02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
PIZZA DAY

Pizza Day, oggi è festeggiata in tutto il mondo la pizza, simbolo dell’eccellenza italiana nel mondo

Coldiretti, giro d’affari da 15 miliardi di euro annui. E, intanto, Napoli si prepara alle Olimpiadi della Vera Pizza Napoletana (8-10 luglio)
PIZZA, PIZZA DAY, Non Solo Vino
Oggi è il Pizza Day, la giornata internazionale che festeggia il piatto Patrimonio dell’Unesco

Simbolo di italianità, di cucina semplice ma allo stesso gourmet, di cibo che unisce tutti: la pizza, il piatto tricolore che ha conquistato il palato e il cuore di tutto il mondo, è festeggiata sì tutti i giorni. Ma oggi è un giorno speciale, la sua festa ufficiale: il 17 gennaio è infatti il Pizza Day, e nonostante la vigilia di questa festa non sia stata proprio rosea, con la notizia dell’esplosione di una bomba carta nella storica pizzeria di Gino Sorbillo a Napoli, il settore festeggia con numeri più che positivi. Come afferma la Coldiretti, si parla di un vero e proprio tesoro del made in Italy, con un fatturato annuo di 15 miliardi di euro, generato dagli oltre 127.000 locali su tutto il suolo italiano in cui si sfornano pizze, tra ristoranti, pizzerie e bar, con a fare da capofila la Campania, regione natia della pizza, che vanta il 16% degli esercizi nazionali. Un settore più che in salute, continua la Coldiretti, che ha influenze positive anche nei settori agroalimentari di tutti gli ingredienti che servono a fare una buona pizza: per i circa 5 milioni di pizze sfornate al giorno, afferma la Coldiretti, servono all’anno circa 200 milioni di chili di farina, 225 milioni di chili di mozzarella, 30 milioni di chili di olio di oliva e 260 milioni di chili di salsa di pomodoro.

Ma, come si sa, l’amore per la pizza va ben oltre i confini nazionali: l’arte dei pizzaiuoli, dal 2017 Patrimonio Immateriale dell’Umanità Unesco, è presente anche in Europa e nel mondo. Come chiarisce TheFork, la piattaforma di prenotazione di ristoranti online, sugli oltre 54.000 ristoranti prenotabili attraverso l’app in tutta Europa, quasi 12.000, cioè il 22%, preparano e servono pizza. Ovviamente, in testa c’è l’Italia, con 6.000 ristoranti associati alla piattaforma, seguita da Francia, con più di 2.000 pizzerie, e Spagna, dove le pizzerie sono circa 1.500. Ma ad amare il famoso disco di pasta è anche il Brasile, dove il 29% delle prenotazioni totali è in locali che servono pizza, ma anche la Svezia, dove la percentuale è del 20,3%.

Intanto, in Italia, dove la pizza gioca in casa, le celebrazioni per la pizza durano tutto l’anno: proprio quest’anno l’Associazione Verace Pizza Napoletana compie 35 anni, e per festeggiare in grande stile ha messo in calendario le Olimpiadi della Vera Pizza Napoletana, una gara intercontinentale dall’8 al 10 luglio proprio a Napoli, culla della pizza. Potranno partecipare pizzaioli di tutto il mondo: negli stessi giorni andrà infatti in scena la convention internazionale proprio dedicata al simbolo della cucina italiana, e alla valorizzazione dell’eccellenza gastronomica made in Italy. Una vera e propria Olimpiade quindi, con tanto di gironi di qualificazione: ad iniziare le selezioni dei dream team che si sfideranno nella capitale partenopea sarà il Brasile, dove si sceglieranno i rappresentanti del Sud America, poi la Germania per i rappresentanti d’Europa, e ancora gli States per l’East Coast e il Canada. A chiudere, l’Australia per la rappresentanza dell’Oceania, in Giappone per l’Asia, e la West Coast americana e il Messico.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli