02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
CURIOSITÀ

Cosa fanno gli italiani davanti alle vending machine? Si confessano. Uno strumento di costume

Secondo una ricerca di Confida al Nord si parla di lavoro e tempo libero, al Sud di sport e vita privata. L’Italia il Paese che ne ha di più: 822.000
CONFIDA, PAUSA CAFFE', VENDING MACHINE, Non Solo Vino
La parodia dell’area relax in azienda nella sitcom di successo Camera Café con Luca e Paolo

Cosa fanno gli italiani davanti alle vending machine? Si confessano: fenomeno di costume, oltre che strumento sempre più diffuso, il distributore automatico è sempre più presente nella nostra vita e, in attesa di Venditalia, evento di riferimento per il vending a Fiera Milano (20-23 maggio), secondo una ricerca di Confida, l’associazione italiana della distribuzione automatica, si conferma discreto testimone anche di momenti conviviali, confidenze e discussioni. E non per sit-com, come la celeberrima “pausa caffè” di Camera Café con Luca e Paolo, ma con uno spaccato di vita vera, che sempre più spesso viene condiviso proprio davanti ai distributori automatici. Tanto che se al Nord si parla più di lavoro (38%) e tempo libero (31%), al Sud più di sport (14%), relazioni amorose (12%) e vita privata (6%).

In Italia, il Paese europeo con più vending machine installate - sono oltre 822.000 - il distributore automatico non ha solo una funzione di ristoro ma anche di pausa e di socialità. Del campione di 2.100 soggetti intervistati nella ricerca, gli over 55 parlano quasi esclusivamente dei loro hobbies e del tempo libero (58%), i più giovani (18-34 anni) prevalentemente di lavoro (28%) e relazioni amorose (13%), mentre quelli che chiacchierano di sport sono soprattutto gli uomini tra 35 e 54 anni (15%). E senza distinzione di età e aree geografiche, c’è anche un 11% a cui piace fare gossip sui colleghi.

Quasi 3 italiani su 4 (74%) hanno utilizzato nell’ultimo anno almeno una volta un distributore automatico e tra quelli che non l’hanno usato sono soprattutto over 55 che non hanno avuto l’occasione di usufruirne o preferiscono consumare altrove. Ma c’è anche un 27% che lo fa anche tutti i giorni e il 30% fino 2-3 volte a settimana. Il luogo principale di utilizzo è il posto di lavoro (47% degli intervistati) e 3 volte su 10 (29%) i luoghi di attesa.

Le persone utilizzano i distributori automatici perché sono comodi, veloci e hanno tutto il necessario per fare una pausa veloce. È una comodità quando “non riesco a uscire dall’ufficio” (36%) o per fare uno spuntino “quando ho fame e non ho portato niente da casa” (14%) o semplicemente perché è veloce (14%) o per fare una pausa caffè (11%). Quasi 6 persone su 10 del campione sono soddisfatte dei prodotti offerti (58%): più del 70% degli intervistati ritiene che la qualità del caffè ai distributori automatici è migliorata negli ultimi tempi. E cresce anche l’offerta di prodotti biologici, salutari o per intolleranze.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli