02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
CIBO E INFORMAZIONE

Gli italiani guardano più alla qualità che al prezzo quando fanno la spesa e bocciano il Nutriscore

La ricerca di Agronetwork fotografa un trend molto attento alle informazioni nutrizionali: la salute è una necessità che passa dalla tavola
AGRICOLTURA, CIBO, Confagricoltura, ETICHETTA, Non Solo Vino
Etichetta, prima fonte di informazione per gli italiani. Che bocciano il Nutriscore

Gli italiani, quando fanno la spesa, puntano sulla qualità e prima di mettere un prodotto sul carrello si informano. Più attenzione all’etichetta e meno al prezzo, così come alle varie voci nutrizionali rispetto al brand. Una ricerca demoscopica che Agronetwork, l’associazione di promozione dell’agrindustria costituita da Confagricoltura, Nomisma e Luiss, ha commissionato a Format Research sui sistemi di etichettatura agroalimentari e il loro utilizzo da parte dei consumatori, fornisce una serie di indicazioni sui comportamenti e le scelte degli italiani. Per l’81% la qualità è un elemento di primaria importanza per l’acquisto dei prodotti agroalimentari; il 62% è inoltre molto attento alle informazioni nutrizionali, mentre pesano meno, nella scelta, marca e prezzo (vi danno particolare importanza rispettivamente il 48% e il 56,3 % dei consumatori). L’acquisto di un prodotto è “ponderato”. Il 63% degli italiani, rileva l’indagine, acquisisce infatti i dati nutrizionali attraverso le etichette, mentre il 30,6% si informa tramite i social media e il web. Tra chi si affida alle etichette, il 34% preferisce il Nutrinform Battery e soltanto il 17% predilige il Nutriscore, aspetto da non sottovalutare riguardo a un tema che sta dividendo l’Europa: “un dato importante - commenta Confagricoltura - che rivela come anche i consumatori preferiscano il sistema a batteria proposto dall’Italia rispetto al meno esaustivo e fuorviante sistema a semaforo”. La salute per i cittadini del Belpaese non è un optional ma una necessità che passa anche dalla tavola. Il 76% ritiene infatti che per stare bene occorra seguire una dieta quanto più varia e completa che includa tutti gli alimenti, mentre il 24% sostiene che un regime alimentare salutare debba eliminare del tutto cibi ad alto contenuto di grassi, sale e zucchero. Dalla ricerca emerge una fotografia dettagliata delle motivazioni di acquisto dei consumatori e in particolare dei metodi e canali attraverso cui si informano per seguire uno stile di vita salutare. “E’ pertanto necessario - aggiunge il segretario generale Agronetwork, Daniele Rossi - che il sistema di etichettatura sia chiaro, non fuorviante e tenga conto delle porzioni. Non a caso gli italiani vorrebbero che il Nutrinform Battery fosse il riferimento per l’Europa”.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli