02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
GUSTO E BENEFICENZA

Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba da record: raccolti 482.000 euro

Aggiudicato ad Hong Kong per 100.000 euro il top lot (900 grammi di tartufo abbinato ai grandi Barolo e Barbaresco)

La forza del gusto del Tartufo Bianco di Alba abbinata ai grandi vini di Langa, unita alla solidarietà internazionale, si confermano più forti del Covid: ha raccolto ben 482.000 euro l’edizione digitale dell’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba n. 21, organizzata dalla Fiera Internazionale del Tartufo Bianco di Alba (che continua in versione on line) e dall’Enoteca Regionale del Piemonte e dal Consorzio di Barolo Barbaresco Alba Langhe Dogliani, tra gli altri.
Edizione peculiare, dunque, che raccolto la cifra più alta di sempre per uno dei più importanti eventi charity del mondo (con tutto il ricavato che va in beneficenza), e che nei suoi oltre 20 anni di attività ha raccolto e donato oltre 5,2 milioni di euro ad iniziative ed enti caritatevoli di tutto il mondo.
Dal Castello di Grinzane Cavour, il top lot, è andato ad Hong Kong (in collegamento insieme ad altre piazze come Dubai e Mosca), dove il finanziere Avinash Abraham si è aggiudicato per 100.000 euro due grandi tartufi dal peso complessivo di 900 grammi, abbinato ad un magnum di Barbaresco Sorì Paitin 2004 di Paitin, ad una doppia magnum di Barbaresco Rabajà 1989 di Giuseppe Cortese, ad una 5 litri di Barolo Bussia 2015 di Silvano Bolmida e e ad una di Barolo 2009 di Oddero,
oltre ad un panettone da 20 kg di Albertengo, nome storico della pasticceria piemontese.
Con l’asta orchestrata a Grinzane da “amici” storici dell’Asta del Barolo come il comico Enzo Iacchetti, la conduttrice Caterina Balivo ed il gastronomo Paolo Vizzari, il lotto più importante è stato battuto nel tristellato ristorante 8 ½ Bombana di Umberto Bombana ad Hong Kong, dove è andata in scena anche una charity dinner con grandi tartufi abbinati ai grandi vini di produttori come Damilano, Cavallotto, Bersano, Revà e non solo.
Il ricavato, tra le altre, è andato al “World Food Future - Educate, discern, nourish”, un programma mondiale di educazione alla nutrizione rivolto ai bambini dai 7 ai 12 anni provenienti da famiglie disagiate, a Singapore, al Dmitry Rogachev National Medical Research Center of Pediatric Hematology, Oncology and Immunology, centro di ricerca d’avanguardia specializzato nelle malattie ematologiche, oncologiche ed immunologiche dell’infanzia e nella diagnostica molecolare, a Mosca, e all’Istituto Mother’s Choice di Hong Kong, associazione benefica che aiuta bambini senza famiglia, con lo scopo di dare speranza e nuove prospettive di vita attraverso le risorse raccolte.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli