02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
SCENARI MONDIALI

Russia, consumi di vino al raddoppio entro il 2030: così la Russian Union of Viticulturists

Italia leader nell’export, ma i russi, che stimano un consumo di 250 milioni di decalitri di vino tra 12 anni, puntano a produrne almeno 210 milioni

Per l’Italia, la Russia, è un partner strategico in tanti settori, e sta diventando un mercato importante anche per il vino tricolore, con il Belpaese che, nei primi 5 mesi del 2018, secondo Eurostat, ha spedito al Cremlino prodotti per un valore di 38 milioni di dollari (+15%) sul 2017. Anche grazie all’effetto traino della cucina italiana, la più amata nel Paese. E le cose, potrebbero migliorare ancora, visto che, secondo un documento della “Russian Union of Viticulturists and Wine-Makers”, riporta l’agenzia russa Tass, i consumi di vino nel Paese di Putin, da qui al 2030, potrebbero raddoppiare, a arrivare ad un totale di 250 milioni di decalitri all’anno.
Tuttavia, a beneficiarne, potrebbe essere soprattutto la produzione domestica, in cui il Paese sta investendo molto, con il consumo interno che potrebbe toccare gli 84 milioni di decalitri a fine 2018, con i vini stranieri destinati ad arretrare, a 33 milioni di decalitri.
E l’obiettivo a lungo termine, per i russi è quello di una sostanziale autarchia vinicola, poiché dai poco più di 30 milioni di decalitri in cui è stimata la produzione russa 2018, si vuole arrivare ai 210 milioni nel 2030.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

TAG: RUSSIA, vino

Altri articoli