02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
L'AGENDA DI WINENEWS

Shopping natalizio e lezioni di cucina per la tavola delle feste nelle “Cantine Aperte per Natale”

Aria di Festività negli eventi, da “Il Natale dei cinque sensi” da Cantina Tramin ai Ristoratori del Radicchio in Vaticano passando per il NocciolaDay
AGENDA, CANTINA TRAMIN, CANTINE APERTE, NATALE, Italia
Aspettando le Festività le cantine aprono le porte agli appassionati: la Cantina Tramin

Shopping natalizio di vini e prodotti tipici per i regali e le tavole delle prossime Festività, lezioni di cucina, weekend da sogno in affascinanti location illuminate a festa tra i vigneti, visite e degustazioni, bagni benessere nel vino per gli adulti e riscoperta dei giochi della tradizione sotto l’albero per i più piccoli, passeggiate in paesaggi invernali di campagna mozzafiato per tutti: ecco il menu offerto ai wine lovers dalle “Cantine Aperte per Natale”, un ricco cartellone di eventi promosso dal Movimento Turismo del Vino per tutto dicembre fino a Capodanno. Dal Friuli, dove sono i produttori in persona a consigliare il vino per stupire amici e parenti, indicando gli abbinamenti più appropriati e le tendenze del momento, alla Toscana, dove, tra gli eventi, l’8 e il 9 dicembre alla Fattoria dei Barbi, visitando le storiche cantine del Brunello, si assapora il Natale con i dolci e giochi della tradizione per i bambini, mentre “Farine e Sangiovese a Km vero” è un’originale degustazione riservata alla stampa, il 9 dicembre alla Tenuta Mocenni di Bindi Sergardi a Castelnuovo Berardenga, i cui vini saranno abbinati alle pizze gourmet dello chef Tommaso Vatti, sperimentatore di impasti e farine de La Pergola di Radicondoli. E dall’Umbria, dove Lungarotti presenta il libro di poesie e racconti “Circo(scritto)” di Daniele Lillocci sul mondo rurale umbro, con l’autore, Teresa Severini, Giuseppe Moscati, dottore di ricerca in Filosofia e Scienze umane, e Jessica Cardaioli, redattore editoriale Morlacchi Editore (7 dicembre), e propone “Luci in bottiglia”, un laboratorio per i più piccoli al Museo del Vino di Torgiano (Muvit, l’8 dicembre), fino in Puglia, dove le cantine, da Manduria a Castel del Monte, saranno aperte per il Ponte dell’Immacolata (8-9 dicembre). Anche nell’agenda degli eventi segnalati da WineNews si respirà così già aria di Festività. L’8 dicembre, anche la Cantina Tramin apre le porte ai wine lovers per “Il Natale dei cinque sensi”, tra assaggi della nuova annata dei vini bianchi della linea Selezione Nussbaumer Gewürztraminer, Unterebner Pinot Grigio e Stoan Bianco 2017, della strenna natalizia dove il nuovo Pinot Nero Riserva è proposto insieme al Riso Vialone Nano della Riseria Ferron di Isola della Scala e funghi porcini, e una verticale di Terminum Gewürztraminer Vendemmia Tardiva delle annate 2006, 2010, 2013, 2015, visite guidate e specialità gastronomiche dell’Alto Adige, dalle specialità di Schiefer, realtà ittica della Val Passiria, ai formaggi dell’affinater altoatesino Hansi Baumgartner, dallo speck ai salumi della macelleria Bertolini di Egna, dallo Zelten e lo strudel al pane con frutta secca del panificio Mataner Brot alla presenza dei loro produttori (le iniziative continueranno anche nel centro storico di Termeno con Avvento in Cortile con il tradizionale mercatino natalizio nel Cortile del Ansitz Rynnhof).
E fino al 9 dicembre, la meta cult per le bollicine, regine delle Feste, è Trento, dove prosegue “Trentodoc: Bollicine sulla città”, l’evento dedicato al raffinato Metodo Classico italiano di montagna, promosso dalla Camera di Commercio  di Trento in collaborazione con l’Istituto Trento Doc e la Strada del Vino e dei Sapori del Trentino, a Palazzo Roccabruna, sede dell’Enoteca Provinciale del Trentino, che ospita degustazioni e produttori, chef e laboratori, esperti ed approfondimenti, e nei locali della città e del territorio, che animano Happy Trentodoc, un ricco calendario di appuntamenti in cui le bollicine trentine sono abbinate alle specialità della gastronomia di montagna. Si resta in Trentino, per “La notte degli alambicchi accesi”, in programma nelle #trentinowinefest a Santa Massenza di Vallelaghi, dal 7 al 9 dicembre, con la compagnia teatrale Koinè e la partecipazione straordinaria del conduttore Patrizio Roversi in uno spettacolo itinerante dedicato alla storia e alla produzione della grappa trentina con tappe nelle distillerie.
Giorgione, Igles Corelli, Max Mariola, Ciro Scamardella, Massimo D’Addezio, Gianfranco Pascucci e Maurizio Santin, sono i protagonisti di “Vi cuciniamo per le feste”, cena-spettacolo con gli chef di Gambero Rosso Channel, il 10 dicembre al Teatro Vetra a Milano, con Laura Ravaioli nei panni di conduttrice. Scendendo lungo la Penisola, regina delle feste, alla nocciola è dedicato un “NocciolaDay”, l’8 e il 9 dicembre a Fico Eataly World a Bologna, a cura di Clara e Gigi Padovani con le Città della Nocciola e la Fondazione Fico, un salone del gusto con produttori e agricoltori italiani a rappresentare i loro territori e un banco d’assaggo di 30 creme gianduia da spalmare artigianali con la votazione popolare la migliore spalmabile d’Italia, una cena stellata con gli chef Damiano Nigro e Pasquale e Gaetano Torrente con protagonista la carne di Vicciola, prodotta da un macellaio torinese, con vitelli allevati a Cavour con 1 kg di nocciole al giorno, ma anche un convegno economico (8 dicembre) dedicato alle nuove sfide e alle prospettive di sviluppo della nocciola italiana. Da Bologna a Modena, torna la Festa dello Zampone e del Cotechino Modena Igp, dal 7 al 9 dicembre, con tutta la città pervasa dai profumi delle ricette a base di queste due eccellenze della tradizione modenese ideate dai giovani chef delle 38 scuole alberghiere di tutta Italia e dalle 7 scuole tedesche che hanno preso parte al Concorso “Lezioni di Gusto Europeo degli chef di domani”, promosso dal Consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp, selezionate dalla giuria presieduta dallo chef n. 1 al mondo Massimo Bottura per la finale dell’8 dicembre in Piazza Roma.
Un’agenda in cui, curiosamente, si va anche in Vaticano: il 7 dicembre, dopo l’udienza privata con Papa Francesco e l’accensione in Piazza San Pietro del tradizionale albero di Natale proveniente dalla Foresta del Cansiglio e donato dalla Regione Friuli Venezia Giulia e dalla diocesi di Concordia-Pordenone con ai piedi un monumentale presepe fatto di sabbia e creato dagli artisti di Jesolo Sand Nativity, tutti i membri del Consorzio dei Ristoranti del Radicchio, che riunisce i migliori ristoratori della Marca Trevigiana, sono stati invitati a Roma nella Santa Sede per preparare una cena-buffet per oltre 600 persone in presenza delle massime autorità, con 3 quintali di radicchio, 1 quintale di riso, 2o chili di salsiccia veneta, 30 chili di casatella e 100 chili di tiramisù, e, nei calici, il Prosecco Docg, del quale, nell’occasione si promuoveranno le colline Patrimonio dell’Unesco.

Focus - Tutti gli eventi dal Nord al Sud del Belpaese segnalati da WineNews
Dal Veneto al Friuli
La Doc Bardolino festeggia 50 anni brindando con il Chiaretto, vino portabandiera del Consorzio di Tutela del Chiaretto e Bardolino, dall’8 al 10 dicembre a Bardolino, con il concerto Ecce novum gaudium, con i canti e le antiche musica natalizie dell’ensemble di La Rossignol, l’inaugurazione della nuova sede del Consorzio a Villa Carrara Bottagisio e il banco d’assaggio dedicato a “Il Chiaretto che verrà” al ristorante La Loggia Rambaldi sul lungolago, in cui il rosé del Lago di Garda verrà presentato a pubblico e operatori di settore prima dell’imbottigliamento, con il Chiaretto da vasca dell’annata 2018 ed il Chiaretto 2017, con 40 cantine che presenteranno la nuova annata. Fino al 28 marzo, invece, nella storica Bottega del Vino di Verona riparte la rassegna “Versi in Bottega”, con un nuovo format e con la voglia di raccontare, anche in maniera canzonatoria e informale, diversi temi nel cuore degli organizzatori, nella speranza di appassionare e suscitare la curiosità del pubblico, dall’oste della Bottega Luca Nicolis all’attore teatrale di Casa Shakespeare Solimano Pontarollo: il 20 dicembre sarà la volta di Mogol e Battisti, una coppia che ha saputo toccare il cuore di tante generazioni e che ancora oggi resta attuale, il 31 gennaio dell’antologia di Spoon River e di Fabrizio De Andrè, il 28 febbraio di un personaggio controverso, geniale, di cui forse si conosce poco, come Nikola Tesla, e il 28 marzo di un omaggio a Peppino Impastato: un uomo che non dovremmo dimenticare mai.
A Trieste è tempo di “Jotamata”, piatto tipico della città e di una stagione che è un’altra specialità tutta triestina, quella della bora, e che fino al 9 dicembre è possibile assaggiare nei locali “jotimisti”, tra ristoranti e caffè storici.

Da Milano alle Langhe
Il vino e la cucina sono legati non solo al piacere, quanto anche agli affari e al modo in cui la tavola può diventarne mediatrice e luogo ideale: nasce così “Vino e cucina. Dal piacere agli affari”, format-evento innovativo di incontri esclusivi al Neff Collection Brand Store c/o DesignElementi a Milano con cooking class a cura della Joia Academy tenute dal direttore didattico Sauro Ricci, e chef executive del ristorante stellato Joia di Milano, alla scoperta della Sicilia attraverso i piatti del ristorante e i vini di Planeta accompagnati dai racconti di Francesca Planeta e Antonio di Mora, direttore e sommelier del ristorante. Ogni lezione di cucina, a cui i partecipanti (non più di 14 alla volta) prendono parte attivamente, ha un tema diverso legato alla Sicilia e all’incontro tra le etichette della storica azienda siciliana e l’alta cucina vegetariana stellata del ristorante e della scuola di cucina fondati dalle chef Pietro Leemann, e si conclude con una cena per condividere i piatti preparati insieme e accompagnati dai vini e dall’olio di Planeta (22 gennaio, 19 febbraio e 19 marzo). Sempre a Milano anche Coop è protagonista, con “Coop_70. Valori in Scatola”, alla Triennale, la mostra che attraversa settant’anni di storia del leader della gdo italiana attraverso i prodotti a marchio, le scelte, i valori e le pratiche di partecipazione e cooperazione, curata da Giulio Iacchetti e Francesca Picchi su progetto allestitivo di Matteo Ragni e Marco Sorrentino e con il contributo grafico di Leonardo Sonnoli (fino al 13 gennaio). Ma la Triennale ospita anche la mostra “Buoni come il pane”: chef, da Pietro Leeman a Claudio Sadler, designer, scrittori, da Gianni Mura a Erri de Luca, ed artisti hanno creato pani d’autore in mostra sia come pane sia come scultura in ceramica (fino al 13 gennaio, con un’immagine emblematica di Oliviero Toscani), per celebrare i 120 anni di Pane Quotidiano Onlus, l’associazione milanese che assicura ogni giorno, gratuitamente, cibo alle fasce più povere della popolazione, distribuendo generi alimentari e beni di conforto. È un ricco calendario di appuntamenti dedicati alla cultura del vino a 360° alla portata di tutti, quello di Signorvino, l’eno-catena del Gruppo Calzedonia, nei diversi store in tutta Italia, da Firenze a Torino, da Bologna a Merano, animati nel solito momento con la stessa lezione, un breve focus su una tematica specifica: a Milano Duomo, domani, sono i Ferrari Perlè i protagonisti dell’incontro. A La Porta del Vino, dal 10 al 15 dicembre con il Movimento Turismo del Vino Lombardia, è possibile conoscere invece i vini di una delle zone meno note di Lombardia: San Martino della Battaglia, sponda Sud del Lago di Garda, Frazione di Desenzano del Garda molto vicina a Sirmione. Da segnalare, anche un evento solidale, che vede insieme i ristoranti Vivo di Milano e Firenze & la griffe Banfi: per tutto dicembre, Vivo propone ai clienti il Vermentino La Pettegola, nel formato Edizione Limitata (una bottiglia speciale disegnata dall’illustratore Alessandro Baronciani), il cui acquisto servirà a raccogliere fondi per la Fondazione Operazione Vivere a Milano e in favore della Fondazione Tommasino Bacciotti a Firenze.
In Piemonte, il 7 dicembre la Strada del Barolo è al ristorante Casa Ciabotto di Verduno, con “Nebbiolo & Nebbiolo”, due di eventi alla scoperta dei vini a base Nebbiolo delle Langhe confrontati con quelli prodotti in zone diverse, in degustazioni guidate dagli stessi produttori e menu abbinati.

Dalla Toscana a Roma
Dal 9 dicembre al 23 dicembre, Prato, capitale della sweet valley italiana, con più di 60 pasticcerie,  biscottifici e forni con i loro maestri pasticceri, fa da sfondo a “eatPrato winter È Sweet Time”, un dolce cartellone di eventi che invadono musei e palazzi, con performance di pasticceria gourmet e tradizionale, patrimonio nel patrimonio toscano, e degustazioni, tra cui anche quelle dedicate alla Docg del Carmignano. L’11 dicembre a Firenze il ristorante Da Burde del sommelier informatico Andrea Gori celebra l’annata n. 20 di Solengo della storica cantina di Argiano (1995/2015), con una verticale delle annate più rappresentative e la presentazione in anteprima della nuova annata 2016.
Il The Independent Hotel della Capitale ospita stasera una degustazione verticale di Grattamacco della cantina bolgherese del Gruppo ColleMassari, con il sommelier Luca Gardini, un viaggio nelle annate 2007, 2008, 2009, 2010, 2011, 2013, 2014 e 2015, e Diana’s Place. “Le Ricchezze alimentari del territorio e l’offerta turistica” è invece l’evento promosso dalla Regione Lazio e dall’Arsial con la Strada del Vino e dei Prodotti Tipici delle Terre Etrusco Romane, l’11 dicembre all’Enoteca Regionale di Via Frattina. Allo spazio d’arte “Polmone Pulsante” è tornato invece il progetto “Erotic Lunch” (16 dicembre), che avvolge gli spettatori a tavola con l’erotismo e le performance artistiche lungo le suggestive gallerie sotterranee della curiosa location. “Stelle & Calici”, evento promosso da Vite in Riviera, con una serie di cene di chef stellati con i migliori prodotti liguri di stagione e Presìdi Slow Food, in abbinamento ai vini Dop e Igp della Riviera Ligure di Ponente, prosegue con Igles Corelli al Mercerie a Roma (31 gennaio), Gianpiero Vivalda all’Antica Corona Reale a La Morra (28 febbraio) e Marco Sacco al Piccolo Lago a Verbania (28 marzo).

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018