02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
INNOVAZIONE

“Le Petit Chef”: è il più piccolo cuoco al mondo (6 cm) e “cucina” direttamente sul vostro piatto

All’Hotel Al Bustan Palace, in Oman, si può provare un’esperienza culinaria immersiva grazie alle meraviglie della tecnologia 3D

Immaginate un piccolo chef alto 6 centimetri, con tanto di toque d’ordinanza, che dandosi da fare sopra al tavolo prepara davanti ai vostri occhi i piatti della cena: uno spettacolo che fa strabuzzare gli occhi, e non solo ai bambini, reso possibile dalla tecnologia di mappatura 3D di “Le Petit Chef”, un nuovo concetto di ristorazione temporary, tra realtà e finzione, in cui teatro e cucina si uniscono in un’esperienza immersiva. Si può provare, in esclusiva fino a gennaio 2023, a Al Bustan Palace, a Ritz-Carlton Hotel, sulla costa nord dell’Oman, di recente nominato tra i migliori indirizzi del Medio Oriente da Condé Nast Traveler.
Il piccolo cuoco virtuale prepara diverse pietanze davanti ai commensali, che possono seguire tutti i suoi movimenti direttamente nel piatto in cui mangeranno, e ad ogni scena sono abbinati temi musicali e specifici menu. L’originale progetto del ristorante 3D nasce in Belgio ad aprile 2015 dal collettivo artistico Skullmapping: con l’utilizzo della tecnica del videomapping e della realtà aumentata, il tavolo si trasforma in un display dinamico sul quale si visualizzano le mille storie del personaggio che litiga con l’octopus, taglia verdure giganti e sprofonda in mare inseguendo un pesce enorme. Il format è rivolto a famiglie, amici o coppie e prevede menu per adulti e specifici per i bambini. “Le Petit Chef Premium menu” e “Le Petit Chef classic menu” sono due proposte da cinque portate che comprendono sia carne, sia pesce, “Le Petit Chef Vegetarian”, anche esso con cinque portate per i vegetariani, e immancabile il menù dedicato ai piccoli ospiti, “Junior Chef”, con pietanze pensate per i loro gusti.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli