02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VINO & GRANDI EVENTI

La “Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica” di Venezia n. 78 brinda con il Prosecco

Bellussi si conferma fornitore ufficiale. Nei calici, dalle cene di gala agli eventi prima dei film, anche Rosso di Montalcino e Müller Thurgau

Dalle cene di gala agli eventi prima delle proiezioni dei film, per brindare ai “Leone d’Oro” nei calici dei più importanti attori, registi e produttori internazionali ci saranno le bollicine, ma anche un rosso ed un bianco italiani, nel segno di un sodalizio intramontabile tra il grande cinema ed il vino italiano: dal Prosecco Doc Rosè Brut 2020 al BellusSì Blanc de Noir 2020, dal Belpoggio Rosso di Montalcino Doc 2018 al Lido 1932 Müller Thurgau Doc 2019. Ecco i vini della “Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica” di Venezia n. 78 (Lido di Venezia, 1-11 settembre), protagonisti della prestigiosa Biennale nella selezione di Bellussi, la cantina di Valdobbiadene della famiglia Martellozzo, proprietaria anche della Tenuta Belpoggio tra i vigneti di Brunello a Montalcino, da 13 anni fornitore ufficiale a sostegno della cultura italiana. Tanto che Lido 1932 è la linea di vini bianchi prodotti in Alto Adige, nella Valle Isarco, che suggella proprio la collaborazione con La Biennale di Venezia, in riferimento al luogo in cui si svolge e all’anno della prima edizione.
L’edizione n. 78 sarà aperta da “Madres paralelas” di Pedro Almodovar, vedrà la partecipazione di ben 59 Paesi e conterà 21 film in corsa per il “Leone d’Oro”, di cui 5 italiani: da “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino ad “America Latina” dei fratelli Damiano e Fabio D’Innocenzo, da “Il buco” di Michelangelo Frammartino a “Freaks out” di Gabriele Mainetti e “Qui rido io” di Mario Martone.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli