02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LA CURIOSITÀ

Il mercato di vino e birra a basso tenore alcolico varrà 2,5 miliardi di dollari nel 2024

Un business diviso a metà tra birra e vino, che crescerà al ritmo del 6,2% all’anno nei prossimi 10 anni, secondo le previsioni di Visiongain
VINI LOW ALCOL, Mondo
Il mercato dei vini e delle birre a basso tenore alcolico varrà 2,5 miliardi di dollari nel 2024

Per tante ragioni, produttive, storiche, tecniche e legali, il tema dei vini e della birra a basso tenore alcolico, o addirittura a zero alcol, è piuttosto marginale, almeno in Italia. Eppure, questa nicchia del mercato, è in forte crescita, con un tasso invidiabile, e continuerà a farlo, secondo le previsioni, ad un ritmo del 6,2% nel prossimo decennio, per arrivare a valere, complessivamente, già nel 2024, 2,5 miliardi di dollari, più o meno divisi a metà tra birra e vino. Un segmento da non trascurare, dal momento che mercati che per i produttori di vino, sopratutto, sono ancora in larga parte da conquistare, come quello dell’area Asia-Pacifico, sono molto aperti a questo tipo di prodotti, e l’area asiatica, per esempio, da sola peserà per oltre il 26% di questo business. Al punto che i grandi colossi del beverage e del vino di tutto il mondo, iniziano a guardarci con attenzione, anche perchè il tema dell’attenzione alla salute è sempre più forte, soprattutto tra i giovani consumatori, ma si fa strada anche tra le fasce più mature, un po’ in tutto il mondo. E quello di proporre vini con poco alcol, che piaccia o meno, potrebbe essere anche un modo per avvicinare quei consumatori che rinunciano ad un calice proprio per il tenore alcolico, il molti casi crescente, dei vini. Lo sostiene un report dell’agenzia di previsioni di mercato inglese, Visiongain.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli