02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
IL COVID CAMBIA LA SPESA

Meno ipermercati più negozi di vicinato: ricerche on line a +20.000% (dati Nielsen)

Luca Bove (Local Strategy): “gli italiani tendono a visitare maggiormente le attività commerciali non lontane dalla propria abitazione”
COVID, LOCAL STRATEGY, NEGOZI DI VICINATO, NIELSEN, SPESA, Non Solo Vino
Meno ipermercati più negozi di vicinato: ricerche on line a +20.000% (dati Nielsen)

E la spesa diventa sempre più un fenomeno “local” aiutato però dalle nuove tecnologie. Come è noto con la pandemia sono cambiate le abitudini degli italiani ad iniziare da uno dei riti più diffusi: quello dell’acquisto dei generi alimentari. Secondo i dati Nielsen gli acquirenti fanno riferimento maggiore ai negozi di vicinato. Il risultato è che si guarda più alla bottega sotto casa rispetto allo spostarsi in un ipermercato e questo forse è una conseguenza del timore di avere contatti ravvicinati che possono generarsi durante le file agli ingressi. Fatto sta che gli italiani, smartphone alla mano, hanno fatto lievitare le ricerche locali che rappresentano il 73% del totale con quelle riferite alle attività limitrofe che fanno un balzo del +20.000% secondo Google. Dai numeri emerge anche una curiosità, ovvero quella di non conoscere i negozi che ci sono vicini.

La pandemia ha, infatti, permesso a molti consumatori di conoscere nuove attività nella propria zona: non solo prodotti da acquistare, ma anche servizi di assistenza e supporto di vario genere. In questo nuovo quadro è sempre più importante, per piccoli o grandi negozi, sviluppare un’attività di marketing locale. Secondo Luca Bove, ceo Local Strategy, società che opera esclusivamente in progetti di automazione e consulenza per aziende con molti punti vendita che hanno obiettivi drive-to-store, “con il Covid-19 è cresciuto l’e-commerce, ma ci sono molte opportunità per le attività commerciali, sia singoli negozi che grandi catene. Gli italiani tendono a visitare maggiormente le attività commerciali non lontane dalla propria abitazione. Complice il fatto che molte persone non si recano più al lavoro, ma operano in smart working, oppure seguono le restrizioni di movimento del Governo. Così oggi è fondamentale dirigere i consumatori nelle attività di prossimità”.

A dare un prezioso assist alle attività ci pensano le tecnologie moderne che possono segnalare, ad esempio, la distanza per raggiungere l’attività commerciale, la merce disponibile, gli orari, i tempi di attesa per accedere al negozio. “Secondo Nielsen, per quanto riguarda Gdo, la grande distribuzione organizzata, nel corso del 2020, a soffrire maggiormente, sono stati ipermercati e cash&carry, registrando trend negativi del -8,9% e -19,2% mentre discount, negozi specializzati, supermercati e superette si sono mostrati in controtendenza. Secondo Google, i consumatori continueranno ad acquistare sempre più online e nei nogozi fisici. Così i formati multichannel - rivenditori fisici e misti - e i marketplace saranno alla base dell’86% della crescita del retail nei prossimi 5 anni”. Dunque più che una scelta tra la tipologia di spesa (il 73% dei consumatori si dichiara indifferente nell’acqusito tra il canale tradizionale o online) chi acquista si aspetta un’esperienza maggiormente integrata e omogenea mentre continua a spendere su entrambi i canali.

Il trend mostra come il negozio locale abbia delle grosse potenzialità: il 76% delle persone che cercano sui propri smartphone qualcosa nelle vicinanze visita il business entro un giorno mentre il 28% delle ricerche “nelle vicinanze” si traduce in acquisto. “Oggi il consumatore - conclude Bove - si aspetta più che mai approcci integrati, cioè unendo l’esperienza del negozio fisico al digitale. E’ fondamentale quindi avviare una strategia ad hoc per soddisfare le richieste dei clienti in un approccio multicanale”.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli