni dei prodotti alimentari tutelati, dal Parmigiano al Chianti, favorito dalla deregulation.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli