Slow Wine 2024
Allegrini 2024
MECENATISMO 

Penfolds finanzia progetti sostenibili ed innovativi nel mondo, con il programma “Evermore”

Il colosso australiano punta sui valori del marchio ed innalza lo standard del travel retail, con uno shop avveniristico all’Aeroporto di Singapore

Un importante contributo economico - 200.000 dollari ciascuno - volto a finanziare progetti sostenibili ed innovativi in tutto il mondo: Penfolds, colosso del vino australiano, si fa mecenate e punta a promuovere i valori del proprio marchio attraverso il programma “Evermore”. Si parte dall’Australia come Paese pilota, per poi allargarsi a Francia, Stati Uniti e Cina, con particolare attenzione a tre aree chiave, “Comunità e cultura”, “Enologia del futuro” e “Verso la sostenibilità”. In totale sarà distribuito 1 milione di dollari in cinque anni. Ma il brand, che ha contribuito a far conoscere il vino australiano nel mondo, punta anche a innalzare lo standard del travel retail internazionale, con l’inaugurazione di uno shop avveniristico all’aeroporto Changi di Singapore, un mix sorprendente di tecnologia, arte e grafica.
 “Evermore” è la piattaforma di sostenibilità promossa da Penfold per promuoversi come leader globale e lasciare, secondo l’azienda, un segno positivo nei luoghi e nelle comunità, dando un contributo positivo per un mondo in cui le generazioni future possano prosperare. La prima sovvenzione sarà rivolta a progetti australiani, ma nei prossimi anni potranno partecipare al bando anche altri Paesi. “Evermore riflette l’ambizione di Penfolds di onorare il suo storico passato - afferma Tom King, amministratore delegato Penfolds - creando al tempo stesso un’eredità progettata per avere un impatto positivo per il futuro”.
Le tre priorità strategiche su cui si fonda “Evermore” sono tre: “Comunità e cultura”, che punta a sostenere le comunità, sia locali che globali, affinché prosperino promuovendo la connessione e la cultura; “Enologia del futuro”, volta a promuovere la vinificazione e viticoltura attraverso l’innovazione continua, supportando la prossima generazione di viticoltori audaci e curiosi; “Verso la sostenibilità”, per adottare misure atte a preservare il mondo naturale, concentrandosi su pratiche di produzione a basso impatto. 
Il brand australiano si muove anche nel settore-chiave del travel retail: ufficialmente inaugurato poche settimane fa, il suo nuovo shop-in-shop fa parte dell’enorme corner di vini, liquori e tabacchi “Central Duplex”, situato nel Terminal 3 dell’Aeroporto Changi di Singapore, uno degli snodi centrali del Sud-Est asiatico, con oltre 53 milioni di passeggeri annui. Il negozio propone una vasta gamma di esperienze digitali personalizzate, incluso il programma “Penfolds Digital Sommelier”. 
Il fulcro dello shop è il primo schermo 3D Penfolds, che invita i clienti in un viaggio visivo attraverso la storia del marchio e i pittoreschi vigneti dell’Australia. Inoltre, basandosi sulla campagna “Venture Beyond 2023”, il video mostra un sub che nuota verso gli spettatori: per dare vita al tema subacqueo, Penfolds ha collaborato con l’artista digitale australiana Mikaela Stafford, le cui opere, vividamente animate nel video 3D, creano un’esperienza sensoriale innovativa ed invitano i clienti a esplorare l’ignoto. Il processo di scelta ed acquisto dei vini è facilitato grazie a “Penfolds Digital Sommelier”, un ausilio digitale che punta a semplificare il complesso mondo del vino, offrendo una selezione di etichette personalizzata. Il Sommelier Digitale analizza le preferenze di gusto individuali per guidare gli acquirenti attraverso una selezione di 34 vini Penfolds. “In quest’era di trasformazione digitale - afferma Kristy Keyte, Chief Marketing Officer Penfolds - il nostro obiettivo va oltre la semplice vendita di vino: abbiamo creato un’oasi digitale Penfolds per sfruttare la potenza della tecnologia e creare un’esperienza coinvolgente e indimenticabile per i viaggiatori che attraversano uno degli aeroporti più iconici del mondo”.

Copyright © 2000/2024


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2024

Altri articoli