02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
CRONACA NERA

11 intossicati e un decesso tra Paesi Bassi e Germania causati da Champagne contenente MDMA

L’allarme del Sistema di allerta rapida per alimenti e mangimi: bottiglie manipolate, indagini in corso ma nessun caso in Italia
CHAMPAGNE, INTOSSICAZIONE, MDMA, MINISTERO DELLA SANITA', MOET ET CHANDON, Mondo
Allarme Champagne

Ha dell’assurdo, ed a prima vista potrebbe sembrare uno scherzo di pessimo gusto, e invece l’allarme che arriva dal Sistema di allerta rapida per alimenti e mangimi del Ministero della Salute è decisamente serio, e segnala 11 casi di intossicazioni, ed un decesso, avvenuti nei Paesi Bassi e in Germania, a seguito del consumo di una doppia magnum di Champagne “Moët & Chandon Imperial Ice”. Le bottiglie interessate sono identificate dal numero di lotto “LAJ7QAB6780004”, e conterrebbero MDMA (3,4-methylenedioxymethamphetamine, meglio nota come ecstasy).

Dalle informazioni al momento disponibili, sembrerebbe che queste bottiglie siano state manipolate, visto che i tappi non corrispondono ai tappi originali, e le bottiglie potrebbero anche essere state completamente svuotate di Champagne e quindi riempite con puro MDMA liquido. Inoltre, lo Champagne che conterrebbe MDMA liquido non farebbe bollicine, perché non contiene anidride carbonica, avrebbe un colore bruno rossastro, che si scurisce nel tempo e un odore aromatico-fruttato, diverso da quello dello Champagne.

In Italia non sono stati segnalati casi di intossicazione da ecstasy correlabili al consumo di questo prodotto, e al momento è in corso un’indagine di Polizia in Francia, Belgio, Germania e Olanda.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli