02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
MARKETING E VINO

Nei Paesi del G7 le ricerche online su “vino” e “vino italiano” portano al Prosecco

Nell’analisi di ByTek, gli interessi dei consumatori legate al vino, dal vitigno al produttore, dai punteggi agli accessori

In Italia il numero di ricerche medie annuali online sul prodotto “vino” è molto più basso rispetto a Francia, Usa e Canada, e se il vino più ricercato al mondo è italiano, ossia il Prosecco, seguito dallo Chardonnay, in Germania si cerca con sempre più interesse “come fare il vino”, mentre in Giappone si cercano corsi per sommelier, con il trend generale di ricerche su vino e vino italiano che è in continua crescita ovunque. È quanto emerge dall’analisi “Il Vino nei Paesi del G7”, firmata dalla società di marketing ByTek, sulle ricerche online tra il 2015 e il 2018 sul prodotto “Vino” e “Vino Italiano” in Italia, Francia, Germania, Uk, Usa, Canada e Giappone. Da cui emerge come, ad esempio, le esigenze dei francesi sono diverse da quelle dei giapponesi, e che dicembre è il mese migliore per organizzare campagne di marketing in paesi come il Canada o la Gran Bretagna. Ma anche che nei Paesi del G7 quando si cerca la parola “vini italiani”, il più richiesto è il Prosecco, con unica eccezione il Giappone, dove si cerca prevalentemente il vino Chardonnay. Seguono quindi il Pinot grigio, il Cabernet Sauvignon, il Ribolla Gialla e il Lambrusco.
In Francia le ricerche specifiche sul vino si concentrano a dicembre con un interesse crescente per composizione e vitigno. Le ricerche sul vino italiano riguardano prevalentemente la parola Prosecco, con un trend positivo per produttori e fonti di informazioni come magazine e guide. Anche in Gran Bretagna le ricerche si concentrano a dicembre, con un forte interesse per la categoria accessori e trend in aumento per acquisti, eventi e magazine/guide. Il Prosecco è il vitigno italiano più ricercato, rispetto al quale c’è un interesse crescente per luoghi e lavoro. In Germania non c’è una stagionalità delle ricerche, mentre il trend è concentrato soprattutto sulla categoria accessori, con un interesse crescente per vitigno, eventi e come fare il vino. Negli Usa si registra un’alta quantità di ricerche generali sul vino e sul vino italiano, rispetto al quale il Prosecco è sempre quello più ricercato, con interesse crescente per i produttori. Trend generale di ricerche in crescita anche in Canada, con stagionalità a dicembre e interesse crescente per acquisti ed eventi, e Prosecco sempre al primo posto per quanto riguarda le ricerche sul vino italiano. In Giappone invece il vitigno nostrano più “digitato” è Chardonnay, con un interesse crescente per le regioni di produzione e i corsi di sommelier.
Quando gli italiani cercano il prodotto vino online, cercano principalmente il nome del vino, poi in genere classifiche, produttori e tipologie. Il trend di ricerca è in forte crescita e non ha una stagionalità precisa. La maggior parte delle ricerche sono concentrate nei cluster regione, tipologia e vitigno. Si registra però anche in interesse crescente per acquisto e produttore. Sul vino italiano le ricerche si concentrano ancora sul Prosecco, dove i cluster con elevati trend di crescita sono nome, classifiche e info, con i produttori di Prosecco più cercati che sono Drusian, Soligo e Mionetto. Per quanto riguarda lo Chardonnay, invece, i cluster con elevati trend di crescita sono le classifiche, il nome e le ricette, ed i produttori più cercati si rivelano Banfi e Ca’ del Bosco. Nel caso della Ribolla Gialla i cluster in crescita sono cantine e produttori, il prezzo e la vendita, ed i produttori più cercati Bastianich e Felluga.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

TAG: BYTEK, G7, ONLINE, vino

Altri articoli