02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
SPUMANTI & CLASSIFICHE

Bollicine di fine anno: ecco i “10 Most exciting sparkling wines of 2018” della rivista Uk Decanter

Un viaggio nel calice tra Italia (con Ca’ di Rajo, Ferrari e Il Mosnel), Inghilterra e Francia, passando per il Portogallo
BOLLICINE, DECANTER, SPARKLING WINE, Mondo
I “10 Most exciting sparkling wines of 2018” della rivista Uk Decanter

Le bollicine sono la tipologia che di vino che, nel mondo, ad ogni latitudine, sta crescendo di più. E nella fine dell’anno, nonostante uno sdoganamento in ogni stagione e a tutto pasto, vivono il loro momento top. E a mettere in fila i “10 Most Exciting Sparkling Wines of 2018” ci ha pensato la rivista Uk Decanter, la voce più autorevole sul vino che ha segnato le fortune dello Champagne prima, e del Prosecco poi. E così, partendo dall’Italia, il magazine segnala il Ca’ di Rajo Prosecco Conegliano-Valdobbiadene Superiore, ma anche il Franciacorta 2008 de Il Mosnel, ed il Trentodoc Perlé Zero Cuvée Zero 11 2011 di Ferrari, alfieri di un’Italia spumantieria che, nel mondo, si segnala sempre più per la qualità espressa dai diversi territori, ma anche per una crescente capacità delle sue bollicine di reggere alla prova del tempo. Non manca, nella selezione di Decanter, uno sguardo alla sempre più apprezzata produzione inglese, con il Blanc de Blancs 2013 di Gusbourne Estate, il Blanc de Blancs 2014 di Bride Valley ed la Classic Cuvee Brut di Nyetimber.
E non manca, ovviamente, lo Champagne, con Les Pres Dieu Premier Cru Extra Brut di Guillaume Sergent e con l’Experience Blanc de Blancs Brut 1er Cru di André Jacquart. Ma, segno che anche sul fronte delle bollicine la voglia di sperimentare qualcosa di diverso è forte, anche in Uk, non mancano le curiosità: dal Pinot Noir 2007 di Vértice, spumante portoghese della zona del Douro, al Crémant de Loire L’Extra Blanc Brut di Domaine Langlois-Château, cantina nella Loira sotto il controllo di Bollinger.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli