02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
CIBO E STORIA

Fast food, altro che made in Usa: esistevano già nell’antica Roma, in particolare a Pompei

La scoperta archeologica delle thermopolium, locali in cui si ordinava cibo sia take away che da consumare velocemente sul luogo
ANTICA ROMA, CIBO, FAST FOOD, POMPEI, Non Solo Vino
I Fast food esistevano già nell’antica Roma: a Pompei le thermopolium

Nell’immaginario collettivo, il fast food è una “pratica gastronomica” culturalmente proveniente dagli Stati Uniti, patria dei big del settore, da Mc Donalds’ a Burger King, tanto per citare i più celebri. Ma al Nuovo Mondo andrà tolto questo fiore all’occhiello culinario, perché a Pompei, nel sito archeologico degli scavi Regio V, sono state trovate le testimonianze che confermano l’esistenza già nell’antica Roma dei cosiddetti “thermopolium”, una sorta di fast food che preparavano cibi da asporto o da consumare velocemente in loco. Sono stati quindi i romani, ben prima degli statunitensi, i primi a scoprire i vantaggi di un buon pasto caldo da poter consumare velocemente o “take away”. Ed a Pompei c’erano i migliori locali di questo genere: uno dei thermopolium più famosi dell’antichità è senza dubbio quello di Lucius Vetutius Placidus, la cui fama deriva dal fatto che è uno dei meglio conservati fra i più di 200 thermopolia pompeiani, essendo situato in via dell’Abbondanza, con il suo bancone riccamente decorato con marmi colorati e le sue pareti affrescate sono ancora oggi una delle particolarità più affascinanti dell’antica città romana. All’interno dei sei doli incassati che un tempo ospitavano cibi e vettovaglie gli archeologi hanno anche rinvenuto più di mille monete, oggi conservate nella sezione numismatica nel Museo Archeologico di Napoli.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli