02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
ANALISI

Il peso delle cooperative sull’economia del vino italiano

Aspettando i premiati, il punto sul panorama della cooperazione enoica del Belpaese del magazine tedesco “WeinWirtschaft”
CAVIT, CIV, COOPERATIVE, ITALIA, LAVIS, RIUNITE, THE WINE NET, vino, Italia
I vigneti di Cavit in Val di Cembra

Le 105 aziende più importanti del vino italiano generano un fatturato di 6,8 miliardi di euro, il 47,35% del volume di affari del settore, e rappresentano il 62,7% delle esportazioni e il 35% delle vendite in Italia. Di queste, 41 sono cooperative, che valgono il 43% del fatturato delle 105 cantine top , rappresentano il 35,5% delle esportazioni ed il 53,7% delle vendite interne. A fare il punto, sul panorama delle cooperative italiane, è il magazine enoico tedesco “WeinWirtschaft”, che ogni anno, a settembre, premia le migliori, non solo per fatturati. Così, nella top 10 non cambia nulla, rispetto ad un anno fa, se non il sorpasso di La Marca, al quinto posto, ai danni di Cantina di Soave, che ha chiuso il bilancio 2019 a 136 milioni di euro.
Non ci sono grandi exploit, tra le cooperative del Belpaese, che consolidano le proprie posizioni, registrando, in qualche caso, cali di fatturato. In testa, Cantine Riunite e CIV, con 623,9 milioni di euro (+1,41%), seguita sul podio dal Gruppo Caviro, a 230,2 milioni di euro (-2,37%) e Cavit, a 191,4 milioni di euro (+0,47%), che, a fine 2019, ha definito l’acquisizione del 100% di LaVis Casa Girelli e Cesarini Sforza e l’80% della società commerciale G.L.V. srl, che commercializza i marchi Cantina La-Vis e Cembra Cantina di Montagna. Più che una novità una conferma è, invece, quella di The Wine Net, rete di sette cantine cooperative unite dal 2017 nella promozione e nella valorizzazione, che, nel 2019, ha visto i bilanci di tutte le associate (Cantina Valpolicella Negrar, Cantina Vignaioli Scansano, Cva, Cantina Frentana, Pertinace, Val d’Oca e La Guardiense) crescere in maniera importante.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli