02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
L’AGENDA DI WINENEWS

Dai primi 10 anni della Docg Barbera d’Asti a quelli de Le Famiglie Storiche, ecco gli eventi

Grandi vini a Terre di Toscana. Tornano la Festa delle Donne del Vino e il Collio Day. Nasce il Festival della Cucina con i Fiori. Carnevale? A Fico

In grande spolvero più che mai, vino dalla storia antica ma dallo spirito giovanissimo, la regina del Piemonte compie 10 anni di Docg: è la Barbera d’Asti, che celebra la sua prima decade a Denominazione di Origine Controllata e Garantita - e di successi - il 2 marzo nella cornice del Castello di Costigliole d’Asti, dove il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato guidato da Filippo Mobrici, presenterà i dati di imbottigliamento e vendemmia dell’anno 2018 e il piano di comunicazione 2019, per poi passare la parola ad esperti e studiosi nel convegno “10 anni di qualità garantita”, da Nicola Lucifero, professore di Diritto agrario e Diritto agroalimentare dell’Università di Firenze, a Michele Antonio Fino, professore di Fondamenti del diritto europeo e Direttore del Master in Wine Culture Communication and Management Università di Scienze Gastronomiche Pollenzo, da Mario Fregoni, presidente onorario dell’Oiv-Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino, a Vincenzo Gerbi, professore ordinario di Enologia all’Università di Torino, e Giorgio Calabrese, presidente del Comitato Nazionale Sicurezza Alimentare (C.n.s.a.) del Ministero della Salute), insieme, tra gli altri a Giorgio Ferrero, assessore all’ Agricoltura della Regione Piemonte, moderati da Maurizio Tropeano, firma de La Stampa. A seguire ad accompagnare la festeggiata saranno i piatti degli chef stellati del territorio, e Ian d’Agata, senior editor Vinous e direttore creativo del Progetto Vino & Food del Festival Collisioni di Barolo e direttore Indigena e 3iC, condurrà la “Verticale dei 10 anni della docg Barbera d’Asti”. Ecco uno degli eventi segnalati nell’agenda di WineNews, nella quale, da un grande rosso all’altro, e da un compleanno all’altro, oltre 40 etichette di Amarone Docg, raccontate dagli stessi produttori sono le protagoniste di un tasting di alto livello per i primi 10 anni dalla nascita dell’Associazione de Le Famiglie Storiche, di scena il 4 marzo allo spazio Bou-Tek a Milano (riservato agli operatori, ndr): da Allegrini a Begali, da Brigaldara a Guerrieri Rizzardi, da Masi a Musella, da Speri a Tedeschi, dalla Tenuta Sant’Antonio a Tommasi, da Torre d’Orti a Venturini e Zenato.
Terra di rossi, ma non solo, dal Brunello di Montalcino al Chianti Classico, dal Nobile di Montepulciano ai vini di Bolgheri, dalla Vernaccia di San Gimignano alle etichette del Montecucco, della Val di Cornia, della Val d’Orcia, Cortona, delle Colline lucchesi, ma anche dal Mugello, Casentino, Versilia e dall’Isola del Giglio, anche la Toscana del vino torna in vetrina: il 3 e il 4 marzo l’appuntamento è con Terre di Toscana, evento per operatori, stampa ed appassionati all’edizione n. 12 all’Una Hotel Versilia a Lido di Camaiore, con 130 grandi vignaioli toscani ed oltre 600 vini - con tante vecchie annate - rappresentativi di tutta la Toscana, promosso dalla testata acquabuona.it, che celebra 20 anni con due degustazioni guidate dedicate all’annata 1999: “Sangiovese & Co” con alcuni dei suoi più fedeli alleati, e “La Nuova Tradizione” dedicata ai vitigni internazionali, con i giornalisti Fernando Pardini ed Ernesto Gentili. E, evento nell’evento, ci sarà anche Golosizia (4 marzo) con i cooking show di celebri chef toscani. Le cantine protagoniste? Da Argentiera ad Argiano, da Avignonesi a Badia a Coltibuono, da Banfi a Bertani Domains, da Boscarelli a Campo alla Sughera, da Canalicchio di Sopra a Capezzana, dal Castello di Albola al Castello di Potentino, dal Castello di Volpaia al Gruppo ColleMassari, da Contucci a Cecchi, dalla Fattoria dei Barbi a Fattoria del Cerro-La Poderina-Tenuta di Monterufoli, dalla Fattoria Le Pupille a Fèlsina, da Fontodi a Franco Pacenti - Canalicchio, da Fuligni a Il Marroneto, da La Cerbaiola - Salvioni a Le Chiuse, da Le Macchiole a Le Potazzine, da Le Ragnaie a Mastrojanni, da Monteverro a Oliviero Toscani, da Petra a Petrolo, da Poggio al Tesoro a Ricasoli e Rocca delle Macìe, da Rubbia al Colle a Salcheto, da Michele Satta ai Tenimenti D’Alessandro, da Col d’Orcia a Dei, dalla Tenuta del Buonamico alla Tenuta di Sesta, dalla Tenuta San Guido a Teruzzi, per citarne solo alcune.
Domani si celebra il Collio Day 2019, promosso dal Consorzio Collio con l’Ais-Associazione Italiana Sommelier, nelle sedi Ais di dieci città italiane, Mestre, Verona, Bologna, Milano, Torino, Genova, Fermo, Bari, Sassari e Siena, che accoglieranno in contemporanea i vini del Collio accompagnati dai formaggi del Consorzio Montasio, 7 vini per ogni tappa, tre da varietà autoctone (Friulano, Ribolla, Malvasia), altrettanti da varietà internazionali (tra Pinot Grigio, Pinot Bianco, Chardonnay e Sauvignon) e l’uvaggio Collio Bianco, un’occasione per apprezzare la ricchezza ampelografica e gustativa di questa terra di confine, e l’evento Enjoy Collio Experience (Gorizia, 29 maggio-2giugno). “Donne vino e design”, tra cantine d’autore, etichette, accessori da vino, packaging e linguaggi alternativi è invece il leitmotiv della Festa delle Donne del Vino, il 2 marzo in tutta Italia, con eventi collettivi e individuali, nelle cantine, nei ristoranti e nelle enoteche delle socie.
Un evento originale? Il primo Festival Nazionale della Cucina con i Fiori, dal 5 al 7 marzo nella cornice di Villa Ormond, ovviamente a Sanremo, con show cooking, incontri e presentazioni con chef ed aziende e il primo contest nazionale “Buon appetito, fiorellino” per creare una nuova ricetta con gli ingredienti contenuti in tre Mistery Flower Box. Infine non si può non segnalare un evento dedicato al Carnevale: da domani al 5 marzo, le tradizioni tipiche del nostro Paese e le ricette più golose dei dolci del periodo sfilano a Fico Eataly World a Bologna, tra un Cluedo vivente mascherato nel cuore del Parco agroalimentare con prove da superare, rompicapo e interrogatori per scoprire l’assassino, il luogo e l’arma del delitto, feste e giochi in maschera per tutti i bambini, la Chiacchierata di Carnevale più dolce di tutte con #pastiFICOdimartino tra frappe, cenci, bugie, sfrappole, cioffe e i quasi 50 nomi per indicare le varianti regionali di uno stesso mitico dolce, balli ottocenteschi nel tipico stile veneziano, e una sfida dei dolci di Carnevale con Santi Palazzolo e le sue creazioni. Fico che, il 1 marzo, fa da sfondo anche all’evento clou di “M’illumino di meno 2019”, la Giornata del Risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili ideata nel 2005 da Caterpillar Rai Radio2 in diretta dall’Arena centrale, con una Cena Spreco Zero lungo la pista ciclabile del Parco dove sarà apparecchiata una lunga tavolata ispirata alla sostenibilità e al recupero della tradizione contadina, in collaborazione con la campagna sociale Spreco Zero.

Scorrendo l’agenda degli eventi con WineNews
A Milano
A Milano sono ripartiti gli eventi alla Cantina Urbana, la prima cantina in pieno centro a Milano aperta da Michele Rimpici, sul Naviglio Pavese, con serate settimanali di Wtf - Wine Tasting Friends tra vino, food e dj set (ogni mercoledì), gli appuntamenti del Wine Collective, che vedranno protagonisti produttori di vino e di eccellenze gastronomiche regionali insieme alle loro storie di successo (domani con “Il Trippaio di Gavinana. Leonardo Torrini” da Firenze, il 7 marzo con il produttore siciliano Filippo Mangione, il 21 marzo con Chiara Onida del caseificio Il Boscasso dall’Oltrepò Pavese, il 4 aprile con Giuliano Iuorio e il progetto Langa Style, il 18 aprile con Gentile Thogan dell’omonimo salumificio di Varzi in Oltrepò), e gli esclusivi percorsi di degustazione “Tour & Tasting” e “Crea il tuo Blend”. Sempre a Milano, prosegue anche un evento particolare: il vino e la cucina sono legati non solo al piacere, quanto anche agli affari e al modo in cui la tavola può diventarne mediatrice e luogo ideale, nasce così “Vino e cucina. Dal piacere agli affari”, format-evento innovativo di incontri esclusivi al Neff Collection Brand Store c/o DesignElementi a Milano con cooking class a cura della Joia Academy tenute dal direttore didattico Sauro Ricci, e chef executive del ristorante stellato Joia di Milano, alla scoperta della Sicilia attraverso i piatti del ristorante e i vini di Planeta accompagnati dai racconti di Francesca Planeta e Antonio di Mora, direttore e sommelier del ristorante. Ogni lezione di cucina, a cui i partecipanti (non più di 14 alla volta) prendono parte attivamente, ha un tema diverso legato alla Sicilia e all’incontro tra le etichette della storica azienda siciliana e l’alta cucina vegetariana stellata del ristorante e della scuola di cucina fondati dalle chef Pietro Leemann, e si conclude con una cena per condividere i piatti preparati insieme e accompagnati dai vini e dall’olio di Planeta (19 marzo).

In Piemonte
Al ristorante La Cloche 1967 a Torino, un salotto del gusto dall’antica tradizione, sempre gestito dalla famiglia Bello, ora con il giovane chef Luca Taretto, ricco di esperienze internazionali e anche ai fornelli accanto a Carlo Cracco, un percorso a tappe messo a punto con gli storici della gastronomia Clara & Gigi Padovani racconta a tavola grandi personaggi torinesi come il cuoco Giovanni Vialardi (Il fritto misto alla tavola di Casa Savoia, domani e il 2 e 5 marzo), il pittore futurista Fillia (Alla Taverna del Santo Palato con Fillìa e la Cucina Futurista, 23 marzo), l’imprenditore Riccardo Gualino fondatore di Venchi (Riccardo Gualino cioccolatiere: dall’antipasto al dolce con il Cibo degli Dei, 13 aprile) e lo scrittore Mario Soldati (Viaggio nella Valle del Po con Mario Soldati a vent’anni dalla morte, 18 maggio). “Stelle & Calici”, evento promosso da Vite in Riviera, con una serie di cene di chef stellati con i migliori prodotti liguri di stagione e Presìdi Slow Food, in abbinamento ai vini Dop e Igp della Riviera Ligure di Ponente, prosegue invece nelle Langhe con lo chef Gianpiero Vivalda all’Antica Corona Reale a La Morra (domani), e poi con Marco Sacco al Piccolo Lago a Verbania (28 marzo).

In Veneto
A Verona, fino al 28 marzo, nella storica Bottega del Vino prosegue la rassegna “Versi in Bottega”, con un nuovo format e con la voglia di raccontare, anche in maniera canzonatoria e informale, diversi temi nel cuore degli organizzatori, nella speranza di appassionare e suscitare la curiosità del pubblico, dall’oste della Bottega Luca Nicolis all’attore teatrale di Casa Shakespeare Solimano Pontarollo: domani sarà la volta di un personaggio controverso, geniale, di cui forse si conosce poco, come Nikola Tesla, e il 28 marzo di un omaggio a Peppino Impastato: un uomo che non dovremmo dimenticare mai. E novità si annunciano alle Cantine Giacomo Montresor, il 1 marzo a Verona in nell’evento riservato alla stampa “Abbiamo un grande futuro alle spalle”. Il 3 marzo ci si sposta al Centro Congressi dell’Abbazia di Praglia di Teolo (Padova) torna “I Giganti di Langa”, evento promosso dall’Associazione Culturale Arte & Vino che vede i vignaioli di Langa presentare la loro idea di viticoltura. Ma non solo: in programma ci sono un forum su “Enogastronomia in tv, informazione o show? Comunicare la ristorazione oggi, tra realtà e falsi miti” condotto dal giornalista Renato Malaman, un banco d’assaggio con Barolo, Barbaresco, Nebbiolo, Barbera e Roero assieme a rappresentativi vini bianchi del territorio, ed i workshop “La creazione della perfetta carta dei vini”, evento speciale a cura di Vincenzo Donatiello, restaurant manager del ristorante 3 stelle Michelin Piazza Duomo di Alba e Miglior Maître d’Italia per la Guida Ristoranti d’Italia L’Espresso 2018, e “Il Nebbiolo alla cieca” e “Il Barolo” a cura del Seminario Permanente Luigi Veronelli. E dopo la prima edizione torna il Premio Maculan, la sfida, ideata da Fausto Maculan insieme alle figlie Angela e Maria Vittoria, con presidente di giuria Nicola Portinari, chef del ristorante due stelle Michelin La Peca di Lonigo, lanciata fino a domani a chef di tutte le età, professionisti e non, per creare il miglior abbinamento di un vino dolce ad un piatto salato, che sarà svelato alla Cantina Maculan a Breganze il 25 marzo con l’assegnazione del Premio Maculan, un’opera realizzata dall’artista friulano Giulio Menossi, celebre per i suoi mosaici.

Dall’Emilia Romagna alla Toscana, con tappa nelle Marche
Il 2 e il 3 marzo ModenaFiere ospita Verdi Passioni, il Salone dedicato a orto, giardino e campagna, al vivere verde, ma anche agli animali esotici e da compagnia a cui è dedicato “Animali dal Mondo”, con proposte sull’hobby del giardinaggio, sulla passione per il décor e sull’amore per gli animali e, in esposizione, semi, piante, fiori, bulbi, attrezzatura, arredi, oggettistica e decorazione per gli spazi verdi, mentre un fitto programma di incontri coinvolge i visitatori sulle tecniche di giardinaggio, i principi dell’orticoltura, la manutenzione e la cura degli spazi verdi.
A Livorno, domani al Circolo Ufficiali M.M. F. Mimbelli, l’Associazione Armonia, Associazione promozione della Cultura e dell’Arte Onlus, in collaborazione con l’Associazione Atlante Famiglia Onlus di Firenze organizzano la conferenza “Vino, poesia della terra: vedi il calor del sol, che si fa vino, giunto all’omor che de la vite cola”, con il medico Fabio Cerboni, l’enologo Claudio Gori e il bio agricoltore Carlo Lucchesi, a confronto sugli aspetti agronomici e salutistici del vino e dell’agricoltura biologica (ore 16,30). Ci si sposta in Maremma, dove l'11 marzo il Granaio Lorenese a Spergolaia ad Alberese (Grosseto) ospita mareMMMa, la Natura del Vino, la più grande selezione di etichette della Maremma in un evento unico dedicato alle Denominazioni Maremma Toscana, Montecucco e Morellino di Scansano che presentano le loro produzioni delle loro aziende accompagnate dai prodotti del territorio (riservato ai professionisti del settore).
In occasione della Settimana Rossiniana 2019, la grande festa diffusa per celebrare il non-compleanno di Gioachino Rossini, ci sarà anche Rossini Gourmet, un prelibato press tour promosso dal Comune di Pesaro (2-3 marzo) per assaporare il lato gourmet del pesarese più famoso del mondo, dal dolce “Sweet Rossini” alla celebre pizza, dalle degustazioni audioguidate di Casa Rossini al pranzo in anteprima al Bistrot Rossini, per assaporare i piatti rossiniani rivisti da Gualtiero Marchesi, all’esclusiva presentazione del Doc Bianchello del Metauro, vino del 150° anniversario.

Da Roma alla Sicilia
Da domani al 2 maggio al Mercato Centrale Roma è di scena “Mangiadischi”, con il Tenax, storica disco fiorentina che arriva nella Capitale, per raccontare che effetto può avere il cibo sulla musica e viceversa, con gli show cooking di coppia tra dj e artigiani: Alex Neri a La Birreria-Ditta Luigi Moretti (domani), Mary Gehnyei a Il Fritto di Martino Bellincampi (7 marzo), Corrado Fortuna a Il Bar e la Caffetteria (14 marzo) e Miz Kiara a La Pizza di Pier Daniele Seu (21 marzo). Sempre domani, da Eataly Roma, il giornalista Luciano Pignataro presenta il volume “La pizza - Una storia contemporanea” (Hoepli Editore), con Giuseppe Cerasa, Giancarlo Casa, Stefano Callegari e Barbara Guerra. Il 2 e 3 marzo al Salone delle Fontane all’Eur torna invece il Roma Whisky Festival, il più importante Festival di settore italiano, con degustazioni, masterclass e seminari sulla mixology di noti brand e ospiti internazionali del mondo della miscelazione, incontri e anche i migliori Cognac e Armagnac.
Stasera Le Cattive, Caffè, Vino & Cucina a Palazzo Butera a Palermo è la location di una “Una Cena da Favola”, evento promosso da Slow Food Palermo con un menu di quattro piatti immaginari ispirati a quattro favole del mondo ideato dallo chef della Capofaro Locanda & Malvasia di Tasca d’Alamerita Ludovico De Vivo con il resident chef Daniele Olivastro accompagnato dai vini della griffe. Ci si trasferisce tra i mandorli in fiore di Agrigento, cui è dedicato un evento promosso dal Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi dedicata ai Patrimoni Immateriali dell’Umanità Unesco, all’edizione n. 74, per incontrare l’Associazione Le Soste di Ulisse protagonista di un workshop educativo su “La cucina degli avanzi - piccoli chef per grandi piatti” con gli chef Pino Cuttaia, Giuseppe Costa, Gaetano Basiricò e Damiano Ferraro, l’8 marzo al Palacongressi, mentre i ristoranti e le strutture ricettive del Val di Mazara promuovono le eccellenze siciliane con menu e iniziative a tema (1-10 marzo).

Eventi in tutta Italia
Dal 4 al 10 marzo in tutta Italia si celebra la Settimana della Birra Artigianale 2019, dal Trentino alla Sicilia, dai pub alle pizzerie, dai birrifici ai beershop con tantissimi eventi e iniziative incentrate sulla birra artigianale di qualità come degustazioni guidate, visite a birrifici, presentazioni di nuove birre, cene con abbinamenti, contest, promozioni e molto altro ancora, promosse da chi quotidianamente lavora con i prodotti dei microbirrifici italiani e stranieri, a cominciare dai birrai e dai publican, ma anche gli homebrewer, i pizzaioli e i ristoratori. Ad anticipare l’evento, è il “Ballo delle Debuttanti”, l’anteprima di birre inedite dei birrifici italiani (1-3 marzo) nella Festa delle Birre Artigianali di Eataly Roma.
Cucina gourmet, territorialità e prezzi pop sono invece gli ingredienti dell’iniziativa che per il settimo anno consecutivo si propone di valorizzare il moderno ristorante e il territorio, strizzando l’occhio alla clientela più giovane o timorosa: è quella firmata InGruppo, il progetto che vede 22 chef e patron - per 14 stelle - di alcuni dei più importanti ristoranti italiani far conoscere le meraviglie della cucina di qualità e promuovere il “Piacere a tavola” fino al 30 aprile offrendo menu, vini compresi, al costo prestabilito di 60 euro a persona (con il “Diritto di tappo”, grazie al quale è possibile portare le proprie bottiglie con un costo extra di 10 euro per il servizio), 120 euro dagli stellati A’Anteprima dello chef Daniel Facen, allo storico tristellato Da Vittorio dei fratelli Cerea, al Mudec dello chef superstellato Enrico Bartolini e dallo stellato Sadler dello chef Claudio Sadler. E domani, nella Giornata Internazionale delle Malattie Rare, i ristoranti devolveranno 15 euro per ogni menu all’Istituto Mario Negri, da oltre 20 anni impegnato nella loro ricerca.
E fino al 12 marzo è possibile partecipare al Concorso letterario nazionale “Bere il Territorio. Raccontare il vino attraverso il viaggio”, all’edizione n. 18 promosso da Go Wine inviando un testo-racconto in forma libera che abbia per tema un viaggio in un territorio del vino italiano.

La stagione delle Anteprime fa una pausa, aspettando il debutto del Chiaretto. L’evento internazionale: Vinexpo New York
Le Langhe del Barolo & Co., la Valpolicella dell’Amarone, la Toscana con i suoi grandi vini, e dopo l’Umbria del Sagrantino e l’Emilia Romagna del Sangiovese, la stagione delle Anteprime del vino italiano fa una pausa, aspettando l’Anteprima del Chiaretto a Lazise (Dogana Veneta, 10 e 11 marzo) organizzata dal Consorzio di Tutela del Chiaretto e del Bardolino, in collaborazione con il Consorzio Valtènesi, con l’annata 2018 di oltre 120 vini di 60 cantine delle Doc in rosa della riviera veronese e bresciana del Lago di Garda.
“I grandi terroir del Barolo”, evento ideato da Go Wine all’edizione n. 10, sarà di scena invece a Monforte d’Alba (Ristorante Moda Venue, 23-24 marzo) con banchi d’assaggio, degustazioni guidate, ma anche visite in cantina, con protagoniste le nuove annate di Barolo. Si prosegue poi con Campania Stories, con il meglio della produzione della terra dell’Aglianico, del Taurasi, della Falanghina e dei vini del Sannio a Napoli (28-31 marzo), e con tre appuntamenti ancora con i grandi vini piemontesi: Taste Alto Piemonte, il più importante evento dedicato alle eccellenze vinicole e gastronomiche, dei territori delle 4 Provincie di Novara, Biella, Vercelli e Verbano Cusio Ossola promosso dal Consorzio Tutela Nebbioli Alto Piemonte al Castello Visconteo Sforzesco di Novara (30-31 marzo e 1 aprile), con walk-around tasting e seminari tecnici di approfondimento sulle Denominazioni per operatori ed appassionati; e i Roero Days, la rassegna itinerante del Consorzio di Tutela del Roero dedicata ai grandi vini della Denominazione Roero, di scena quest’anno a Bologna (Palazzo Re Enzo, 31 marzo-1 aprile), con le prime bottiglie di 60 cantine uscite in commercio che riportano in etichetta i nomi delle diverse Mga, le Menzioni Geografiche Aggiuntive; quindi La Prima dell’Alta Langa, l’evento organizzato dal Consorzio Alta Langa per operatori, ristoratori, enotecari e giornalisti al Castello di Grinzane Cavour (1 aprile), con 24 produttori e tutte le rispettive cuvée per oltre 40 etichette tra bollicine di Alta Langa bianche, rosate, Riserve e grandi formati, in degustazione. È tempo poi di Sicilia en Primeur, con le tante declinazioni enoiche dell’isola-continente con la regia di Assovini, dell’Anteprima dei vini della Costa Toscana con “I Grandi Cru della Costa Toscana” a Lucca (Real Collegio, 4-5 maggio), e, sempre a maggio, del gran finale con la Soave Preview firmata dal Consorzio di Tutela del Soave.
Infine, nel calendario dei grandi eventi internazionali e in uno scacchiere fieristico mondiale sempre più ampio e competitivo, dopo un fortunato debutto lo scorso anno, gli Usa sono la meta dell’edizione n. 2 di Vinexpo New York, il 4 e 5 marzo al Jacob K Javits Convention Center.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019