02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
COVID & ECONOMIA

Bar e ristoranti italiani sono sicuri e rispettano le regole: a dirlo sono i loro stessi clienti

Secondo un’indagine di Format Research il 92% ritiene che i ristoratori siano attenti nell’applicazione delle misure di sicurezza
COVID, FIPE, RISTORANTI, SICUREZZA, Non Solo Vino
Bar e ristoranti italiani sono sicuri e rispettano le regole: a dirlo sono i loro stessi clienti

Non c’è dubbio che il mondo della ristorazione abbia pagato anche la paura della gente ad uscire di casa. Una preoccupazione portata dal Covid e che ha spinto una parte della popolazione al cambiamento delle proprie abitudini e quindi anche a rinunciare ad una pizza o ad una cena in famiglia il weekend. Eppure i ristoranti si stanno confermando luoghi sicuri, almeno a sentire chi li frequenta. Una fotografia della situazione arriva da una recente indagine, condotta da Format Research, secondo cui per ben il 92% degli intervistati l’osservanza delle norme di sicurezza sanitaria da parte dei ristoratori è stata “molto o abbastanza” soddisfacente e ciò conferma il “virtuosismo” degli esercenti in materia di norme anti-Covid.
Un aspetto, quello legato alla sicurezza, che ormai pesa come la qualità della cucina per chi si trova a scegliere un posto rispetto ad un altro: non a caso, sempre secondo l’indagine, l’attenzione alle norme igieniche è l’aspetto più importante da valutare per il 47,4% dei consumatori, maggiore anche del distanziamento dei tavoli (35,2%), della dotazione di tavoli all’aperto (34%), e dell’attenzione al numero di persone all’interno del locale (20%). Ulteriore conferma arriva dall’analisi delle principali motivazioni che spinge le persone a non mangiare fuori. A farla da padrone è la paura del contagio (66,5%) e la scarsa godibilità dell’esperienza dovuta alle rigide regole (41,5%).
Una larga parte degli intervistati, (35%), non mangia più fuori a causa dello smart working, altra “tegola” che si è rivelata un danno economico per il settore. Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) rimarca come non ci sono rischi per i frequentatori di questa tipologia di locali. “Bar e ristoranti sono luoghi sicuri sia per i clienti che per i lavoratori. Anche gli ultimi dati diffusi dall’Inail sui contagi da Covid-19 nei luoghi di lavoro, letti nel modo giusto, ne danno conferma. Al netto di un leggero e fisiologico aumento dell’incidenza dei casi nel settore del turismo dovuto ad effetti stagionali le attività di ristorazione restano tra i luoghi più sicuri. Distanziamento tra i tavoli, mascherine al personale, accessi differenziati per i clienti in entrata e quelli in uscita, monitoraggio quotidiano delle condizioni di salute dei dipendenti, pulizia e sanificazione dei locali e gel igienizzante a disposizione di tutti, sono solo alcune delle rigide regole che tutti gli esercenti stanno seguendo e devono necessariamente continuare a rispettare per lavorare in sicurezza”.
La Fipe/Comfcommercio ha lanciato anche un appello ai propri associati all’utilizzo dell’App Immuni “che riteniamo possa essere uno strumento efficace per contrastare la diffusione del contagio. A questo proposito invitiamo tutti i nostri associati a esporre nei propri locali il Qr code dell’app per consentire ai loro clienti di scaricarla”.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli