02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
IL SEGNALE

“Diamo ufficialmente il benvenuto all’Ucraina come Paese dell’Oiv n. 49”

Il Paese, oggi devastato dalla guerra, ma storico produttore di vino, torna nell’Organizzazione Internazionale della Vite e Vino (Oiv)
LUIGI MOIO, OIV, UCRAINA, vino, Mondo
Il presidente Oiv Luigi Moio accoglie l’Ucraina

“Diamo ufficialmente il benvenuto all’Ucraina come Paese dell’Oiv n. 49”: è un segnale forte, legato a quel vino che unisce, e con il quale brinda ad una auspicata pace, quello dato dall’Organizzazione Internazionale della Vite e del Vino guidata dal professor Luigi Moio. Che nel Congresso Internazionale in Messico, ha riaccolto nell’“Onu del vino” un’Ucraina devastata dalla guerra, ma che è anche importante e storico Paese produttore di vino. Che prima del conflitto contava 41.800 ettari di vigneti, per una produzione intorno ai 660.000 ettolitri. E dove il vino potrebbe diventare uno dei simboli di rinascita, dopo il conflitto, di cui tutti auspicano una rapida conclusione, a cui brindare.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli