02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
MERCATO BIOLOGICO

Altro che settore di nicchia: in Europa il bio nel 2017 valeva 34,3 miliardi di euro

Tra il 2010 e il 2017 la superficie agricola ha registrato un impennata del +70%. Ma si importa anche molto: la Cina mercato n. 1
AGRICOLTURA BIOLOGICA, UE, Non Solo Vino
In Unione Europea quello del biologico è tutt’altro che un settore di nicchia

Parlare del settore agricolo biologico come un comparto di nicchia è più sbagliato: l’interesse crescente dei consumatori a prodotti etici e non dannosi per l’ambiente è sempre maggiore, e non è tangibile solo con la quantità di prodotti naturali e biologici che si trovano sugli scaffali, ma anche e soprattutto dai numeri ufficiali. Quelli dell’Unione Europea parlano chiaro: tra il 2010 e il 2017 si è registrata in Ue un’impennata della superficie agricola dell’Unione dedicata all’agricoltura biologica, con un ruolo fondamentale riservato anche alle importazioni. L’ammontare del terreno agricolo dell’Ue dedicate al biologico è stato del 7% del totale, con un aumento del 70% rispetto al 2009. Ciò in effetti riflette pienamente le dimensioni del mercato europeo, con quasi 34,3 miliardi di euro di vendite al dettaglio di prodotti biologici solo nel 2017. E uno dei driver principali di questa crescita sono stati proprio i prezzi: i prodotti biologici sono infatti inseriti sul mercato con prezzi fino al 150% maggiori rispetto agli stessi prodotti convenzionali. Ma nonostante ciò, la resa della maggior parte delle aziende agricole biologiche è inferiore a quello delle controparti convenzionali, che vanno dal 40% all’85% in meno. Ovviamente queste differenze non sono omogenee: ci sono settori come il latte biologico, in cui la produzione ha volumi più in linea con la media di quella non biologica.

Ad ogni modo, nel 2016 c’erano quasi 250.000 aziende agricole biologiche nell’Unione Europea, e il numero è in aumento. In totale, ci sono stati 14.000 nuovi operatori del settore biologico tra il 2010 e il 2017, anche se questo è stato in parte “annullato” da 10.000 operatori biologici poi ritornati all’agricoltura convenzionale.

Come già detto, ad ogni modo, le importazioni nell’Ue di alimenti biologici hanno toccato 3,4 milioni di tonnellate nel 2018, ed è la Cina, con oltre 415.000 tonnellate il maggior partner commerciale del settore, con una quota di mercato pari al 12,7% del totale. E non è la sola: anche Ecuador, Repubblica Dominicana, Ucraina e Turchia hanno tutte avuto significative quote di mercato. Le merci principali importate sono state frutta tropicale, noci e cereali.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli