02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
NUOVA CAMPAGNA ASSOCIATIVA

“C’è un sogno nuovo nel mondo del vino”: dopo lo stop nella pandemia riparte il Seminario Veronelli

La storica associazione fondata da Luigi Veronelli, si rivolge a chi crede fortemente che il legame tra vino e cultura possa generare valore aggiunto
ANGELA MACULAN, LUIGI VERONELLI, SEMINARIO PERMANENTE LUIGI VERONELLI, Italia
Luigi Veronelli

“C’è un sogno nuovo nel mondo del vino”: per tutti coloro che credono in un sogno e considerano il legame tra vino e cultura come un valore aggiunto, un elemento di condivisione in questo periodo complesso, in cui, diciamo noi, bisogna muoversi e non commuoversi, come ci ha insegnato uno dei più grandi maestri del giornalismo enogastronomico italiano, e dopo due anni molto difficili che hanno costretto lo stop di quasi la totalità delle attività di formazione degustazione ed eventi a causa della pandemia, sono queste le parole scelte dal “Seminario Permanente Luigi Veronelli”, per lanciare la nuova “Campagna Associativa 2022”. Un invito a sottoscriverla, anche sulla base dei ricordi di quello che Veronelli è stato ed ha fatto per il mondo del vino e dell’agroalimentare italiano, e per il lavoro che oggi porta avanti nell’educazione al mondo del vino la storica associazione senza scopo di lucro fondata da Veronelli nel 1986.
Il Seminario Veronelli guarda avanti e rilancia, ripartendo coi piedi per terra, ma guardando al sogno. “Sogno ciò che sognavo. Lo sognerò fino a viverlo” scriveva Veronelli. E il Seminario Veronelli si rivolge proprio a tutte e tutti coloro che credono che il legame tra vino e cultura possa generare valore aggiunto, condivisione, energia positiva e portare aria nuova nel mondo del vino. Veronelli ha avuto un ruolo cruciale nel mondo della critica gastronomica italiana. È stato il primo critico enologico e gastronomico del nostro Paese. Ha fondato un settore. Suo grande merito è quello di avere messo in luce, avveniristicamente, il profondo legame tra produzioni e territorio, nell’ottica del rispetto dell’ambiente, delle particolarità, del lavoro, e delle relazioni sociali. Ha teorizzato la valorizzazione assoluta dell’eccellenza come forma di massima espressione di un territorio. E il Seminario Veronelli parte da lì e oggi lavora al nutrimento di nuove forme di comunità aperte e in divenire.
“Cerchiamo di essere buoni seminatori di saperi, mettendoli a disposizione di vignaioli, ristoratori, e appassionati che condividano l’approccio veronelliano e le sue possibili evoluzioni. Per comprendere il racconto dei vini e dei cibi e sostenere la buona agricoltura, sono, infatti, necessari strumenti di formazione e approfondimento e luoghi aperti di confronto critico e di partecipazione” sottolinea la presidente del Seminario, Angela Maculan. Sostenere e rinnovare il pensiero veronelliano, significa dare futuro a una prospettiva originale di pensare e di vivere la cultura gastronomica.
La Campagna Associativa 2022, che si svolge in un periodo complesso e quanto mai difficile per l’Europa e per il mondo, diventa un invito alla condivisione, a raccogliere buone energie, rivolto a tutti coloro che sentono che il cibo e il vino possono diventare elementi culturali importanti nel complesso puzzle per la costruzione sensibile del mondo di domani. E 11 volti del vino che mette al centro i valori culturali, ambientali e relazionali - un doppio “uno” a testimoniare che ogni giorno è un nuovo inizio nel rispetto della cultura della terra - saranno i testimonial della Campagna: donne e uomini, vignaioli e titolari di aziende vitivinicole, una rappresentanza significativa della composita e viva base sociale del Seminario Veronelli, unita dai valori veronelliani, da Nord a Sud del Paese. Ecco chi sono: Elena e Luca Currado (Vietti), Roberta Bianchi (Villa Franciacorta), Claudio Gini (Gini), Ornella Venica (Venica & Venica), Elisabetta Geppetti (Fattoria Le Pupille), Lorenzo De Monaco (Agrisegretum), Andrea Ferraioli (Marisa Cuomo), Agostino Nappi (Petra Marzia), Fabio Sireci (Feudo Montoni), Angela Maculan (Maculan) e Alessio Fornasetti (Torre San Quirico).

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli