02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
MATRIMONI DEL GUSTO

Non solo Spritz: il Prosecco sposa l’Arancia Rossa di Sicilia per dare vita ad un nuovo cocktail

Sono le bollicine made in Italy più amate e versatili, perfette per essere bevute da sole o usate come prezioso ingrediente nella mixology
ARANCIA ROSSA DI SICILIA IGP, PROSECCO DOC, SPUMANTE, vino, Italia
Connubio perfetto tra Prosecco e Arancia Rossa di Sicilia

Il Prosecco non è solo una delle scelte più gettonate per l’aperitivo, ma è anche un elemento prezioso nel settore della mixology, ingrediente imprescindibile di cocktail diventati vere e proprie icone: basti pensare allo Spritz, ormai esportato anche al di fuori dai confini nazionali come simbolo dell’Italian lifestyle. Adesso le bollicine del Prosecco Doc si sposano con l’Arancia Rossa di Sicilia Igp, altra eccellenza made in Italy, in un sodalizio siglato dai due Consorzi di tutela: il risultato è il nuovo cocktail Mimosa Rossa - variante del classico Mimosa, nato nel 1925 - con cui si è brindato a Vicenza Oro, prestigiosa fiera del comparto orafo.
“La collaborazione con l’Arancia di Sicilia Igp - commenta Stefano Zanette, presidente del Consorzio Prosecco Doc - costituisce l’ennesimo esempio di come le eccellenze italiane possano, facendo squadra, conquistare nuove quote di mercato portando sempre più in alto la migliore italianità nel mondo. Il nostro Paese è ricco di preziosità e il loro incontro può far nascere degli abbinamenti straordinari. Questo cocktail ne offre un’interessante dimostrazione”.
“È stato un piacere e un onore accostare il nostro frutto a quello di un prodotto ambasciatore della qualità italiana nel mondo come il Prosecco Doc. Un connubio nato dall’amicizia personale e dalla volontà di difendere la genuinità dei prodotti italiani, a volte ingiustamente sotto tiro” ha detto Gerardo Diana, presidente del Consorzio Arancia Rossa di Sicilia Igp.

Copyright © 2000/2023


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2023

Altri articoli