02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
NEL FUTURO

Cina, il vino punta sui social per crescere, e Douyin è pronto a lanciare un e-commerce dedicato

La piattaforma, considerata il TikTok cinese, conta 600 milioni di utenti, di cui 67 milioni appassionati di vino
CINA, DOUYIN, E-COMMERCE, GIOVANI, LIVESTREAMING, SOCIAL, VIDEO, vino, Mondo
Cina, il vino tra social e e-commerce

Per il vino italiano la Cina continua ad essere una chimera, dove finisce una quota ancora marginale del nostro export, sempre intorno al 2%, persino meno a gennaio 2022, con 6,8 milioni di euro importati su un totale di 474 milioni di euro. Le possibilità di crescita, però, sono ancora intatte, anche perché quello cinese è un mercato particolarmente dinamico, in cui il cambiamento è continuo, e guidato dai più giovani, a cui guarda con attenzione chiunque si voglia cimentare nel business del vino. Su cui ha deciso di puntare forte anche Douyin, il social di streaming video (simile a TikTok, ndr) più popolare del Paese, con 600 milioni di iscritti, che starebbe sviluppando una propria piattaforma di e-commerce dedicata a vini e liquori, puntando proprio sul live streaming e sui brevi video, come rivela il media cinese “Tech Xingqiu”.

Douyin, controllata dalla società ByteDance, è entrata nel campo dell’e-commerce solo nel 2018, entrando subito in competizione con colossi come Alibaba e Pinduoduo, ed in breve tempo, consentendo l’apertura di negozi virtuali sulla sua piattaforma, nel 2020 ha raggiunto un valore delle transazioni pari a 78,6 miliardi di dollari, e di 157 miliardi di dollari nel 2021.

Se il nuovo e-commerce dedicato al vino ed agli alcolici dovesse avere successo, il passo successivo potrebbe essere di un servizio di delivery sia ai clienti che ai negozi fisici. I presupposti ci sono tutti, perché secondo i dati dell’agenzia governativa China Internet Network Information Center, nel 2021 sono stati ben 934 milioni gli utenti che hanno utilizzato servizi di video online, ossia il 90,5% di chi ha accesso alla rete, mentre gli utenti delle piattaforme e dei social basati sul live streaming sono ben 703 milioni. Per questo i marchi, con contenuti e consigli personalizzati, hanno puntato su Douyin, che vanta una base di utenti talmente grande da essere appetibile anche per i produttori di wine & spirits: sono 67 milioni gli iscritti al social che mostrano interesse per il vino, e alla fine del 2020 si contavano 27.000 commercianti di vino registrati sulla piattaforma, tra cui big come “1919” e “Jiuxian”. Quello che ancora manca, curiosamente, sono gli influencer: sono appena 1.500 i profili dedicati al vino con più di 10.000 follower.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli