02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
UE

I negoziati europei respingono la proposta dell’Estonia di aumentare le tasse sul vino in Ue

Pericolo scampato: la direttiva, che avrebbe legato le accise al grado alcolico, minaccia ancora le esportazioni enoiche di Francia, Italia e Spagna
TASSE, UE, vino, Mondo
Il Consiglio Europeo boccia la proposta di modifica della tassazione ai prodotti alcolici

Pericolo scampato: almeno per ora, la proposta dell’Estonia, convalidata dalla presidenza rumena della Ue, di tassare le bevande alcoliche prodotte in Europa non in base al volume, come previsto dalla direttiva attuale, ma al grado alcolico, è stata respinta dagli ultimi negoziati europei. Una proposta, la direttiva 92/83/CEE del Consiglio Europeo, osteggiata con forza da Italia, Spagna e Portogallo, perché avrebbe colpito in prima istanza il vino, aprendo ad una possibile stretta sulla tassazione che avrebbe messo a repentaglio la sua competitività sui mercati mondiali, mentre la Francia ha assunto una posizione più sfumata, creando un certo malcontento tra i viticoltori d’Oltralpe. Del resto, lo stesso Ministro dell’Economia francese, Bruno Le Maire (ed ex Ministro dell’Agricoltura, tra il 2009 ed il 2012), come ricorda il magazine “Vitisphere”, in una lettera del 18 luglio riconosceva come “questa proposta, che si inserisce nel contesto di una proposta contro l’alcolismo e la protezione della salute pubblica, potrebbe portare a penalizzare, in particolare, le esportazioni di vino francese”. Per ora, così, vige lo status quo, ma non è detto che il dossier estone non torni sulle scrivanie del Consiglio Europeo, per questo tra gli eurodeputati del Mediterraneo l’allerta è ancora alta.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

TAG: TASSE, UE, vino

Altri articoli