02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
BEVERAGE

Vino e birra alcol free nelle wine list dei ristoranti: il futuro è già qui, e inizia in Gran Bretag

Milioni di giovani, e non solo, dicono no agli alcolici, ed i brand delle bevande analcoliche si fanno largo tra wine education e ristorazione

Una sezione dedicata alle bevande non alcoliche nei programmi di studio delle istituzioni della sommellerie e, in prospettiva futura, nelle wine list dei ristoranti. Tutt’altro che una boutade, quella di un allargamento dell’orizzonte a quanto c’è di analcolico, per i professionisti della ristorazione e della mixology, è diventata una necessità: sempre più giovani decidono di non bere né vino né birra né cocktail, una scelta condivisa, per motivi culturali e religiosi, da centinaia di milioni di persone in ogni angolo del mondo. Si aprono così prospettive nuove per un mercato tutto da costruire, su cui si affacciano già diversi brand, come la birra Big Drop Brewing Co. o il “vino” Nine Elms, ma anche gli aperitivi di Æcorn Aperitifs, da pochi mesi sul mercato ma già capace di stringere una partnership con la Guida Michelin e di iniziare una vera e propria azione di lobbying sul Wset - Wine & Spirits Education Trust, la più antica istituzione dedita all’educazione del vino, che in Gran Bretagna spinge per l’inserimento di un modulo incentrato sulle bevande analcoliche, così da aprire il mondo del pairing ad un universo di prodotti tutto nuovo.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli