02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
CURIOSITÀ

Quando il regalo di Natale è il ristorante a farlo: l’idea dello chef fiorentino Lorenzo Romano

Nel capoluogo toscano l’“Insolita Trattoria Tre Soldi” ha pensato a “cadeau” per i clienti per un valore e di 70.000 euro in occasione dei suoi 70 ann
INSOLITA TRATTORIA TRE SOLDI, LORENZO ROMANO, NATALE, REGALI, RISTORAZIONE, Non Solo Vino
Lo chef Lorenzo Romano della “Insolita Trattoria Tre Soldi” di Firenze

Regalare una cena a Natale è ormai un “must” dei doni pensati per amici e parenti nella festività più attesa dell’anno. Ma c’è anche chi ha deciso di invertire i ruoli e proporre qualcosa di originale: è il caso dello chef Lorenzo Romano della “Insolita Trattoria Tre Soldi” di Firenze che, per celebrare le festività di fine anno che coincidono con le 70 candeline del ristorante da sempre a gestione familiare, ha pensato ad un’iniziativa per premiare la clientela. In che modo? Mettendo in palio regali per un controvalore di 70.000 euro.
La promozione, chiamata “Doppio Natale”, funziona così: per il mese di dicembre, al momento di pagare il conto, tutti i clienti del ristorante riceveranno una busta sigillata che contiene un omaggio e che dovrà restare chiusa fino a gennaio. Nel corso di quel mese, chi tornerà a cena all’Insolita Trattoria aprirà la busta e scoprirà il regalo: il cadeau può essere una delle dieci “Diamond Card” dal valore di 1.380 euro (cene per due persone per tutto il 2022), una “Gold Card” da 640 euro o una “Silver Card” da 320 euro e così via, per un valore complessivo di 70.000 euro divisi tra oltre 500 buste regalo.
“Volevamo unire i festeggiamenti di fine anno - spiega Lorenzo Romano, 29 anni, chef popolare anche per la sua cucina “camouflage” - con l’inizio delle celebrazioni per i 70 anni della “Trattoria Tre Soldi”, da qualche anno diventata “insolita”, e abbiamo pensato di offrire ai nostri amici e clienti un regalo speciale”.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli