02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
L’AGENDA WINENEWS

I sommelier al Congresso Ais, le “bollicine su Trento”, i vignaioli al Mercato Fivi: ecco gli eventi

La Fondazione Lungarotti firma la mostra “Muvit Mamo Moo”. Per Vinitaly è tempo di Wine2Wine. Oggi Cacciucco e Bagna Cauda Day. Uno sguardo al 2020

Ci sono i sommelier, in Congresso Nazionale con l’Ais-Associazione Italiana Sommelier, la più antica del settore in Italia e la più grande (40.000 iscritti) guidata da Antonello Maietta, a Verona (fino al 24 novembre), per parlare di enoturismo e del ruolo del sommelier nell’accoglienza turistica. Ci sono le amate bollicine, protagoniste di “Trentodoc: Bollicine sulla città” a Trento (fino all’8 dicembre), la kermesse dedicata al TrentoDoc, la
Denominazione che raccoglie le prestigiose bollicine italiane di montagna, tra incontri nella città ed itinerari tra le più importanti case spumantistiche del territorio, con Palazzo Roccabruna, sede dell’Enoteca Provinciale del Trentino cuore della kermesse e delle degustazioni, “Happy Trentodoc. L’aperitivo 100% trentino” del Consorzio TrentoDoc e “Trentodoc in Cantina”. E ci sono quei vignaioli che “coltivano le loro vigne, imbottigliano il proprio vino, curando personalmente il proprio prodotto, vendendo tutto o parte del suo raccolto in bottiglia, sotto la propria responsabilità, con il proprio nome e la propria etichetta”: da domani al 25 novembre torna il Mercato dei Vignaioli Indipendenti della Fivi (Piacenza Expo), oltre 600 vignerons da tutta Italia - e con ospiti dalla Francia - guidati da Matilde Poggi, tra degustazioni guidate dagli stessi vignaioli - da Vittorio Adriano a Bruno De Conciliis, da Walter Massa a Mario Pojer alla scoperta dei vini Fivi di Sicilia, Toscana, Piemonte, Puglia e Emilia Romagna - la premiazione del Vignaiolo 2019 e gli Artigiani del cibo. Sono tanti gli eventi tra i più attesi del mondo wine & food segnalati in agenda da WineNews. Occasione anche per visitare o tornare a visitare uno dei luoghi più belli del mondo del vino: il Muvit-Museo del Vino di Torgiano della famiglia Lungarotti, dove la Fondazione Lungarotti cura l’originale mostra “Muvit Mamo Moo - Un filo rosso tra arte e vino” dell’artista Massimiliano MaMo Donnari tra le oltre 3.000 opere che raccontano 5.000 anni di storia del vino (da domani al 12 gennaio; una selezione di opere di MaMo è esposta in contemporanea alla Banca Generali a Perugia). Il tutto aspettando “Wine2Wine”, il business forum firmato Vinitaly, a Verona (25-26 novembre), articolato in 70 sessioni di lavoro che coinvolgeranno oltre 100 relatori italiani ed internazionali che parleranno di vino e sostenibilità sociale, tecnologia ed innovazione e mercati, e dove saranno annunciati i 100 produttori italiani protagonisti di “OperaWine”, il prologo firmato Wine Spectator a Vinitaly 2020.
Oggi è il Cacciucco Day, tradizionale festa che omaggia il più famoso dei piatti livornesi, dedicata alla memoria dello “chef-pescatore” Luciano Zazzeri, scomparso nei primi mesi dell’anno e alla sua famiglia che ha confermato la stella Michelin al suo ristorante La Pineta a Marina di Bibbona, attivo da oltre 50 anni e aperto come una semplice “baracca” di legno sulla spiaggia. L’iniziativa è ideata dal ristorante Alcide e realizzata stasera nello stesso ristorante per ricordare la zuppa di pesce nata a bordo delle barche dei pescatori livornesi intorno al Cinquecento. Un piatto tipico della tradizione piemontese, ma amatissimo in tutto il mondo da migliaia di bagnacaudisti: da oggi fino al 24 novembre torna anche il Bagna Cauda Day, firmato dall’Associazione Astigiani. Con tanti eventi nell’evento come in Piazza Statuto nel cuore di Asti, l’accensione del fujot gigante per mano di Carlin Petrini, fondatore di Slow Food e “padre” di Terra Madre, a cui sarà assegnato il premio Testa d’Aj 2019, che va ogni anno a chi ha dimostrato di saper andare controcorrente (sarà assegnato anche a Giacomo Ghiazza, autore di story board per le principali Case cinematografiche di Hollywood, e al pittore Paolo Fresu, autori dei Bavaglioni), e che darà così il via alla “maratona” più profumata dell’anno (stasera). A precedere la cerimonia, nell’ex Sala Consiliare del Comune di Asti l’incontro “La bagna cauda merita l’Unesco?”, sul progetto di candidatura a Patrimonio Culturale Immateriale Unesco con, tra gli altri, gli assessori all’agricoltura della Regione Piemonte e Liguria Marco Protopapa e Stefano Mai, il direttore del sito Unesco Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato Roberto Cerrato, il presidente del Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato Filippo Mobrici e i sindaci del territorio. E il 23 novembre allo scoccar della mezzanotte torna il Barbera kiss, il bacio che sfida ogni afrore. Ma anche la Bagna Cauda Pax (24 novembre), un incontro a tavola tra uomini e donne di fedi diverse in collaborazione con l’associazione Italia-Israele e la comunità di musulmani Oasis: una cuoca ebrea, Daniela Diveroli, e una di origini musulmane, Zoulikha Laradji, cucineranno insieme la bagna cauda, con la supervisione di Pina e Piero Fassi, storici contitolari del Gener Neuv, nello Storico Refettorio del Seminario concesso dal Vescovo di Asti Marco Prastaro e in collaborazione con la cooperativa No Problem. Cuore dell’evento sono però i 150 i locali dell’Astigiano, del resto del Piemonte e all’estero che, con più di 16.000 posti a tavola, daranno vita alla più grande bagna cauda collettiva e contemporanea al mondo (la formula è sempre la stessa: prezzo della bagna cauda fisso a 25 euro dal ristorante stellato alla trattoria, il vino proposto a 12 euro a bottiglia e chi vuole, può scegliere il “finale in gloria con tartufo”). Una parte degli utili dell’evento saranno devoluti in opere di concreta solidarietà dall’Associazione Astigiani.

Uno sguardo agli eventi del 2020? Ecco le segnalazioni a WineNews, da Aspettando Radici del Sud ad Aspettando VitignoItalia, da Grandi Langhe a Buy Wine & Anteprime di Toscana, fino all’Anteprima Sagrantino
A partire da novembre e fino alla fine di maggio torna la rassegna Aspettando Radici del Sud, una serie di appuntamenti pensati per approfondire la conoscenza dei vini da vitigni autoctoni del Meridione per prepararsi all’edizione di Radici del Sud, in programma al Castello Normanno Svevo di Sannicandro di Bari (9-15 giugno): dal 17 al 19 dicembre, tra Sannicandro di Bari e Minervino Murge, si svolgerà la rassegna itinerante “Storia, Geografia, Scienze sociali del vino e del cibo del Sud” con laboratori, attività e dibattiti per rilanciare il tema dell’alimentazione sostenibile anche dal punto di vista del rapporto tra dieta e salute, e una degustazione dei 75 vini autoctoni del Meridione d’Italia premiati al Salone del vino di Radici del Sud 2019, abbinati a piatti tipici realizzati dai cuochi della Masseria Barbera e di Aromi Bistrot di Sannicandro di Bari. Una grande degustazione con circa 100 aziende provenienti da 15 Regione italiane, per oltre 500 etichette ai banchi d’assaggio è invece il cuore dell’Anteprima VitignoItalia 2020, all’Hotel Excelsior a Napoli (25 novembre), preview autunnale dedicata al vino italiano e che anticipa, come di consueto, l’appuntamento con VitignoItalia 2020, il Salone dei Vini e dei Territori Vitivinicoli Italiani in programma nella suggestiva cornice di Castel dell’Ovo nel prossimo mese di maggio. Un’anteprima in cui si parlerà anche di “Sala e Vino: l’importanza del fattore umano” con Livia Iaccarino, del ristorante Don Alfonso 1890, Alessandro Perricone, del ristorante Relæ di Copenaghen, e i giornalisti Eleonora Cozzella, firma di La Repubblica -L’Espresso, e Giuseppe Cerasa, direttore de Le Guide di Repubblica, e con Giuseppe Palmieri, maître e sommelier dell’Osteria Francescana di Modena, nuovo ambasciatore di VitignoItalia.
A dare il via ufficialmente alla lunga stagione delle Anteprime del vino italiano sarà Grandi Langhe 2020, l’evento dedicato alle nuove annate di Docg e Doc di Langhe e Roero, a partire dal Barolo 2016, Barbaresco 2017 e Roero 2017, di scena il 27 e 28 gennaio al Palazzo Mostre e Congressi di Alba (che ospiterà anche seminari di approfondimento sulle MeGA-Menzioni Geografiche Aggiuntive di Barolo, Barbaresco, Roero, Dogliani e Diano, condotti da Alessandro Masnaghetti), e che da questa edizione n. 5 diventa annuale. In regia due Consorzi di tutela: il Consorzio del Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani e il Consorzio Tutela Roero. E anche nel 2020, Grandi Langhe si allea e segue a ruota Nebbiolo Prima, l’anteprima organizzata dall’Albeisa - Unione Produttori Vini Albesi per la stampa specializzata. A seguire, compie 10 anni il format Buy Wine, il principale evento business italiano per la promozione del vino toscano, con 250 aziende vitivinicole che si confronteranno con 230 buyer provenienti da tutto il mondo a Firenze (Fortezza da Basso, 7-8 febbraio). E dopo una settimana, il 15 febbraio, sempre a Firenze si inaugureranno le Anteprime di Toscana, evento di presentazione delle nuove annate dei Consorzi toscani del vino che scelgono di presentarsi tutti assieme, con PrimAnteprima, e, a seguire, da Firenze ai territori, debuttano sulla scena le nuove annate di Chianti, Chianti Classico, Vernaccia di San Gimignano, Nobile di Montepulciano e Brunello di Montalcino. Ci si sposta poi, come da tradizione, in Umbria per l’Anteprima Sagrantino del Consorzio Tutela Vini Montefalco e la presentazione dell’annata 2016 a Montefalco (24-25 febbraio), tra il tasting e le visite in cantina, le Masterclass ed i concorsi per sommelier professionisti “Gran Premio del Sagrantino” e per giovani fumettisti “Etichetta d’Autore”.
Tornando in Toscana, tra gli eventi da non perdere c’è un altro storico compleanno: 20 anni fa apriva le porte l’Osteria di Passignano, nata nel 2000 in uno dei borghi più suggestivi del Chianti Classico, accanto all’abbazia medievale di Badia a Passignano, grazie all’incontro tra Marcello Crini, grande conoscitore e appassionato della cultura enogastronomica toscana e chef del gruppo Jre, e la Antinori, storica famiglia del vino italiano e toscano, proprietaria dei vigneti circostanti l’abbazia, dai quali produce il Chianti Classico Gran Selezione “Badia a Passignano”, affinato nelle storiche cantine di invecchiamento sottostanti il monastero. Per celebrare la storica ricorrenza c’è un programma di eventi promosso dal ristorante, stella Michelin dal 2007 e che vede oggi ai fornelli lo chef Nicola Damiani, insieme alla famiglia Antinori, fino al 30 ottobre 2020 ricco di cene con chef stellati come Gennaro Esposito de La Torre del Saracino di Vico Equense (2 marzo), due Charity Dinner servite all’interno della Badia di Passignano per il completamento del restauro del complesso monastico e dell’affresco del Ghirlandaio conservato al suo interno in collaborazione con Dario Cecchini dell’antica Macelleria Cecchini e con la partecipazione di Carlo Giusti, primo produttore del Prosciutto di Piccione in Italia (a marzo e settembre), ma anche “Incontriamoci”, un’iniziativa per gli under 35 con menù degustazione limited edition dedicato per tutto l’anno con degustazione dei vini delle tenute Antinori ad un prezzo privilegiato (50 €). A seguire cene degustazione dedicate ad importanti Maison di Champagne (a dicembre Moon Import, a marzo Perrier Jouët, con la guida del responsabile di sala Simone Caccia), un programma di corsi di cucina in collaborazione con la Scuola di Arte Culinaria Cordon Bleu, e la partecipazione all’iniziativa Ristoranti contro la fame, con il piatto rappresentativo dello chef Nicola Damiani dedicato alla raccolta fondi per la campagna di azione contro la fame dei bambini nel mondo. E dopo l’apertura dei festeggiamenti il 30 ottobre con la cena “Come eravamo” che ha visto il ritorno in cucina dei due chef che hanno ottenuto insieme la stella Michelin nel 2007, Damiani e Matia Barciulli (oggi coordinatore Tecnico F&B di Marchesi Antinori), in un percorso nei piatti che hanno fatto la storia del ristorante accompagnati da una degustazione di vecchie annate di Badia a Passignano Chianti Classico Docg Gran Selezione di Antinori, il gran finale sarà la cena “Come Siamo”, dedicata all’identità ed alla brigata attuale della cucina di Osteria. E il 1 novembre è partita dalla Toscana anche la sfida annuale e globale Challenge Vegetariana lanciata dall’associazione culturale italiana senza scopo di lucro Italian Dining Summit e ideata dal professor italo-australiano Armando Cristofori con lo chef toscano Paolo Baratella. Per partecipare basta caricare nel gruppo Facebook Italian Dining Summit Vegetarian Members & Friends una foto/slideshow, o video/Gif che mette in mostra un piatto vegetariano consumato/preparato a casa o in un’attività ristorativa, facendosi poi votare a suon di “Mi Piace”, “Commenti” e “Condivisioni”. A partire dal 17 dicembre 2019 fino al 17 novembre 2020 verranno premiati i 10 vincitori mensili a livello globale, in collaborazione con enti locali nel territorio di provenienza del vincitore.

Gli eventi dal Nord al Sud del Belpaese: dall’Alto Adige al Veneto
Fino al 24 novembre a Naturno, in Alto Adige, è di scena l’edizione n. 15 delle Giornate del Riesling, una vera e propria kermesse dedicata alla “regina delle uve bianche”, vitigno tra i più prestigiosi al mondo, capace di esprimere al meglio il carattere dei terroir in cui cresce, senza mai tradire la sua forte individualità. Durante le cinque settimane delle Giornate del Riesling si potranno degustare vini locali e internazionali o prendere parte a cene tematiche firmate da rinomati chef, accompagnate da ottime bottiglie di Riesling.
Se dopo la seconda acqua alta più grande di sempre che ha colpito Venezia e la laguna, l’Osteria Contemporanea e il Wine Resort di Venissa e Casa Burano hanno riaperto subito i battenti, il progetto di ospitalità a 360 gradi della famiglia Bisol torna alla normalità anche con un calendario di eventi che va dalla Festa d’Autunno a Venissa (24 novembre) a cene a tema come quella delle Ostriche (Venissa è l’ambasciata italiana di quelle di Bretagna, 14 dicembre), aspettando Natale e Capodanno, ma anche una Mostra di Andrea Tagliapietra, artista emergente di Burano (fino al 6 gennaio). “Durello and Friends”, la rassegna dedicata allo spumante autoctono di montagna torna invece Verona il 24 e 25 novembre al Palazzo della Gran Guardia, con 30 case spumantistiche, 100 vini in assaggio e tante degustazioni assieme ai Consorzi Vini Lessini Durello, Formaggio Monte Veronese Dop e Asiago Dop. Restando a Verona torna puntuale Versi in Bottega la rassegna organizzata dall’Antica Bottega del Vino e le Famiglie Storiche, quest’anno con sei incontri dedicati alla cultura e alla curiosità, tra poesia, sport, mito e leggenda, ai quali parteciperanno di volta in volta esperti sul tema, oltre a Luca Nicolis, oste in veste di narratore, e l’attore teatrale di Casa Shakespeare Solimano Pontarollo, con musica a cura di Fabio Casarotti. Il 28 novembre incontro dedicato all’eroe nazionale scozzese William Wallace, spazio poi alla musica con Omar Pedrini il 19 dicembre e ad un argomento sportivo con l’indimenticabile coppia Coppi-Bartali il 30 gennaio; quindi il 27 febbraio la poesia, con Alda Merini a 10 anni dalla sua scomparsa, e, infine, il 26 marzo, il vino, argomento caro alla Bottega e il suo ruolo nella sacralità con l’incredibile storia di Dom Perignon.

Da Milano a Torino
Tenoha, a Milano, ospita domani il famoso chef giapponese Hirohiko Shoda, protagonista di programmi di successo quali “Ciao, sono Hiro” e “Hiro in Japan”, in onda su Gambero Rosso Channel, che presenterà il suo nuovo libro “Washoku, l’arte della cucina giapponese”, negli spazi &|WORK del concept store. Il volume attraverso tecniche, ricette e strumenti, racconta la filosofia culinaria della terra del Sol Levante. Il 25 novembre l’Hotel The Westin Palace di Milano fa da sfondo invece alla presentazione della Guida Viniplus 2020 del’Ais-Associazione Italiana Sommelier Lombardia e con l’occasione verrà allestito il Banco di Degustazione delle Eccellenze Vitivinicole Lombarde. Lo stesso giorno un gelato, un giallo e la Commissaria Gelata, dalla Sicilia con amore, sono gli ingredienti dell’incontro a La Scuola de La Cucina Italiana, promossa da Domori, in collaborazione con Condé Nast, omaggio a una Regione la cui ricchezza è inesauribile fonte di ispirazione per tutti gli appassionati di sapori e buona cucina. A parlarne, Roberta Corradin, giornalista, foodwriter e scrittrice, e Gianluca Franzoni, fondatore e presidente di Domori, a partire dal nuovo romanzo giallo della Corradin “Piovono mandorle” (Piemme, 2019) ambientato a Scicli e con protagonista la Commissaria Gelata, e con una degustazione da Gelato Libre in abbinamento con il tartufo Appennino Food Truffle. E a Milano è il Four Seasons Hotel a rendere omaggio alla meravigliosa e variegata storia di due prodotti italiani eccezionali come il tartufo e il vino, con il nuovo Executive Chef Fabrizio Borraccino che propone al ristorante La Veranda un nuovo inedito menu con Savini Tartufi e Montevertine Vini (fino al 7 dicembre). Milano che ospita anche la seconda edizione di The Milan Coffee Festival (Superstudio Più, 30 novembre-2 dicembre), e nell’attesa, gli appassionati di caffè possono avere un assaggio il 27 novembre entrando a far parte del Coffee Club e partecipando al rendez vous “Love&fiocc e un po’ di caffè”, un salotto esclusivo nel cuore di Brera (Via Fiori Chiari, 14), che accoglierà le conversazioni, tra una tazzina di caffè e l’altra, tra la blogger Giulia Torelli e la giornalista Annalia Venezia dispensando preziosi consigli su come gestire l’amore al tempo dei socia. Eataly Smeraldo lo stesso giorno promuove un tour delle Pizze del Territorio, realizzate in collaborazione con Slow Food, 9 pizze speciali, oltre alla classica Margherita, che esaltano i prodotti tipici e difesi dal progetto dei Presìdi, presentate da Francesco Pompilio, maestro pizzaiolo di Eataly, e proposte in abbinamento ad una selezione di birre artigianali, mentre il 28 novembre una cena che vedrà come protagonista l’ingrediente più pregiato di questa stagione, il tartufo. Prima però ci si sposta a Cremona, il 26 novembre, al Ristorante Il Violino per una serata dedicata all’utilizzo dei piatti in cucina con Provolone Valpadana, Chianti ed Asti nel ciclo di appuntamenti “Dop Wines And Cheese Communication”, un programma realizzato in collaborazione tra il Consorzio Tutela Provolone Valpadana, il Consorzio per la Tutela del Vino Asti ed il Consorzio Vino Chianti, per sensiblizzare il consumatore su tematiche del settore agroalimentare del nostro Paese, ancora oggi poco conosciute. Sempre in città fino al 24 novembre gli amanti del torrone possono trovarne una gran varietà in tutte le vie del centro storico, grazie alla Festa del Torrone: dal classico cremonese cotto per 12 ore sul quale l’azienda Rivoltini Alimentare Dolciaria stampa a mano la raffigurazione dello storico matrimonio degli Sforza alle torte in torrone.
L’European Tea Show, l’evento fieristico esclusivo che si rivolge agli appassionati e agli esperti del mondo del tè torna nel Gourmet Food Festival al Lingotto Fiere di Torino (da oggi al 24 novembre). I ristoranti di Eataly Lingotto ospitano invece un ciclo di cene tematiche dedicate interamente all’autunno, ai sapori del bosco e alla grande tradizione piemontese: si parte stasera con la Cena della bagna cauda, il 28 novembre torna invece l’appuntamento con la Cena con il produttore con il tema “Nebbiolo Roc(K)!”, non può mancare poi la Cena del Bollito il 29 novembre, fino alla Cena al buio il 4 dicembre. Spostandosi nel cuore delle Langhe, il 23 e 24 novembre torna il Rendez-vous sulla Strada del Barolo, weekend dedicato ai wine-lovers e agli amanti delle Langhe, con una serie di proposte per conoscere cantine e produttori, enoteche, ristoranti, agriturismi e musei associati alla Strada del Barolo e grandi vini di Langa, da Costa di Bussia all’Enoteca Regionale Piemontese Cavour, dai Fratelli Serio & Battista Borgogno a Josetta Saffirio, da Rizieri a Rocche Costamagna, da Sordo Giovanni a Terre del Barolo, dall’Agriturismo Il Cortile al ristorante La Crota, senza dimenticare il WiMu-Museo del Vino a Barolo. E il pregiato tartufo continua ad essere protagonista alla Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, la numero 89, che fino al 24 novembre porta nel cuore delle Langhe appassionati e foodies, alla scoperta, o riscoperta, di tutte le anime del tartufo.

Dall’Emilia Romagna alla Toscana, fino a Roma
Il 25 novembre alla Pizzeria Sp.accio di San Patrignano a Coriano i ragazzi della Comunità e Birra Amarcord presentano un nuovo prodotto nato dalla loro collaborazione. Lo stesso giorno la Regione Emilia Romagna a Bologna ospita il convegno di AppenBio in cui saranno presentati i primi risultati del progetto, con Alce Nero capofila, nato con l’obiettivo di restituire valore e competitività ai territori dell’Appennino attraverso la creazione di un nuovo paradigma di cibo biologico che mette al centro la salute e di un modello imprenditoriale sostenibile e riproducibile.
Stare insieme, giocare, fare e ascoltare musica per difendere l’ambiente, promuovere il territorio e combattere la produzione eccessiva di plastica e i danni che provoca all’ecosistema, è l’obiettivo di #LaSfida, roadshow di Sorrisi e Canzoni Tv, che vede tra i partner il Grana Padano Dop, con tappe nei centri commerciali “I Gigli” di Firenze domani e all’Elnos Shopping di Brescia il 30 novembre. Con “Girogustando” tutta l’Italia del gusto s’incontra in cucina: nelle terre di Siena torna il calendario di appuntamenti che nasce da veri e propri “gemellaggi gastronomici”. Protagonisti 14 cuochi con esperienze e percorsi professionali differenti che saranno impegnati a mettere in dialogo la loro creatività, per costruire sette differenti menù ciascuno dei quali sarà realizzato a quattro mani. Un modo insolito anche per scoprire alcuni dei borghi e degli angoli più belli della terra di Siena, dove si concluderà il 28 novembre a Pienza, dove il ristorante Dal Falco proporrà un menù ideato con il Konnubio di Arenzano (Genova). Intanto anche in Toscana, il tartufo è ancora protagonista alla Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco di San Miniato (fino al 24 novembre).
Il 24 novembre Auditorium della Conciliazione a Roma Gambero Rosso presenta la guida Berebene 2020 accompagnandola con la degustazione dei vini premiati. Da Eataly Roma è scoccata invece l’ora della pizza: fino al 24 novembre è di scena la Settimana della Pizza e dei Pizzaioli dedicata al piatto italiano per eccellenza, con una carrellata di pizze preparate da alcuni fra i migliori interpreti italiani, scelti fra pizzaioli emergenti e affermati, senza contare il faro puntato su focacce e pizza alla pala e sui corsi dedicati a chi vuole cimentarsi nella preparazione della pizza a casa. Ci si sposta a Rieti, domani, al Ristorante La Foresta per “Giro d’Italia”, banco d’assaggio che unisce in un unico evento più di 100 grandi e piccoli produttori di vino italiani ed internazionali per oltre 600 etichette e le eccellenze dell’enogastronomia di Rieti e del Centro Italia, promosso dall’Ais Rieti e Copagri Lazio. Un luogo magico, anticamente molino per la farina, oggi studio d’arte e artigianato, a Cori, invece, in pieno centro storico, dove Martino Antocchi (artista/artigiano) realizza le sue ceramiche e crea i suoi impasti, il 24 novembre diventa location per un evento in cui gli “Impasti” saranno protagonisti: Roberto Perticaroli di Slow food Latina, impasterà la storia, aiutando a riscoprire la bellezza della relazione “ceramica cibo”; Stella Schiavon, contadina e panificatrice, di Kore Casa delle Erbe e del Pane, e Martino Antocchi del Laboratorio Antocchi impasteranno farine di antiche varietà di grani locali autoprodotti e la terra.

Dall’Abruzzo a Napoli, fino in Puglia
Il 27 novembre all’Hotel Miramare a Marina di Città Sant’Angelo (Pescara) la Confraternita del Grappolo presenta “Akinas. Antichi Vitigni della Sardegna”, con la degustazione di 10 vini condotta dall’agronomo coordinatore del progetto Gianni Lovicu.
Con #pizzAward MySocialRecipe il 26 novembre nel Molino Caputo e con la premiazione nella corte di Palazzo Caracciolo MGallery by Sofitel a Napoli premia i ricercatori Annamaria Colao, Silvano Gallus e Bruno Siciliano per il contributo dato alla conoscenza e al miglioramento di questo prodotto che è l’emblema del made in Italy nel mondo, e incorona il miglior pizzaiolo al mondo secondo la giuria composta dai giornalisti Anna Scafuri, Giuseppe Cerasa e Tommaso Esposito, Alessandro Circiello, dirigente della Federazione Italiana Cuochi Fic e personaggio televisivo, e Patrizio Roversi.
Il 25 novembre The Nicolaus Hotel a Bari ospita la “Vinoway Sparkle Selection”, evento di Vinoway Italia con il magazine Vinoway.com e patrocinio dell’Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia interamente dedicato alle bollicine italiane per promuovere il confronto e la valorizzazione della miglior produzione spumantistica nazionale alla presenza di aziende, consorzi, associazioni di settore, ristoratori, enotecari, albergatori, giornalisti e protagonisti della politica regionale e nazionale e dei winelovers. Si parte con la premiazione dei migliori vini spumanti italiani selezionati da Vinoway; a seguire il convegno “La spumantistica italiana tra produzioni tradizionali e nuove realtà: mercato e territori” con, tra gli altri, Andrea Zanfi, editore ed esperto conoscitore spumanti italiani, Libero Rillo, presidente del Consorzio di Tutela dei Vini del Sannio, l’enologo Mariano Murru, Mauro di Maggio, presidente del Consorzio di Tutela Primitivo di Manduria Dop e Docg, l’enologo Nicola Biasi, Silvano Brescianini della Barone Pizzini e l’attore e regista Lino Pujia; quindi una Masterclass con Metodo Classico, Metodo Italiano, Metodo Ancestrale e la nuova frontiera dei vini spumanti Piwi e, infine, l’apertura dei banchi d’assaggio.

Un evento in tutta Italia
In tutta Italia continua il TheFork Festival, evento web organizzato da TheFork, app numero uno in Europa per cercare e riservare il ristorante online. Fino al 30 novembre - per oltre un mese - 2.000 ristoranti in tutta Italia offrono sconti del 50% alla cassa, bevande comprese e niente coupon. Oltre alle insegne a metà prezzo, una rosa di ristoranti d’autore propone una formula speciale: sono infatti disponibili a seconda dei ristoranti un menù da 49 euro e 69 euro: in base al prezzo cambia anche il numero di portate, ma l’utente può scegliere quelle che più preferisce, senza che vi sia un percorso gastronomico già predefinito.

Uno sguardo oltreconfine
Nell’agenda d’oltreconfine prosegue l’edizione n. 4 della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo dedicata all’“Educazione Alimentare: cultura del gusto”, fino al 24 novembre, per promuovere all’estero l’enogastronomia italiana di qualità con oltre 1.000 attività - tra seminari e conferenze, incontri con chef, corsi di cucina, degustazioni, momenti di approfondimento, concerti e mostre fotografiche - in 300 sedi diplomatico-consolari e Istituti Italiani di Cultura in tutto il mondo, in un progetto ideato e coordinato dalla Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese della Farnesina. Il 25 novembre sarà l’Unione Ristoranti Buon Ricordo a rappresentare ufficialmente la cucina italiana all’Ambasciata d’Italia a Parigi in occasione del Gran Finale della Settimana, valorizzandone i prodotti agroalimentare e la cucina di qualità. La Serata di Gala, nella splendida cornice dell’Ambasciata, sarà riservata a un selezionatissimo gruppo di invitati, che attraverso i piatti preparati dagli chef dei ristoranti del Buon Ricordo potranno fare una sorta di goloso e raffinato “Giro d’Italia gastronomico”, assaporandone prodotti, piatti e vini.
Il 25 e 26 novembre a Mosca il Prosecco Doc è protagonista del “Tre bicchieri World Tour” del Gambero Rosso, con un convegno di presentazione dettagliata agli operatori sia del Prosecco che del territorio di produzione, un evento in collaborazione con “50 Top Italy - Guida dei migliori ristoranti italiani nel mondo” con il Consorzio e l’abbinamento del Prosecco con la pasta, e un concerto dell’orchestra Novaya Rossya accompagnata dalla cantante di fama mondiale Olga Borodina, diretto dal M° Bashmet, e dove le autorità e gli ospiti d’onore brinderanno con Prosecco Doc.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019