02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
L’ANALISI

Dove non c’è cooperazione del vino, competitiva, si perde vigneto: lo studio Wine Monitor-Nomisma

A Vivite i dati che raccontano di un modello fondamentale per la tenuta dei territori. E che guarda sempre più ai mercati del mondo
COOPERATIVE, NOMISMA, VIGNETO, vino, VIVITE, Italia
I vigneti della Cantina di Terlano, eccellenza cooperativa dl vino italiano

Sempre più orientate all’export e alla qualità, le cooperative del vino si confermano anche presidio del territorio, e del vigneto Italia. A dirlo i dati di Nomisma, presentati a Vivite, il Festival del vino cooperativo di scena a Milano (17-18 novembre), aperto oggi dl vicepremier Luigi Di Maio, e dove sono attesi, domani, il Ministro delle Politiche Agricole Gian Marco Centinaio, ed il vicepremier Matteo Salvini.

I dati, dicono che il vigneto italiano, negli ultimi 5 anni, ha conosciuto un calo delle superfici del 7% e che le riduzioni maggiori abbiano interessato proprio le regioni dove mancano cooperative strutturate e dimensionate. Regioni come Campania, Sardegna, Lazio (in cui si concentra solo il 12% delle cooperative), hanno non a caso conosciuto la contrazione più significativa, da un -15% della Campania a un -21% della Calabria.

Al contrario, in territori dove la viticoltura è estremamente frammentata come Trento e Bolzano, Emilia Romagna, Abruzzo e Veneto, è proprio la significativa presenza di cooperative molto grandi per fatturato (oltre 30 milioni di media per cooperativa a Trento, Verona, Treviso e Reggio Emilia) hanno garantito una tenuta della coltivazione della vite in questi territori, registrando anche una crescita delle superfici del vigneto.


Un aspetto importante, sottolineato anche dal presidente di Alleanza cooperative Italiane Maurizio Gardini, insieme ai copresidenti Mauro Lusetti e Brenno Begani, che hanno voluto rimarcare con la loro presenza la grande vitalità di un comparto come quello della cooperazione vitivinicola, espressa da numeri di tutto riguardo: oltre 480 imprese operanti su tutto il territorio nazionale, 140.000 soci viticoltori, un fatturato di 4,5 miliardi di euro, 8 cooperative nella classifica delle prime 15 imprese italiane del vino.

“Lo studio presentato da Nomisma dimostra con l’evidenza dei numeri - ha spiegato Ruenza Santandrea, coordinatrice Vino di Alleanza cooperative Agroalimentari - il ruolo svolto dalle cantine cooperative nell’opera di salvaguardia e di sviluppo dei produttori di uva anche nelle zone più svantaggiate del paese. Nelle province dove la cooperazione non c’è, il potenziale produttivo va via via riducendosi. Ma attenzione, la cooperazione spesso è una condizione necessaria ma non sufficiente alla tenuta del vigneto, sufficienza che invece dipende dalla dimensione competitiva della cooperative, perché è nelle zone dove insistono cooperative più grandi ed internazionalizzate che è garantita la coltivazione della vite e la sostenibilità economica d migliaia di piccoli agricoltori che producono il 58% del vino italiano”.

“Oggi più che mai - le ha fatto eco il presidente di Alleanza cooperative agroalimentari Giorgio Mercuri - la sfida è quella della sostenibilità, che la cooperazione è pronta a raccogliere, nel senso più profondo della definizione, ossia garantendo uno sviluppo che non metta a repentaglio quello delle future generazioni”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli