02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
L’AGENDA DI WINENEWS

Aspettando l’olio nuovo, tra Frantoi Aperti e Mangiaunte tra gli olivi, dall’Umbria alla Toscana

La stagione del tartufo è nel clou. I grandi vini? Da “Versi in Bottega” (del Vino) agli incontri da Signorvino, da Sangiovese Purosangue a ViVite

Non sarà una raccolta semplice per gli olivocoltori italiani (con una produzione stimata poco sopra le 200.000 tonnelate, dimezzata del 50% sul 2017; fonte: Osservatorio Italia Olivicola su base dati Ismea), colpa del clima altalenante e dei troppi parassiti, ma l’arrivo dell’olio nuovo sulle tavole è, come sempre, una festa da trascorrere tra gli olivi, immersi in uno dei paesaggi più belli d’Italia e nei colori della campagna autunnale: una delle sue patrie più nobili, l’Umbria, cuore verde d’Italia, lo celebra, da domani al 25 novembre, nei Frantoi Aperti, storica kermese ricca di eventi nell’evento nei luoghi più belli del territorio umbro, da Spoleto Foligno. Per l’occasione il 3 e 4 novembre a Trevi c’è anche “Festivol - Trevi tra olio, arte, musica e papille”, con la Mostra mercato dell’Olio extravergine di Oliva delle Colline di Trevi a Villa Fabri, degustazioni guidate, prodotti dei Presìdi Slow Food, laboratori anche per bambini, un trekking a piedi tra gli olivi per visitare i frantoi aperti e un momento di approfondimento sul progetto europeo “Olive4climate” che coinvolge Italia, Germania, Grecia e Israele e punta a dimostrare come l’oliveto possa essere utilizzato non solo come strumento per ridurre la quantità di CO2 nell’atmosfera, ma anche per arginare i processi di desertificazione, grazie alla capacità di adattamento ai climi aridi. Negli stessi giorni, nel cuore del terroir del Sagrantino e dell’olio extravergine di oliva Dop Umbria, a Gualdo Cattaneo si degusta l’“oro verde” appena franto direttamente in frantoio con “Sapere di Pane, Sapore di Olio”, con un brunch tra gli olivi che circondano il castello e un “Phototrek”, una passeggiata negli oliveti con un contest fotografico. L’ospite d’onore? Giorgione, l’amatissimo cuoco del Gambero Rosso che si cimenterà in cucina per esaltare le qualità dell’olio Evo. E che sarà anche protagonista di un laboratorio dedicato all’extravergine a Giano dell’Umbria, dove, da domani al 5 novembre, torna La Mangiaunta, l’evento dedicato alla prima spremitura dell’olio extravergine di oliva, tra bruschette, visite ai frantoi, incontri e mostre. Ecco gli eventi segnalati in agenda da WineNews.
Protagonista assoluto, l’olio, prodotto made in Italy per eccellenza, dall’Umbria alla Toscana, dove è possibile assistere alla raccolta delle olive anche tra le 17.000 antiche piante di olivo della Tenuta di Artimino, Villa Medicea a Carmignano a pochi passi da Firenze, oggi cantina e resort, con la cupola del Brunelleschi all’orizzonte. Ma sono tante le tenute aperte, tra olio, ma anche vino e tartufi, come Dianella, a Vinci, la città natale di Leonardo di cui nel 2019 si celebra il Cinquecentenario della morte, per un brunch dell’olio nuovo che sposerà il tartufo bianco di San Miniato. Tartufo bianco la cui stagione è nel clou: il più prezioso frutto del bosco è protagonista della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba n. 88 (fino al 25 novembre), la più importante del settore, e in attesa dell’Asta Mondiale del Tartufo al Castello di Grinzane Cavour (11 novembre) in collegamento come sempre con Hong Kong (e con il titolo di “Ambasciatore del Tartufo Bianco d’Alba nel Mondo” che quest’anno andrà allo chef del tristellato Da Vittorio di Brusaporto, Enrico Cerea, ndr). Ma si va dalla Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco di Città di Castello n. 39 (1-4 novembre) alla Fiera Fiera Nazionale del Tartufo Bianco di Acqualagna n. 53 (fino all’11 novembre), dalla Mostra Mercato del Tartufo Bianco delle Crete Senesi n. 23 a San Giovanni d’Asso (10-11 ed il 17-18 novembre) alla Mostra Nazionale del Tartufo Bianco di San Miniato n. 48 (di scena negli stessi giorni, per proseguire anche il 24-25 novembre). E tra i grandi chef alle prese con il pregiato tubero ci sarà anche il n. 1 al mondo, Massimo Bottura, ospite il 3 novembre ad Amandola (Fermo) per “Diamanti a tavola.Festival del tartufo bianco pregiato e dei prodotti tipici dei Monti Sibillini” n. 21 (2-11 novembre), come testimonial del progetto Il Tartufo dei Sibillini e protagonista della cena speciale “Bianco da Chef”.
Nell'agenda del vino italiano, “Un Mercoledì da Vignaioli”, è il progetto nato per raccontare ad appassionati, ristoratori e sommelier la realtà dei Vignaioli Indipendenti Fivi-Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti alla loro presenza e alla presenza dei loro vini, e per presentare la prossima edizione del Mercato dei Vini di Piacenza (24-25 novembre), nelle enoteche, ristoranti e trattori Punti di Affezione Fivi in tutta Italia. È un ricco calendario di appuntamenti dedicati alla cultura del vino a 360° alla portata di tutti, invece, quello di Signorvino, l’eno-catena del Gruppo Calzedonia, nei diversi store in tutta Italia, da Firenze a Torino, da Bologna a Merano, animati nel solito momento con la stessa lezione, un breve focus su una tematica specifica: dalle Degustazioni alla Cieca del martedì agli incontri come quelli dedicati a Langhe Style (5 novembre) e Valpolicella Voyage (12 novembre), da I Love Tuscany (19 novembre) ai Vini dell’Etna (26 novembre), fino a Nerello Mascalese Vs Pinot Nero (3 dicembre). E se a Milano Duomo domani sarà possibile degustare i migliori vini di Speri, il 6 dicembre saranno invece i Ferrari Perlè i protagonisti dell’incontro. A Firenze, per esempio gli incontri-degustazione sono dedicati a cantine come Tenuta Benedetta (7 novembre), fino ad un’imperdibile verticale al buio del Brunello di Montalcino di Biondi Santi (21 novembre) e all’incontro dedicato a Marchesi Antinori (5 dicembre). E dopo la pausa estiva, dal 4 novembre fino al 28 marzo, nella storica Bottega del Vino di Verona riparte la rassegna “Versi in Bottega”, con un nuovo format e con la voglia di raccontare, anche in maniera canzonatoria e informale, diversi temi nel cuore degli organizzatori, nella speranza di appassionare e suscitare la curiosità del pubblico, dall’oste della Bottega Luca Nicolis all’attore teatrale di Casa Shakespeare Solimano Pontarollo, e il primo appuntamento dedicato a Winston Churchill, l’aristocratico, lo statista, il politico, lo storico, il giornalista, il militare, ma anche l’artista. A seguire, il 29 novembre sarà la volta dell’Avanguardia con le figure di Salazzari e Boccioni, frequentatori della Bottega e protagonisti della storia dell’arte del Novecent, il 20 dicembre di Mogol e Battisti, una coppia che ha saputo toccare il cuore di tante generazioni e che ancora oggi resta attuale, il 31 gennaio dell’antologia di Spoon River e di Fabrizio De Andrè, il 28 febbraio di un personaggio controverso, geniale, di cui forse si conosce poco, come Nikola Tesla, e il 28 marzo di un omaggio a Peppino Impastato: un uomo che non dovremmo dimenticare mai.
Si torna in Toscana per Sangiovese Purosangue, l’evento di scena il 3 e il 4 novembre a Siena con la regia di EnoClub Siena, e dedicato ad uno dei vitigni italiani di riferimento, tra degustazioni e verticali di vecchie annate - dai Brunello di Montalcino di Pietroso e Riserva Poggio al Vento Col d’Orcia con Francesco Marone Cinzano al Sangiovese Poggio ai Chiari-Colle Santa Mustiola con il giornalista Andrea Gabbrielli e Fabio Cenni - al Palazzo Comunale in Piazza del Campo, ma anche una conferenza tecnico-scientifica sul Sangiovese con l’Accademia dei Georgofili ed approfondimenti con i produttori di 70 cantine con e loro etichette di Sangiovese in purezza, per più di 300 vini in assaggio. Il tutto aspettando, l’appuntamento con due grandi rossi italiani a Montalcino: è quello con “barolobrunello” (Teatro degli Astrusi & Palazzo Comunale, 17-18 novembre), con la degustazione per appassionati e professionisti delle etichette di 60 cantine selezionate da WineZone tra i vigneti di Brunello e quelli delle Langhe, ma anche l’abbinamento alla cucina (dal 15 novembre, con Brunello, Barolo, Rosso di Montalcino e Nebbiolo nei ristoranti del territorio, da Osticcio alla Drogheria Franci, da Il Giglio al Boccon di Vino e il Grappolo Blu), aperitivi, una cena di gala dedica alla pizza in favore dell’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze, un Bistrot, e persino una “Decompressione” in cui si stapperanno le bollicine prodotte dalle cantine selezionate. Stessi giorni, ma a Milano, c’è “ViVite n. 2 - Festival del vino cooperativo”, organizzato dall’Alleanza delle Cooperative Agroalimentari, nella cornice del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” (17-18 novembre), con degustazioni guidate da esperti (come i giornalisti Daniele Cernilli e Gianni Fabrizio), talk show come “Pane e Salame” e sulla sostenibilità con esperti del settore ad alti livelli (dal presidente degli enologi Riccardo Cotarella al professore di Viticoltura dell’Università di Milano, Attilio Scienza), e, ovviamente la cooperazione a tutto tondo, dalle realtà “buone davvero”, come San Patrignano e Libera Terra, alle grandi cooperative, come Mezzacorona, alla presenza, da rumors, degli alti rappresentanti del Governo, dal Primo Ministro Giuseppe Conte al Ministro del Lavoro Luigi Di Maio.

Focus - Tutti gli eventi dal Nord al Sud del Belpaese segnalati da WineNews
Dall’Alto Adige al Friuli, fino in Veneto
In Alto Adige, fino al 25 novembre, Naturno celebra “Le Giornate del Riesling”, con un programma molto ricco che culminerà con la premiazione del miglior Riesling. dando vita al Castel San Michele dell’Istituto agrario e al Fojaneghe di Bossi Fedrigotti.
In Friuli, l’Associazione viticoltori del Carso guidata da Matej Skerlj organizza il convegno “Gli eccessi del sistema agroalimentare: come rimettere in primo piano il contadino, custode di tradizioni, ambiente e territorio”, il 5 novembre al Castello di Duino (Trieste), con relatore e ospite d’eccezione Carlo Petrini, fondatore di SlowFood, e, a seguire, una degustazione dei prodotti del territorio.
In Veneto, Meteri fa scuola di vini naturali: la nuova divisione dell’azienda dedicata alla formazione presenta il primo corso per professionisti della ristorazione, partito il 15 ottobre all’auditorio di via Banchina dell’Azoto a Marghera, fino al 5 novembre, incentrato sui vini di terroir, raccontati da tre docenti d’eccezione, Matteo Bressan, sommelier del ristorante La Peca (Lonigo), Andrea Lorenzon, patron del Ristorante Covino (Venezia), e Paolo Vizzari, critico e narratore enogastronomico. Intanto i partecipanti alla Tiramisù World Cup, oltre 600, si stanno già allenando per preparare il “tiramisù più buono del mondo” nelle terre del Prosecco, fra Conegliano, Pieve di Soligo, Valdobbiadene e Treviso, da domani al 4 novembre.

Da Milano al Piemonte
In Lombardia, il Castello di Tolcinasco ospita la tappa finale del Circuito “Chef in Green” il 5 novembre, con oltre 30 chef che prenderanno parte a quest’ultima gara al termine della quale, dopo un veloce cambio d’abito, si terranno speciali showcooking, degustazioni enogastronomiche e la cerimonia di premiazione, con una cena gourmet con ai fornelli nomi come Filippo Sinisgalli, Giuseppe Lo Presti, Cristian Benvenuto e Bernard Fournier. L’8 novembre la produttrice siciliana Gaetana Jacono sarà a Plazzo Serbelloni a Milano per una degustazione-colazione dedicata alle nuove annate dei vini di Valle dell’Acate e alla presentazione della novità 2018: Iri da Iri Cerasuolo Classico di Vittoria Riserva.
In Piemonte, “Conspirancy of word and image” ad Alba (Coro della Maddalena, fino al 25 novembre), è l’ottava mostra organizzata dalla famiglia Ceretto, che consolida la passione per l’arte contemporanea e il desiderio di una delle più importanti griffe del vino italiano di portare nel suo territorio i più grandi artisti internazionali con le loro opere. Un evento che fa parte del ricco calendario di appuntamenti promossi nei giorni della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, e tra i quali torna anche “Langhe e Roero in Piazza … con la Granda” firmato Go Wine, nel centro storico di Alba (da domani al 4 novembre) con i prodotti d’eccellenza del territorio, dai formaggi Raschera e Castelmagno al Porro di Cervere, dai funghi alle Praline, dai Baci di Cherasco al miele, dalle tome di Langa ai ravioli al Plin, accanto ovviamente ai vini, con una grande enoteca con 100 etichette di Langhe e Roero e le loro aziende. A Costigliole d’Asti torna invece “Barbera Il Gusto del Territorio”, la rassegna dedicata alla Barbera in tutte le sue declinazioni organizzata dalla Cantina dei Vini, che fa da location, e dal Comune di Costigliole d’Asti in collaborazione con il Consorzio della Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, Ais-Associaizone Italiana Sommelier e Wineat per degustare, scoprire e approfondire il vitigno che da sempre racconta il territorio di queste colline.

Dall’Emilia Romagna alla Toscana, con una tappa Genova
A Genova, il 3 novembre, Palazzo delle Cisterne ospita una scuola di cucina dedicata ai più piccoli con la food blogger Angela Simonelli e la nutrizionista Elisa Manetti, dedicata alle verdure, e che fa parte del ricco cartellone di appuntamenti del Festival della Scienza di Genova: obbiettivo, trasformarle, finalmente se non molto amate, in qualcosa di bello, buono e appetitoso, creando la propria personale bento box.
In Emilia Romagna, a Imola e dintorni, dal 3 al 25 novembre c’è “Il Baccanale”, rassegna enogastronomica e culturale con eventi, degustazioni, laboratori in diverse location e menù dedicati nei ristoranti a “L’Italia del latte”, per conoscerne le virtù e le caratteristiche, le molteplici modalità di utilizzo di un prodotto profondamente naturale e, al tempo stesso, elemento decisivo della cultura alimentare.
A Montalcino, tra i vigneti di Brunello in Toscana, questa sera si celebra la zucca, nei ristoranti del territorio protagonisti di “Strade gialle, la zucca ed i sapori di autunno tra street & food”, l’iniziativa del progetto Vetrina Toscana ideata da Confesercenti e Confcommercio Siena in occasione di Halloween.

Tra Umbria e Abruzzo, fino a Roma
L’Associazione Professionale Cuochi Italiani il 5 novembre sarà in Umbria, a Perugia al Brufani Palace Hotel, per l’ultima tappa del Giro d’Italia 2018-In corsa tra le eccellenze culinarie, iniziativa itinerante che ha percorso il Belpaese per far incontrare produttori, distributori, chef, gestori di locali con le aziende del Food Service, con un EducationalTasting con la Squadra Nazionale #ApciChef Italia.
Doppio appuntamento tra i vigneti d’Abruzzo, al Castello di Semivicoli a Casacanditella (Chieti), l’antica residenza baronale seicentesca convertita in wine resort dalla famiglia Masciarelli, palcoscenico, domani della cena con mistero e grandi vini “Sherlock e il furto al museo egizio”, e il 4 novembre di un “Pranzo in vigna” tra i filari per festeggiare la fine della vendemmia.
A Roma, allo spazio d’arte “Polmone Pulsante” è tornato il progetto “Erotic Lunch” (18 novembre e 16 dicembre), che avvolge gli spettatori a tavola con l’erotismo e le performance artistiche lungo le suggestive gallerie sotterranee della curiosa location.

Con TheFork Festival nei ristoranti dei top chef si spende la metà
TheFork ha lanciato l’edizione n. 7 di TheFork Festival, fino al 30 novembre, con oltre 1.300 ristoranti in tutta Italia, da Torino a Milano, da Bologna a Firenze, da Roma a Napoli, che propongono sconti del 50% alla cassa, tra cui anche 20 top chef che per l’occasione hanno realizzato menù degustazioni ad hoc, dal Caffè dell’Oro e The Fusion Bar & Restaurant dello chef Peter Brunel a Firenze a Sadler e Chic’n Quick di Claudio Sadler a Milano, dal Granet Restaurant & Terraces dell’Hotel Savoy dello chef Gianluca al Giuda Ballerino dello chef Andrea Fusco, entrambi a Roma, per citarne solo alcuni.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018