02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
GLI EVENTI

Tra cinema all’aperto, degustazioni e festival “riadattati”, tornano gli eventi wine & food

Film & vino per Feudi di San Gregorio e Rocca di Montemassi, e riparte il Festival Jazz & Wine in Montalcino e il DiVino Festival di Castelbuono

Con ancora qualche timore, ma le persone cercano di ritrovare la socialità e la voglia di incontrarsi, in sicurezza, complice la bella stagione. E non c’è miglior alleato del wine & food, per conciliare convivialità, natura, eventi e voglia di gustarsi del buon cibo e del buon vino, dopo mesi di clausura forzata: riparte così il calendario degli eventi enogastronomici nel Belpaese, adeguandosi all’era post-Coronavirus, dove le parole d’ordine sono distanziamento, poco affollamento, natura e voglia di stare all’aria aperta, in coppia, in famiglia o in piccoli gruppi di amici, evitando posti troppo frequentati e grandi eventi. Come sempre, questo mondo è rapido nello stare al passo coi tempi, con tantissime aziende che propongono serate a numero chiuso, in cui godersi cene esclusive, pic-nic, film o concerti, immersi nei vigneti, tra paesaggi mozzafiato, e in totale sicurezza.
Da Feudi di San Gregorio, griffe campana con aziende in tutto lo Stivale, a Sorbo Serbico, continua “Visionary Night”, kermesse culturale che propone un intrattenimento da abbinare ad un calice di vino e alle specialità a firma Marennà, il ristorante gourmet della cantina. Dal 19 luglio al 30 agosto, tra i suoi filari si va al cinema, con una rassegna dedicata ai celebri film del regista Steven Spielberg, proiettati nell’auditorium esterno (o in un’inedita versione in bottaia, in caso di maltempo). Il programma? “Vino & Pop Corn”, per condividere senza condividere, ad ognuno la sua mezza bottiglia di vino (bianco o rosso come si preferisce) da degustare insieme ai pop corn gourmet dello chef Roberto Allocca. Per chi preferisce un aperitivo in compagnia, l’appuntamento è sopra la cantina per una “Serata Marennà”, prima della proiezione. Nell’una o nell’altra scelta, con posto riservato in auditorium per la visione del film. E anche a Rocca di Montemassi, azienda vitivinicola della Maremma di proprietà della Zonin, il binomio vincente dell’estate è vino & cinema: “Al Cinema con Gusto” e Rocca di Montemassi rinnovano infatti la loro sinergia per il terzo anno consecutivo, con #CineMaremma2020, il format che abbina gusto, degustazioni di vino e film sotto le stelle. Il tutto in linea con la sicurezza e nel pieno rispetto delle regole di distanziamento sociale. I partecipanti alla serata riceveranno un pratico “Dinner box” realizzato in materiale sostenibile, composto da assaggi già sporzionati di cucina locale, da abbinare ai vini dell’azienda. En plein air si svolgerà anche la proiezione: protagonista della serata sarà “Inside Out”, film d’animazione Pixar. Il terzo appuntamento di #CineMaremma andrà in scena il 18 agosto, quando a Rocca di Montemassi, arriverà il regista maremmano Francesco Falaschi, per accompagnare la proiezione del suo primo film “Emma sono io”. E non è tutto: tra gli appuntamenti estivi della griffe c’è anche “Mercoledì Di Vino”, cena al tramonto immersi nel verde e nella natura della Maremma, in scena ogni mercoledì. Una cena di tre portate con i gusti del territorio, abbinati ovviamente ai vini di Rocca di Montemassi.
La ripartenza della griffe marchigiana Sartarelli parte dal suo Museo del Verdicchio, il 24 luglio, con una serata di parole, musica e buon vino intitolata “Calici di Parole - Incontri sotto le Stelle”. Un’occasione unica per ascoltare poesie e brani tratti dalle opere degli scrittori marchigiani Sergio Cardinali e Oscar Sartarelli e per gustare i vini dell’azienda sotto il cielo stellato.
Il 24 e 25 luglio invece, a Suvereto (Livorno), protagonista è il Tuscanio di Bulichella, vermentino Igt nato da vecchie vigne, alle “Notti di vermentino”, due serate dedicate ai vermentini di Suvereto: le degustazioni guidate e su prenotazione prenderanno il via, con 12 produttori di Suvereto, che condurranno gli enoappassionati alla scoperta dei loro Vermentini. L’evento proseguirà nei ristoranti di Suvereto, con proposte culinarie abbinate ai vini bianchi delle realtà partecipanti.
Spazio alla pizza gourmet a “I Weekend del Gusto” di Villa Terzaghi, alle porte di Milano: il 25 e 26 luglio ospiti nomi della cucina d’autore italiana, come chef Daniel Canzian del ristorante meneghino, la chef Lucia Tellone e Franco Stoppa del ristorante Napoleone di Abbiategrasso, daranno agli ospiti la loro personale interpretazione della pizza, con i prodotti d’eccellenza del Belpaese, come il caprino della Lombardia, il fiocco di prosciutto, il primo sale delicato e i formaggi erborinati del famoso casaro abruzzese Antonello Egizi. Si parte, quindi, il 25 luglio con Daniel Canzian, supportato da due maestri pizzaioli d’eccezione, suo padre Claudio Canzian e suo zio Roberto Basso, per creare la pizza Sole Mio; Viva l’Italia, è invece il nome della proposta da Lucia Tellone, con il maestro pizzaiolo Pasquale Moro; Franco Stoppa, in collaborazione con Antonello Egizi, ha invece creato dei bocconcini di focaccia farciti. E si continua il 26 luglio, con la pizza gourmet del maestro pizzaiolo Pasquale Moro, ma anche lo chef Lorenzo Lavezzari, da sempre affascinato dal mondo asiatico.
Dal 25 luglio, poi, Borgo Scopeto, dimora di charme nel cuore del Chianti, apre le porte a tutti gli eno-appassionati: ogni weekend si terranno delle degustazioni dedicate ad alcune delle più importanti etichette di aziende del Brunello di Montalcino come Altesino, Borgo Scopeto e Caparzo. A guidare i tasting Alessandra Angelini che, insieme alla madre Elisabetta Gnudi, si occupa della promozione delle aziende di famiglia. Appuntamento, quindi, con i grandi rossi toscani per tutta l’estate, ogni venerdì e sabato, viaggiando col calice tra il Brunello di Montalcino e il Chianti Classico, immersi nella quiete e nella bellezza di un paesaggio unico.
Dal 25 luglio al 14 agosto, da Primaterra, azienda vitivinicola siciliana, torna “Etna Sapiens”, evento in collaborazione con Ais-Sicilia, che ogni anno, attraverso la scelta del nome, vuole porre l’accento su un aspetto diverso del mondo del vino, in relazione con la natura, l’uomo. Così, dopo “Etna Resilency” nel 2018, ed “Etna Genesis” nel 2019, quest’anno, visto anche il momento storico che stiamo vivendo, la kermesse vuole sottolineare il valore che l’uomo “sapiente”, “conoscente” è in grado di aggiungere agli eventi. Il tutto, attraverso appuntamenti per tutta l’estate, tra seminari e degustazioni, ma anche performance, musica e recitazione.
A ripartire, dopo il lockdown, sono anche gli eventi al Castello di Semivicoli, tenuta di proprietà della griffe simbolo del vino abruzzese Masciarelli: il 26 luglio ospiterà una degustazione guidata en plen air alla scoperta delle tradizioni enogastronomiche abruzzesi. Gli ospiti verranno guidati da esperti sommelier in un viaggio ricco di sapori e profumi attraverso una selezione di etichette della produzione Masciarelli e della distribuzione “Gianni’s Selection”, che hanno reso celebre la cantina in tutto il mondo, facendo da ponte tra la cultura vitivinicola abruzzese e il meglio della produzione italiana e internazionale. La degustazione sarà l’occasione per godere - nel pieno rispetto del distanziamento sociale - dell’ospitalità e dell’atmosfera conviviale che da anni contraddistinguono la famiglia Masciarelli. L’appuntamento sarà anche l’occasione per riscoprire la Tavola di Gianni, il temporary restaurant estivo di Masciarelli, che offrirà un menù di accompagnamento con particolare attenzione agli abbinamenti cibo-vino protagonisti della degustazione.
In Liguria, a Taggia, apre l’Enoturismo Terre del Moscatello, il locale della Rete di Imprese, aggregazione di aziende del ponente ligure, nata con lo scopo di promuovere la vendita di Moscatello, ma anche altri vini e prodotti agricoli, dove fare aperitivi e degustazioni, acquistare i prodotti delle aziende agricole della Rete e anche organizzare i propri eventi: appuntamento tutti i venerdì e i sabati.
Tra le terre dove prende vita il Brunello di Montalcino, torna uno degli appuntamenti più attesi dell’estate e uno dei festival jazz più importanti del nostro Paese, il “Jazz & Wine in Montalcino” (edizione n. 23)rassegna musicale, in scena dal 30 luglio al 2 agosto, voluta da Castello Banfi, azienda simbolo del territorio, e dal Comune di Montalcino, con la storica collaborazione della famiglia Rubei dell’Alexanderplatz di Roma, diventato negli anni dei festival musicali più interessanti e longevi d’Europa. Si apre il 30 luglio, nella suggestiva cornice del Castello di Poggio alle Mura, con un grande ritorno, quello di Nick the Nightfly. La storica voce di Montecarlo sarà accompagnato dal suo storico quintetto per un concerto che si preannuncia ricco di sonorità e contaminazioni musicali, come solo il jazz sa fare. Si rimane a Poggio alle Mura anche per il secondo concerto, quello del 31 luglio, con l’esibizione del duo Bosso - Mazzariello. Fabrizio Bosso e Julian Olivier Mazariello non hanno bisogno di presentazioni e rappresentano quanto di meglio il panorama jazz nazionale possa oggi offrire. Amici e collaboratori da oltre 18 anni, presenteranno un progetto assolutamente unico ed intimo, con composizioni originali e reinterpretazioni di grandi classici del jazz e non solo. Grande concerto e grandissima location per il terzo appuntamento, quello del 1 agosto, di scena nella suggestiva cornice della millenaria Abbazia di Sant’Antimo, con la performance del trio Girotto, Servillo, Mangalavite, tre artisti a tutto tondo, per una notte che si preannuncia semplicemente magica. Il trio, già in passato al Jazz & Wine, ritorna con un progetto legato all’ultima loro opera discografica, “Parientes”. La chiusura, 2 agosto, con l’artista brasiliana Rosalia de Souza che si esibirà nel cuore di Montalcino, in Piazza del Popolo. Sonorità latine, ma anche reinterpretazione di grandi classici internazionali, per una grandissima voce internazionale, accompagnata dal suo quintetto, che stupirà per sonorità, classe e personalità.
Tramonto DiVino, il road show del gusto dell’Emilia-Romagna, nel nome del padre della cucina italiana Pellegrino Artusi, a 200 anni dalla sua nascita, non si ferma, e con uno scatto di resilienza apparecchia le notti in Riviera, nei borghi e nelle città d’arte con il meglio del cibo e del vino dell’Emilia-Romagna servito a tavola in sicurezza, seguendo le regole del distanziamento sociale. Quest’anno, saranno sette le date, a partire dal 31 luglio, di cui sei in Emilia-Romagna e una in Germania a Francoforte sul Meno, dove Enoteca Regionale (al suo cinquantesimo anniversario) gestisce il ristorante “In Cantina”, vera enclave di promozione e cultura dell’Emilia-Romagna enogastronomica. Rivoluzionario il format che, facendo di necessità virtù, è stato progettato in sicurezza con un layout più simile a una cena-degustazione, con posti limitati. Il nuovo format sostituisce la classica libera degustazione in piedi che, ad ogni tappa di Tramonto DiVino, richiamava centinaia di winelower e gastronauti con inevitabili “assembramenti” ai banchi d’assaggio. Via libera quindi ai piatti degli chef stellati dell’Associazione CheftoChef, e alle carte vini in abbinamento elaborate in esclusiva dai Sommelier Ais.
In Sicilia, a Castelbuono, torna il DiVino Festival, in un’edizione n. 14 particolare, per celebrare in totale sicurezza, l’Arte dell’Incontro. Dal 31 luglio al 2 agosto il programma, forzatamente ridotto, propone, come sempre, spettacoli serali, degustazioni wine & food, alla scoperta di eccellenze enoiche italiane come il Brunello di Montalcino, l’Erbaluce di Caluso, le Langhe, l’Etna, il Barbaresco, e “I Gioielli di Sicilia”, il Monreale Doc & il Cerasuolo di Vittoria Docg.
Anche ad agosto continuano gli eventi del wine & food: da Principi di Butera, griffe del vino siciliano, tornano gli aperitivi estivi, con i vini dell’azienda in degustazione. In due versioni: Sparkling Aperitif, tutti i giovedì (eccetto il 6 e il 13 agosto), e Sunset Aperitif, una serate enogastronomiche all’insegna del relax e della musica, il 2, 23 e 30 agosto, sempre accompagnati da dj set e dai vini di Principi di Butera.
E anche dalla parte opposta dello Stivale, a Cortina, si torna alla stagione degli eventi: nel post-Covid, l’Hotel de la Poste propone un calendario di appuntamenti in programma nei fine settimana di agosto per coinvolgere gli ospiti dell’hotel e la comunità ampezzana in tutta sicurezza. Si comincia l’8 agosto, con Calici di Stelle n. 8 a Cortina, l’appuntamento fra i più attesi della stagione estiva che unisce al piacere di un calice di ottimo vino il gusto di un tipico piatto ampezzano. Il weekend del 14-16 agosto è invece dedicato all’arte e si aprirà il 14 agosto con il talk in cui la curatrice d’arte Simona Gavioli, ideatrice di BOOMing Contemporary Art, intervisterà Paolo Guzzanti, politico, giornalista e saggista, per proseguire con la festa più glamour di Cortina: la Cena di Ferragosto all’Hotel de la Poste. Il 15 agosto continueranno i talk artistici di Simona Gavioli, che dialogherà con i curatori di “10 artisti 100 mascherine 1000 bambini” Mauro Casotto e Paolo Brinis, giornalista Mediaset: il progetto artistico e solidale è stato ideato da Ars Now Magazine a supporto della Onlus padovana “Amici di Adamitullo” e prevede la realizzazione da parte di 10 artisti di 100 mascherine uniche e diverse, utili anche senza indossarle perché diventano una piccola grande tela bianca sulla quale dipingere ed esprimere solidarietà. Il 23 agosto, poi si terrà la presentazione di Milano - Cortina, la rivista edita da Gruppo Editoriale e DOC-COM, un magazine in italiano e in inglese per narrare in maniera inedita i luoghi che ospiteranno le Olimpiadi invernali del 2026, raccontati attraverso le voci di protagonisti illustri come Matteo Marzotto, Alessandro Benetton, il sindaco di Cortina Gianpietro Ghedina, il conduttore di Petrolio Duilio Giammaria, la fotoreporter Elisabetta Illy.
In Umbria, invece, torna per il secondo anno “La Voce Della Terra” nei borghi di Scheggino, Sant’Anatolia di Narco e la città di Spoleto. Nonostante alcune modifiche subite in corso d’opera in seguito alle restrizioni anti Covid-19, il programma, concepito dall’Associazione Visioninmusica, si svolgerà regolarmente con diversi appuntamenti, l’1 e 2 agosto, poi il 4 settembre e infine il 2 ottobre. L’iniziativa affonda le sue radici nella manifestazione “Il jazz per le terre del Sisma”, che nel 2019 ha lasciato il posto a “La voce della Terra”: questa nuova edizione si pone l’obiettivo di mantenere viva l’attenzione sulla Valnerina e sui suoi borghi, in particolare quelli colpiti dal terremoto, occasione per promuovere, raccontare e valorizzare le risorse di un intero territorio, dove la natura autentica e vigorosa è anche bellezza, spiritualità e opportunità, nell’eredità di una storia preziosa e antica.
La voglia di tornare alla socialità, ad ogni modo, non ferma i tanti appuntamenti digitali: il viaggio enoico #SommelierAtHome di Aspi-Associazione Sommellerie Professionale Italiana prosegue con nuovi incontri online, rivolti ad appassionati e professionisti, alla scoperta dei territori e dei vitigni italiani, regione per regione. Dopo Piemonte, Campania e Lombardia, la protagonista delle tre lezioni online sarà la Sicilia, terra potente ed elegante, unione di tradizione e innovazione. I partecipanti, che riceveranno le tre bottiglie di vino comodamente a casa prima dell’inizio del corso, potranno seguire ogni videoconferenza tramite la piattaforma Zoom in compagnia di Paolo Porfidio, head sommelier del ristorante milanese Terrazza Gallia. Si parte il 7 settembre con “Il Cerasuolo di Vittoria, l’unica Docg siciliana”; poi il 14 settembre, con “Il Passito di Pantelleria, alla scoperta dell’isola del tesoro”; e si chiude il 21 settembre, con “Tra fuoco e mare, i vini vulcanici dell’Etna”.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020